OnePlus 6T ancora nelle mani di JerryRigEverything: è il turno del teardown

08 Novembre 2018 6

Per JerryRigEverything è tempo di effettuare l'ennesimo teardown per osservare un nuovo smartphone da una prospettiva non comune: il suo interno. È il turno di OnePlus 6T, già sottoposto a tortura a pochi minuti dall’annuncio ufficiale e ora analizzato nel dettaglio per scoprire cosa è nascosto sotto la scocca. Di sicuro Zack non troverà nessuna porta da 3,5mm, che OnePlus ha deciso di eliminare per far spazio al sensore delle impronte digitali sotto il display senza compromettere lo spazio a disposizione della batteria.

Appena aperto - nel video si può osservare come il dispositivo sottoposto a teardown sia quello modificato alcuni giorni fa con back cover trasparente - ci si trova davanti ad una componentistica ordinata e ben assemblata, con a lato lo slider a tre scatti per silenziare lo smartphone.

Il teardown mostra la scheda madre, le due fotocamere posteriori (una sola ha la stabilizzazione ottica) e quella frontale (con EIS), per poi concentrarsi sulla parte che desta forse più interesse: il sensore biometrico integrato al display AMOLED. Altro non si tratta che di un piccolo sensore con annessa una lente che emette un fascio di luce verde che, attraverso un foro sul pannello del display, illumina il polpastrello dell’utente per interpretarne i dati.


Funzionerà OnePlus 6T una volta riassemblato? Questo ve lo lasciamo scoprire guardando il video del teardown.

VIDEO

OnePlus 6T è disponibile su a 581 euro.
(aggiornamento del 13 novembre 2018, ore 12:56)

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Dario Scalici Palmeri

ah ok grazie mille

Fabios112

Huawei in america escono sempre un po' dopo

Dario Scalici Palmeri

ma quando testerà il mate 20 pro???????

Techno30

Il teardownche mi ha stupito di più ultimamente è stato quello del pocophone f1, che posseggo. Devo ammettere che all'inizio pensavo che il raffreddamento al liquido di cui parlava pocophone funzionava poco e niente, ma ho fatto una prova e ho fatto una sessione di gioco per un ora e mezza (solo per curiosità, di solito gioco per massimo 10 minuti ogni tanto) con real racing, asfalto 9 e fornite e sono rimasto impressionato dall'efficienza dimostrata avendo mantenuto le temperature intorno ai 40°C con il processore che lavorava al massimo. Veramente fantastico per uno smartphone che costa appena 300€. Non esiste di meglio neanche poco sotto ai 500

Tiwi

sembra ben fatto

Top Cat

Google Pixel 3: live batteria (2915 mAh) | Fine 18.55

Recensione Sony KD-55XF9005, Android TV UHD con Dolby Vision ed elettronica top

Samsung Galaxy A7 2018: live batteria (3300mAh) | Fine ore 22:55

OnePlus 6T (3.700mAh): Live Batteria concluso alle 22:50