RECENSIONE Oppo Find X Lamborghini Edition: stupendo ma non perfetto

14 Settembre 2018 386

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Inutile che ve lo dica, lo sapete meglio di me, da qualche tempo a questa parte gli smartphone sembrano tutti molto simili, se non addirittura uguali. Ok, la direzione è quella, display sempre più grandi in chassis dalle dimensioni accettabili che hanno come conseguenza cornici sempre più ridotte e, in molti casi, la presenza del famigerato notch o tacca, a rovinare l'armonia di un design che potrebbe essere davvero pulito ed essenziale ma allo stesso tempo elegantissimo.

Ecco perchè in questo marasma di soluzioni mi è piaciuto così tanto provare il nuovo Oppo Find X. Al di là del fatto di aver ricevuto un sample dell'esclusiva versione Lamborghini Edition da ben 1700 euro, Oppo Find X è finalmente una soluzione differente. Un prodotto che adotta un sistema di fotocamere a scomparsa che è indubbiamente un azzardo dal punto di vista stilistico e meccanico, ma che permette allo stesso tempo di ottenere un design al momento senza paragoni.

Ma è tutto oro qello che luccica, indubbiamente no, mancanze e difetti ci sono anche qui, ma una cosa è certa: amici e parenti rimarranno a bocca aperta.

QUANDO IL DESIGN FA' LA DIFFERENZA

Parto a parlarvi di questo Oppo Find X proprio dal design, e non potrei fare altrimenti. Parliamo di una soluzione che ha nelle sue linee, nei materiali e nel dettaglio del suo frontale full screen le caratteristiche che lo rendono così interessante. Fronte e retro sono interamente realizzati in vetro, per la precisione un vetro Corning Gorilla Glass 5, che si è rivelato molto resistente ai graffi ma anche ben protetto dalle impronte grazie ad un trattamento oleofobico decisamente efficace.

Attenzione però ad appoggiarlo su una superficie non perfettamente piana o con poco grip. Per esperienza personale vi assicuro che senza cover rischierete che lo smartphone scivoli lentamente fino al bordo del tavolo o del comodino per poi cadere rovinosamente a terra.

La cornice è in materiale metallico, così come la porzione di back cover che si solleva per mostrare le fotocamere. Fotocamere a scomparsa che sono mosse da un meccanismo che Oppo garantisce per 300.000 cicli. Pochi o tanti? Considerando che il meccanismo si attiva ad ogni sblocco del terminale per poter riconoscere il viso e ipotizzando 100 aperture al giorno (l'unica giornata in cui le ho contate sono arrivato ad 85), significherebbe 3.000 giorni di utilizzo, ovvero più di 8 anni. Sappiamo bene che uno smartphone oggi giorno ha una vita media decisamente più corta.


Insomma, teoricamente dovremmo poter stare tranquilli, se non fosse che osservando l'incavo in cui si trovano le fotocamere, sia quella anteriore che quelle posteriori, non potrete non notare la polvere che va formandosi all'interno dello stesso. Ecco, mi è presa letteralmente l'ansia da polvere, e con la paura che si potesse infilare qualche granello negli ingranaggi il panno antistatico è diventato il mio compagno di vita più stretto.

Dicevamo poi dello sblocco tramite riconoscimento del viso. Si tratta di una delle versioni di questo sistema di sblocco più veloci e precise che io abbia provato finora. Funziona bene in ogni frangente: con e senza occhiali, con e senza il cappello, di giorno, la sera, la notte e pure con gli occhiali da sole (con gli occhiali da sole di notte non ho provato, ma mi sembra un pattern di utilizzo piuttosto scomodo).


Manca il jack audio ma in confezione abbiamo delle ottime auricolari Bluetooth, nel nostro caso marchiate Lamborghini come lo smartphone, e l'adattatore da USB-C, che qui è soltanto in versione 2.0, a jack audio da 3.5mm. Nella parte bassa della cornice troviamo anche il carrellino per le due SIM in formato Nano.

