Riconoscimento musicale di Google Assistant ora più accurato e veloce

17 Settembre 2018 15

Google ha implementato sui Pixel di seconda generazione un sistema per il riconoscimento dei brani musicali, chiamato Now Playing, che sfrutta le reti neurali per garantire un basso dispendio energetico e un'elevata efficienza. Tale servizio è sempre attivo nei dispositivi compatibili e trasforma le brevi tracce audio rilevate in una sorta di "impronta digitale" che viene sfruttata per l'individuazione del titolo corretto all'interno di un database offline continuamente aggiornato lato server.

Questo sistema si è rilevato decisamente più accurato rispetto a Sound Search, l'altro servizio Google per il riconoscimento dei brani presente in Assistant e in tutti gli smartphone Android.

Per colmare il gap tra i due, il team di sviluppatori Google ha recentemente rilasciato una nuova versione di Sound Search che sfrutta la stessa tecnologia di Now Playing e, quindi, offre un riconoscimento più veloce e preciso. Ricordiamo che Sound Search può essere attivato tramite comandi vocali oppure tramite l'apposito widget.


Nonostante le due piattaforme sfruttino entrambe le reti neurali convoluzionali per trasformare i pochi secondi audio in "impronte digitali", il servizio online (Sound Search) richiede una potenza di calcolo ancora superiore in quanto il suo database musicale è decisamente più vasto rispetto a quello offline di Now Playing (milioni di brani rispetto a qualche migliaia). Per garantire prestazioni simili, Google ha apportato alcune importanti modifiche.

Il riconoscimento dei brani musicali avviene in due fasi, la prima esegue una ricerca veloce e approssimativa che ha lo scopo di restringere il cerchio dei candidati, la seconda, più accurata, analizza ciascuna partizione estrapolata dalla traccia audio e riesce a rilevare il titolo corretto della canzone.

In Sound Search è stata quadruplicata la dimensione della rete neurale in modo da ridurre la quantità di lavoro della stessa e migliorare ulteriormente la qualità della fase due. Inoltre, è stato raddoppiato il numero delle "impronte digitali audio" rilevate che ora sono da 0,5 secondi anziché da 1 secondo ciascuna.

Secondo quanto dichiarato da Google, i sistemi di riconoscimento possono essere ulteriormente affinati e resi più precisi soprattutto quando un brano musicale viene riprodotto a basso volume o in ambienti molto rumorosi.

Fateci sapere nei commenti se utilizzate abitualmente Sound Search e se avete riscontrato dei miglioramenti tangibili negli ultimi giorni.

(aggiornamento del 23 aprile 2019, ore 11:11)

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vuoshino

Ok risolto. Bisogna chiedere che canzone è

Vuoshino

Provato ma mi dice scusa non ho capito...

Sh0K

dipende

cherokee.
Vuoshino

Che comando devo dare ad assistant?

acca

Dipende...

cherokee.

Shazam ci mette pochissimo a riconoscere la canzone

cherokee.

tieni premuto il tasto home immagino

Vuoshino

come faccio ad attivarlo o scaricarlo su s9+ visto che nel playstore non lo trovo...

talme94

Sound search c'è da anni anche se non è mai stato all'altezza di shazam

Raiden

Non pensavo neppure che ci fosse questa funzionalità! Una scusa in più per levare quel carrozzone di Shazam

mmhoppure

prima sound search era una favola e soprattutto ti faceva rivedere le ultime canzoni ricercate..ora non si può vedere!!!!

boosook

Assistant sempre meglio.

untore

Comodo e preciso, provato più volte anche in locali rumorosi e ha semore funzionato. Ma quanto è brutta l'icona del widget? Un bollino gigante anonimo, ma perché?

marco

Era ora, d10 santo è lentissima.

24 ore con Nokia 9 PureView: 5 fotocamere ma...

Huawei P30 e P30 Pro ufficiali: video anteprima

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO