Play Store: da agosto 2019 le app dovranno essere sviluppate per Android Pie

22 Febbraio 2019 23

Gli sviluppatori di app Android sul Play Store saranno obbligati a pubblicare software compatibile con Android 9 Pie a partire da agosto 2019; da novembre 2019 anche gli aggiornamenti di app già esistenti dovranno rispettare lo stesso obbligo.

L'annuncio, pubblicato nelle scorse ore sul blog ufficiale Android Developers, non è per niente inaspettato - anzi, è la prassi: ogni anno Google aggiorna il livello minimo di API che gli sviluppatori devono tenere presente quando preparano le loro app e giochi. Ad ogni livello API corrisponde una versione di Android: con Pie siamo arrivati al 28. In genere Google fa passare circa un anno dal rilascio di una versione di Android all'obbligo per gli sviluppatori di scrivere app ottimizzate per il rispettivo livello API.

In aggiunta, Google aggiornerà i livelli API anche per gli avvisi di app obsolete installate al di fuori del Play Store inviati da Play Protect: da agosto 2019, si riceveranno se si installano app sviluppate per versioni di Android precedenti alla 8.0 Oreo (livello API 26); da novembre 2019 lo stesso limite sarà esteso agli aggiornamenti di app esistenti.

Il top gamma 2018 più completo sul mercato? Samsung Galaxy S9 Plus, in offerta oggi da Phoneclick a 459 euro oppure da Amazon a 589 euro.

23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sheldon!

@iNicc0lo hai dimenticato di pagare Disqus? Perché sono tornate le pubblicità

Michele Ruggieri

C'è anche da dire che per fortuna negli ultimi anni è molto migliorata

Daniele

OT:
Qualcuno conosce qualche corso online valido (anche a pagamento) per imparare a sviluppare App Android?
Consigli su come cominciare?
Sono uno studente universitario e il corso di programmazione di dispositivi mobili da me è abbastanza penoso...

Horatio

Ah, perché adesso no? -.-

Yuri Iovara

idem al contrario

Bestmark 3.0

Io trovo ancora più assurdo il fatto che io utente con smartphone 16:9 non posso visualizzare correttamente le storie fatte da uno smartphone 18:9 o superiore

Mario

Convincersi che questi siano dei vantaggi fa un po' ridere.
Il vero punto è che sviluppare e manutenere un'app (due se sviluppate nativamente per iOS e Android) ha un costo che non aiuta a mantenere le tariffe concorrenziali di Iliad.
Il vero motivo è questo ed è più che accettabile.

Però il tuo elenco non sta in piedi, perché:
- tutte le app ufficiali dei gestori hanno l'autologin quando sei connesso alla rete dati;
- che un'app succhi risorse in background è un limite di chi l'ha sviluppata, non dell'app in quanto touchpoint;
- anche i siti web "spiano" e, come sopra, è colpa di chi l'ha sviluppata chiedere permessi per funzionalità non-core. Noi siamo liberi di non concedere i permessi che riteniamo non pertinenti;

Detto cioò, sono in attesa che mi consegnino la SIM, da 2 settimane :(

MikaHakkinen

Se un giorno si decideranno prima o poi a mettere il contatore dati per l'estero...

Mario&Luigi

Purtroppo è questo il “male” di Android. E il fatto che renda il tutto frammentato

JUDVS

Friendship with Windows Mobile ended.
Now Iliad is my best friend.

yepp

Fortunatamente con iliad non c'è bisogno di alcuna app, si usa direttamente il sito web che è il top perché:
- è leggero come una piuma
- è comodo perché ti ritrovi automaticamente loggato nella tua area personale, senza dover immettere nome utente e password (vieni riconosciuto automaticamente dalla "rete dati")
- essendo un sito web, si aggiorna automaticamente lato server, quindi non devi scaricare aggiornamenti dallo store
- non essendo un'app, non rimane in esecuzione in background, quindi non succhia risorse
- non spia gli utenti concedendosi permessi superflui, come spesso molte app fanno

ErCipolla

Le App rimangono retro-compatibili con le vecchie versioni. La differenza è che devono essere sviluppate e compilate con l'sdk di Pie, il che garantisce l'uso delle ultime versioni di librerie e api (maggiore sicurezza e coerenza grafica)

J.H. Bolivar Pacheco

Grazie del chiarimento, avevo mal interpretato io.

qandrav

google è troppo permissiva, ma almeno qualcosina migliorerà (spero)=

J.H. Bolivar Pacheco

Ah , ok. Avevo mal interpretato io.
grazie mille.

Compatibili solo con pie vuol dire eliminare miliardi di dispositivi anche nuovi. Passa molto tempo prima che una versione di Android non si più supportata e di solito che fanno fuori una versione alla volta mi pare

an-cic

non sta scritto da nessuna parte che saranno compatibili solo con pie... dovranno essere per forza compatibili anche con pie, che è diverso

Rdl13

a me non permette di ricaricare con paypal ahahah

J.H. Bolivar Pacheco

Sono curioso se Fire OS sarà la volta buona che lo aggiornano, se è vero che poi le APP saranno compatibili solo con PIE.
Io ho ancora FIRE OS su Fire stick e Fire 8 HD basato su Lollipop.

Patroclo Grecia

bhe si, ma è un app molto minimalista, ha 2 funzioni in croce

Ansem The Seeker Of Darkness

Quella di Ho non è male dai!

Scemo 2.0
an-cic

spero sia la volta buona che tiscali aggiorni la sua app per pie.

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO

24 ore con Samsung Galaxy S10e: difficile tornare indietro...

Recensione Amazfit Verge, smartwatch completo e adatto a tutti