Complessivamente devo dire che nonostante le dimensioni generose del display questo Find X conserva una buona ergonomia, dovuta soprattutto al fatto che le cornici sono davvero molto ridotte su tutti e 4 i lati, con un rapporto dimensioni schermo-corpo che sfiora il 94%. Peccato manchi la certificazione IP in qualsiasi suo grado, che ne attesterebbe la resistenza da acqua e povere.

DISPLAY SENZA CORNICI, MA PROPRIO SENZA

Abbiamo citato il display parlando delle dimensioni ed quindi giusto che ve ne parli un pochino più nello specifico. Si tratta di una unità da 6,4 pollici di diagonale a risoluzione FullHD+, con un rapporto d'aspetto di 19,5:9 e tecnologia AMOLED. Nel complesso una soluzione che offre buone prestazioni e che è assolutamente reso protagonista della scena dalla sostanziale mancanza di cornici.

La luminosità massima è buona, parliamo di 415 nits, che garantiscono una buona visibilità all'aperto anche in funzione del rapporto di contrasto sostanzialmente infinito che deriva dalla presenza di neri assoluti. Nessun problema anche quando indossiamo gli occhiali da sole polarizzati, il display è infatti trattato in modo che possa essere visibile con qualsiasi orientamento.



Ottima la copertura dello standard sRGB, che si attesta ad oltre il 140%, così come quella del riferimento Adobe RGB, superiore al 93%. Solo discreta la precisione dei colori, con un Delta e di 5,6, un pochino troppo alto ma comunque ancora in un range di errore accettabile. Nessun problema nemmeno per quanto riguarda l'angolo di visione che è ottimo sia inclinando lo smartphone sull'asse orizzontale che su quello verticale.

In fin dei conti quindi un pannello in grado di soddisfare le esigenze di tutti gli utenti e che diventa elemento di design fondamentale, in grado indubbiamente di regalare un effetto scenico importante.

FOTOCAMERE BUONE

E giungiamo alle fotocamere che, come già anticipato, sono a scomparsa. Una caratteristica che potrebbe far pensare a tempi di attesa un po' più lunghi per la preparazione di uno scatto. Falso, in realtà la reazione all'apertura dell'app fotocamera è immediata e in meno di due secondi siamo sempre pronti per catturare la nostra foto. Inoltre è possibile anche avviare la fotocamera senza sbloccare lo smartphone, direttamente dalla schermata di blocco per ridurre ulteriormente le tempistiche.

L'interfaccia è semplice da utilizzare e, graficamente e per impostazione, ricorda in maniera abbastanza spiccata quella della fotocamera degli iPhone.

I due sensori principali, posizionati sul retro sono dotati di una risoluzione di 16 e 20 megapixel. Con la fotocamera da 16 megapixel, con apertura f/2.0 e stabilizzazione ottica, chiamata a svolgere il ruolo principale e quella da 20, f/2.0 anch'essa, ad accompagnarla.

Molto buone le foto scattate di giorno che risultano ricche di dettagli, con colori accesi e ben contrastati e con una buona gestione delle alte e delle basse luci, ottenuta anche grazie ad un HDR particolarmente efficace. Molto buona anche la velocità di messa a fuoco e la regolazione automatica dell'esposizione. Non manca il riconoscimento automatico delle scene (fino a 21 diverse) e la modalità ritratto che, sempre riprendendo i melafonini, permette di applicare effetti di luce particolari alle foto.

Ovviamente, come accade per tutti gli smartphone, anche le fotocamere di Oppo Find X mostrano il fianco quando le condizioni di luce si fanno più complesse. Devo dire che i risultati ottenuti sono però migliori delle aspettative, che erano ad onor del vero abbastanza basse.

Gli scatti non sono invece poi così male. Certo, subentra un pochino di rumore di fondo e più la scena è buia maggiore è la perdita di dettaglio. Tuttavia, complice anche un bilanciamento dei colori molto preciso e una buona gestione delle fonti di luce diretta, abbiamo sempre delle foto che sono tutto sommato piacevoli da riguardare.

Più che buona anche la fotocamere frontale, dotata di un sensore da 25 megapixel di risoluzione. Le foto scattate in modalità selfie sono abbastanza nitide e ricche di dettaglio, specialmente in presenza di buona luce, e sono anche in questo caso caratterizzate da una buona gestione del bilanciamento dei colori. Anche in questo caso è possibile poi attivare la modalità ritratto, che permette di applicare i filtri di luce che abbiamo anche quando scattiamo con la fotocamera principale.

Infine non manca la possibilità di registrare video fino ad una risoluzione massima di 4K a 30fps con una qualità piuttosto buona. La messa a fuoco è veloce e precisa e anche la regolazione dell'esposizione avviene rapidamente ma con un passaggio fluido. La stabilizzazione ottica è abbastanza efficace e, soprattutto in fullHD a 60 fps (come il video riportato qui), riusciamo ad avare video ben fermi e fluidi nei movimenti.

HARDWARE E PRESTAZIONI

All'interno di questo Oppo Find X abbiamo un hardware di tutto rispetto che porta a prestazioni ottime in ogni situazione. Il cuore del prodotto è del resto un SoC Qualcomm Snapdragon 845, accompagnato da ben 8 GB di RAM e 512 GB di memoria di storage (la versione non Lamborghini ne ha invece 256).

Come anticipato questa dotazione è quindi in grado di garantire ottime performance in ogni momento e a seguito di qualsiasi richiesta. In questi giorni ho ovviamente utilizzato questo smartphone come fosse il mio principale e non ho mai notato un rallentamento, un'incertezza, o un crash di una applicazione. Tutto gira in maniera molto fluida e non si ha mai la sensazione di necessitare maggiore potenza di calcolo.

Possiamo giocare anche a titoli con grafica 3D senza dover sacrificare dettaglio ed effetti di luce, così come possiamo sfruttare al massimo delle potenzialità il multitasking, anche con schermo condiviso.

SCHEDA TECNICA:

  • Dimensioni: 156.7 x 74.2 x 9.4 mm per 186 grammi
  • Sistema operativo Android 8.1 Oreo con Color OS 5.1
  • Display AMOLED da 6,4” FHD+ 19,5:9 con densità di 401ppi
  • Fronte e retro in Gorilla Glass 5
  • SoC Qualcomm SDM845 Snapdragon 845 (4x2.8 GHz Kryo 385 Gold & 4x1.7 GHz Kryo 385 Silver)
  • GPU Adreno 630
  • 8GB di RAM
  • Storage 512 GB (Lamborghini edition) 256 GB (versione standard)
  • Dual SIM
  • Sblocco con riconoscimento facciale
  • Connettività 4G+, WiFi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, Bluetooth 5.0,, GPS+GLONASS, USB Type-C 2.0
  • Radio FM
  • No Jack da 3,5mm
  • Batteria da 3400mAh (2 x 1700) con supporto alla ricarica Super VOOC (da 0 a 100% in 35/40 min)
  • Cam anteriore da 25 MP (apertura f/2.2)
  • Doppia cam posteriore da 16+20MP con riconoscimento scene (apertura f/2.0)
  • No certificazione IP

La gestione della RAM è un pochino troppo aggressiva e spesso accade di trovarsi a dover ricaricare applicazioni che in realtà erano state lasciate aperte. Lo smartphone è comunque molto rapido quindi i tempi di attesa non si dilatano in maniera evidente, ma in alcuni casi può essere comunque una scocciatura.

Non manca il DRM Widevine di Livello 1, che permette di guardare i contenuti di Netflix in HD, dettaglio fondamentale data l'importanza di un elemento come il display, in grado di fornire un'esperienza di visone unica. Completa anche la connettività con WiFi dual band, 4G+, manca NFC, Bluetooth 5.0 e GPS con A-GPS e Glonass.

Insomma non manca davvero nulla e nonostante il design full screen Oppo non ha sacrificato una capsula auricolare standard, quasi invisibile ma in grado di svolgere bene il suo lavoro, anche in vivavoce. Molto buona la ricezione, così come non delude nemmeno l'audio multimediale dallo speaker, che risulta di buona qualità e dotato di un discreto volume.

LA COLOR OS È DA RIVEDERE

Purtroppo come detto in apertura non è tutto oro quello che luccica e oltre alla mancanza del jack e della certificazione IP c'è un'altro motivo per il quale questo Oppo Find X, per quanto bellissimo, non può considerarsi al top in tutto e per tutto.

Parlo del software che è ovviamente Android, in versione 8.1, personalizzato però con l'interfaccia Color OS, che è purtroppo un mezzo disastro. Graficamente non sarebbe nemmeno così male, meglio sicuramente di altre proposte concorrenti (leggi EMUI) ma dal punto di vista dell'usabilità sembra quasi un software ancora in fase di sviluppo.

Il problema più grande riguarda le notifiche. Non c'è modo di visualizzare le icone nella barra delle notifiche e per verificarne la presenza bisogna per forza di cose espandere la tendina oppure affidarsi ai badge sulle icone nella home.

Una volta appurata la presenza di una notifica poi, nel caso in cui volessimo eliminarla non basta il solito semplice swipe da sinistra a destra. Bisogna infatti effettuare uno swipe nel senso opposto e a quel punto cliccare sull'icona col cestino che compare alla destra della notifica. Sicuramente meno intuitivo e veloce del solito.

Le impostazioni sono spesso più scarne di quelle degli altri smartphone Android, oltre che tradotte in maniera non esattamente perfetta. Un esempio è la voce Batteria, al cui interno abbiamo solo tre voci, nessuna delle quali ci permette di avere un grafico della scarica, informazioni sulle ore di schermo acceso e una previsione sul tempo rimanente prima dello spegnimento.

Anche una operazione semplice come può essere il cambiare lo sfondo necessita di almeno 3 passaggi in più rispetto alla maggioranza delle soluzioni Android.

Sono poi presenti delle gesture che però non sempre funzionano come dovrebbero e che non includono quelle per eliminare i tasti di navigazione. Le principali sono il doppio tap per risvegliare lo schermo, un doppio swipe verso il basso sulla cornice per tornare all'app precedente e uno swipe verso l'alto con tre dita al centro dello schermo per attivare il multitasking a doppia finestre.

Punto di domanda, infine, sugli aggiornamenti. Arriveranno? Quanti? Quali? E dopo quanto tempo?

AUTONOMIA OK E SUPER VOOC

Purtroppo i pochissimi dati presenti all'interno delle impostazioni riguardanti la batteria non ci hanno permesso di fornirvi una analisi sufficientemente approfondita durante il nostro consueto live. Posso però dirvi che la batteria da 3400 mAh, alla fine pare essere questa la capacità del modulo della versione Lamborghini, è stata in grado di portarmi sempre fino ad ora di cena senza problemi.

In giornate di utilizzo lavorativo standard si arriva anche a sera con un 30% circa di autonomia residua e non escludo si possano coprire le due giornate di autonomia in caso di uso sporadico.

In ogni caso, se vi doveste trovare in emergenza potete comunque contare sulla velocissima ricarica Super VOOC che, cronometro alla mano, è in grado di caricare il vostro Find X in meno di 40 minuti. In che modo? All'interno della scocca sono celate due celle da 1700 mAh l'una che vendono caricate in parallelo praticamente dimezzando quelli che dovrebbero essere i tempi di ricarica standard.

CONCLUSIONI

Che dire quindi in conclusione? Questo Oppo Find X, in versione Lamborghini come anche nella sua versione standard, è sicuramente uno smartphone che merita attenzione per le scelte stilistiche. A mio parere è infatti lo smartphone più bello sul mercato; con il suo design sinuoso e il frontale praticamente davvero interamente occupato solo dallo schermo è un prodotto impossibile da non notare.

E non funziona nemmeno male, anzi, la scheda tecnica è di prim'ordine e le prestazioni la seguono a ruota. Il display è molto buono e le fotocamere non deludono. Quindi dove stanno i difetti? Beh, come già detto la mancanza del jack, la USB Type-C solo 2.0 e l'assenza di impermeabilità sono dei punti a sfavore, ma il problema più grosso è indubbiamente la Color OS, ancora troppo acerba.

Il prezzo della Lamborghini Edition, 1700 euro, sarebbe comunque fuori scala anche senza difetti, ma in questi casi sappiamo che il marchio vuole la sua parte e probabilmente nemmeno la stessa Oppo si aspetta di venderne in grandi quantità. Ma comunque, anche per scucire dalle tasche degli utenti i 999 euro della versione standard, senza che siano considerati eccessivi, serve che i difetti, specialmente quelli relativi al software, vengano risolti al più presto.

PRO E CONTRO
È bellissimoDisplay senza corniciPrestazioniFotocamere
PrezzoColor OSManca il jackNo impremeabileNO NFC

VOTO: 8.5

VIDEO

Oppo Find X è disponibile su a 797 euro.
(aggiornamento del 26 settembre 2018, ore 12:01)

386

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Slevin Kelevra

Il miglior iPhone di sempre..
Avesse la Mela stampata dietro ne venderebbero a camionate anche a 2000€..
PS: ho iPhone e iPad, questa è l'innovazione "rischiosa" che vorrei vedere da Apple.. altro che notch & l'App Righello.. bhà!

jose manu

Quanta acidità

jose manu

Come mai non sono in buoni rapporti?

M3r71n0

Come dici tu.

derapage

''se i dirigenti di lamborghini un giorno volessere aprire una sezione che produce "gadget" chiederebbe altissimi livelli di qualità e innovazione, visto il brand.''
gli stessi dirigenti che hanno approvato la Urus che utilizza un buon 80% di componenti riciclati da Q7 e Tuareg con tanto di marchio VW stampato su?!

Ferrari che investe pesantemente nel merchandising (decine di milioni di fatturato) realizza prodotti di qualità ma tutt'altro che di eccellenza e in quei rari casi in cui vuole prodotti di elite si appoggia a marchi prestigiosi.
La tua è una ipotesi fantasiosa ma lontanissima dalla realtà dei fatti. Tutte le aziende di prestigio quando si rivolgeranno sempre ad esterni per la realizzazione di prodotti lontani dal proprio know how tecnico.

M3r71n0

Ma scusa a che pro dire che lavoro faccio? Al fine di passare per uno sbruffone? No grazie. Non ci vuole nessun titolo per capire che se i dirigenti di lamborghini un giorno volessere aprire una sezione che produce "gadget" chiederebbe altissimi livelli di qualità e innovazione, visto il brand... ed è in quel caso che 1700€ risulterebbero "accettabili" per me.
Tutto il resto, il titolo di studio, dove lavori, l'esperienza nel campo automotive, non c'entra un cavolo con il mio discorso, tranne il voler rafforzare la validità dei tuoi precedenti commenti.
Hai preso un abbaglio, credo che lo si possa tranquillamente asserire senza stare qui a continuare all'infinito. Basta davvero. Pensala come vuoi, ma basta.

derapage

Allora dillo in che settore lavori... io in quel settore non solo ci lavoro ma ho avuto modo di metter mano su prodotti di Lambo, Ferrari, Mercedes, Aston ecc... smontandole e letteralmente segandole a pezzi. Se hai fatto lo stesso e ritieni che la cura del minimo dettaglio su un auto sia paragonabile a quella del mondo elettronico probabilmente viviamo su mondi differenti.
Non voglio dire che in automotive si lavori male ma che sono 2 mondi assolutamente differenti e certi livelli di precisioni non sono richiesti, non sono raggiungibili e sono inutilmente costosi.

M3r71n0

Lo vedi quanto sei misero.
Sai io in che settore lavoro?
Diceva un vecchio saggio: a volte è meglio tacere e sembrare stup1d0 che aprire bocca e togliere ogni dubbio.

derapage

I controlli qualitativi delle auto rispetto all'elettronica fanno ridere... ma tu ne sai sicuramente più di uno del settore.

M3r71n0

Solitamente mai a chi esprime un ipotesi o un suo pensiero, o per lo meno, mai per sindacare.
... e comunque, ma ti leggi quando scrivi? Michiata cosa? Chi ti fa dire che non sia possibile per Lamborghini aprire un giorno una sezione "franchising" o "elettronica di consumo" per far produrre dei propri smartphone? (In quel caso, di sicuro i controlli qualitativi saranno certamente miliardi di volte migliori di quelli di Oppo.) Chi sei? Ferruccio Lamborghini per dire che la mia ipotesi è una minchiata?
Basta, mi innervosisco sempre quando discuto con chi crede di sapere e invece non sa nulla. Non ho voglia. Ciao.

derapage

immagino che tu non replichi mai a chi scrive una minchiata...

M3r71n0

Se pe te non ha senso, che mi rispondi a fà?

derapage

''Se lo avessero ideato i progettisti della lamborghini e lo avessero assemblato negli stabilimenti Lambo''
la risposta è:
se lo avessero progettato e realizzato progettisti lamborghini che non hanno nessuna competenza in merito e lo avessero assemblato meccanici abituati a usare avvitatori pneumatici sarebbe stato un dispositivo valido?!?
è la tua ipotesi di base che non ha minimamente senso...

M3r71n0

Volete fare tanto i professoroni con argomentazioni e fatti e poi non sapete nemmeno restare in tema.
Rileggi il mio commento iniziale e soffermati sul primo termine (SE) almeno per un ora.

derapage

ma cosa c'entra?! è una azienda automotive (che conosco anche molto bene per lavoro) e per quanto sia tecnologicamente all'avanguardia non puoi certo assemblare materiale elettronico nelle loro officine! pensi che gli impianti infotainment o le ECU se li facciano loro?!

lelemar

Web e Social li copri bene anche con un medio gamma, per cui mi concentrerei sulle altre due esigenze da te elencate, cioè Foto e Video.
In questo caso sì che un top gamma ti darebbe un vantaggio notevole sui medio gamma e ti consiglierei S9+ rispetto al OP6 in quanto ritengo che la qualità sia lato foto che video sia superiore sul S9+, oltre ad avere la lente con zoom 2x che ritengo sia un buon valore aggiunto

matteventu

No ovviamente.

matteventu

Intende rispetto a Vivo, che viene usata di solito per la fascia top.

Desmond Hume
Carburano

Solo il Lamborghini ha entrambi

Andy Rice

Esteticamente davvero bello

Sagitt

lascia stare che xs è costoso, ma:
- cosa centra apple care?
- cosa centrano le airpods?
- cosa centra la custodia apple?
- l'alimentatore rapido non è per forza di cose un bene
- il cavo usb-c non mi pare sia un obbligo ed un adattatore costa 2€

quindi evita di fare analisi campate per aria

turbognu

990 sono sempre un prezzo folle per sto robo quì

Luca Lucani

caxxate incredibili

Ice Queen

Quoto!

Stefano Ferri

Avrebbe più senso svenarsi per questo? Correttore del diamine.

jhonroio

Non ho preso il Lamborghini ovviamente!!! Ho preso il normale!!!

Orlaf
Orlaf

Così bello che si flette solo a guardarlo.

Ma nessuno mette mai in conto la fragilità della scocca.

Sheldon!

Si ma è un edizione speciale, esiste il prodotto per le masse che costa 700€ in meno ed è uguale

Desmond Hume

Fai male a dubitare.

LowRangeMan

A me ste cose non piacciono sinceramente... Ora, si potrebbe tranquillamente convivere con mezzo cm di cornice, ma a quanto pare la gente preferisce complicarsi la vita con meccanismo a scorrimento più o meno motorizzati.

Sono meccanismi che, per quanto solidi, causano problemi all'impermeabilità e, in caso di caduta, non possono essere resistenti come un pezzo unico di alluminio. E' fisica, ma vallo a spiegare...

Choz Chozzy

Ma dubito ci sia qualcuno che pensa che i prezzi di apple siano giusti...

Flagship

Posto che il Find X standard è drammaticamente sovraprezzato anch'esso...
Non tutti i possessori di iPhone fanno Apple-Care.
Non tutti i possessori di iPhone comprano il caricabatterie rapido.
E non tutti i possessori di iPhone comprano le AirPods.
Non capisco sulla base di cosa, o quali statistiche fai certe affermazioni.
Continui a portare esempi opinabili solo per cercare di avere ragione.
Ma l'unica cosa che dimostri è il tuo appoggiarti a luoghi comuni.
Cosa vuoi dimostrare? Che quattro Apple fanboyz del blog giustificano prezzi stellari di Apple ma non di Oppo? Si certo. E' verissimo.
E quindi?
Le persone razionali sanno benissimo che qualsiasi telefono,QUALSIASI, proposto a certe cifre non vale minimamente quello che costa.
Punto e fine.

The frame

Perché oggettivamente, per la maggior parte delle persone, non è fondamentale dato che viene fornito un adattatore, senza contare che le cuffie wireless sono sempre più utilizzate. E caxxo ridi giusto qui me lo puoi dire, perché nel mondo reale abbasseresti lo sguardo . Saluti

Desmond Hume

Sono semplicemente gli accessori/servizi qui compresi che qualsiasi apple lover finisce per acquistare se non vuole ad esempio spendere 600 euro per il vetro alla prima caduta di iphone.

Luca Lucani

caxxo ridi...

Flagship

Non capisco cosa vuoi dire onestamente.
Quelli che citi sono accessori facoltativi mica obbligatori.
A sto punto potevi metterci dentro anche Apple Watch , iPad Pro, iPod ed un Mac da 5K euro. Ed avresti superato di slancio i 10K euro di spesa generale.

Desmond Hume

Pare abbiano preso una sola anche sui DRM Widevine L1...
Boh che recensione superficiale.

Desmond Hume

Lungi da me prendere le difese di questo smartphone da 1700€ senza NFC e col disastroso ColorOS ma vorrei ricordare ai poveracci Apple Rangers un paio di cose visto che ogni tanto si affacciano qui per autoconvincersi sul prezzo dei nuovi iPhone e praticarsi fellatio a vicenda.

Vi ricordo dunque che per avere gli accessori e i servizi inclusi in questa pacchiana edizione Lamborghini Edition voi poveracci dovete aggiungere ai 1689€ di XS Max 512GB il seguente:
-229€ di apple care+
-179€ di air pods
-55€ di custodia
-59€ di Alimentatore rapido USB-C da 30W
-25€ di Cavo da Usb-C a Lightning

Se i conti li sapete fare sono 547€ di accessori inclusi che nel vostro iphone dovreste pagare a parte. Perché la Apple Care+? Beh qui ci sono 3 anni di garanzia inclusa nel prezzo e 2 interventi inclusi per danni al vetro (1 anteriore e 1 posteriore).

Il vostro mitico XS Max 512GB verrebbe così a costare 2236€. Tutto chiaro?

jhonroio

Certo!!! A proposito di ciò, non riesco ad iscrivermi sul forum di HD blog a causa del mancato aggiornamento del codice capcha chi può aiutarmi...?

Simone

No, semplicemente, quando un prodotto mi interessa, vorrei che lo recensisse lui, altrimenti neppure la guardo.

Depas

Edizione limitata perchè ci hanno stampato il logo lamborghini? sono furbi sti cinesi, questo di limitato non ha proprio niente

Depas

Questo viene fatto nella fabbrica oppo, di lamborghini non ha proprio niente se non la scritta...l'iphone placcato in oro presenta una piccola differenza: l'oro.

Judas Dadaaa
TLC 2.0

ahahahahahahahahah :D non sarebbe male

TLC 2.0

ovvio :D

Top Cat
Top Cat

Poveretto si.

Top Cat

GUIDA | Android 9 Pie su Pocophone F1 e su tanti altri Smartphone | Video

OPPO Find X LIVE Batteria (3730 mAh): fine 20.45

I miracoli della Google Camera: Mi A2 VS Mi A2 Lite | Confronto fotografico

PocoPhone vs Honor Play vs Nokia 7 Plus: confronto | Video