Android Q, pop-up di avviso per app progettate per Lollipop e più vecchi

04 Settembre 2018 80

Android Q avviserà gli utenti quando eseguiranno app progettate per Android 5.0 Lollipop e inferiori e mai più aggiornate, "inasprendo" così il controllo presente su Android 9 Pie. Le app, per chiarire, si potranno installare e funzioneranno normalmente, ma quando verranno aperte l'utente dovrà chiudere un messaggio di pop-up.

Questo è, al momento, il piano di Google per la release dell'anno prossimo del suo OS per smartphone. Un commit è stato scovato dai ragazzi di xda-developers nel codice sorgente del sistema (link alla voce FONTE), ma le cose fanno ancora tempo a cambiare. Android 9 Pie mostra lo stesso pop-up di avvertimento, ma solo per le app che non sono più state aggiornate dopo Android 4.1 Jelly Bean.


Il problema delle app obsolete riguarda comunque solo app che di fatto sono state abbandonate. Dall'inizio di agosto, per pubblicare una nuova app del Play Store è necessario che questa sia compilata almeno per Android 8 Oreo; lo stesso varrà per gli aggiornamenti a partire dal primo giorno del prossimo novembre. Un'altra iniziativa di Google per mantenere lo sterminato catalogo di app del Play Store il più aggiornato possibile.

Con questo pop-up, Google invoglia gli utenti a cercare un'alternativa più moderna e aggiornata delle app obsolete in due modi - primo, attraverso il fastidio diretto di dover chiudere il pop-up; secondo, attraverso il messaggio che cita rischi di compatibilità e implica quelli di sicurezza (associazione "vecchio" -> "non aggiornato"). È probabile che chi usa app molto di nicchia che non dispongono di una vera alternativa non sarà molto contento.


80

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
virtual

Non è che vada male, ma è limitato nelle funzionalità... Però essendo l'ufficiale perlomeno supporta i Tag/Board!

Alessandro Minelli

Io mi trovo molto bene con Feedly.

Xerorex

Anche io utilizzo tutt'ora Titanium Backup Pro, e ad eccezione della grafica, funzionalmente non mi ha mai dato problemi (tuttavia sono su Nougat), ma capisco come diventerà obsoleta se non aggiornata, sono anni che servirebbero nuove API ed un restyling

Andre

Quello è il più pajaccio di tutti, vero.

E Google Pay a Nucazz!

Federico

Io scrivo abitualmente in C, ma non è che lo scrivere in C o in qualsiasi altro linguaggio cambi qualcosa.
Nel mio esempio sulla piattaforma a 32 piuttosto che a 64 bit (ma lo stesso vale per il cambiamento di API) è proprio differente l'approccio alla soluzione del problema, ossia è diverso l'algoritmo che successivamente viene implementato tramite il linguaggio scelto.

Andre

La meglio è Google che non aggiorna nemmeno le sue :D
Street View, Rewards e Authenticator fermi a MM :D

Solo l'ultima versione no. Ti ricordo che l'obbligo di Google è sul target massimo e non minimo per una app.
Google con questa regola ogni anno obbligherà gli sviluppatori ad usare il target massimo dell'anno precedente. Io lo passerei a 4/5 mesi, entro fine dell'anno, per intenderci.

Titanium Backup, che usa ancora le Api Lollipop, purtroppo si è "pattumizzata" da sola.
Da anni dorme sugli allori:
- Non ha usato neanche l'Holo design. L'interfaccia è ferma ai tempi di Gingerbread.
- L'uso richiede il tasto MENU' che su Android non esiste da millenni. Non ha quindi l'icona per raggiungere il menù, questo crea problemi.
- Non si è ancora aggiornata per supportare Pie (ok la diffusione limitata ma negli anni scorsi veniva aggiornata velocemente), non viene aggiornata da circa un anno.
Tutti questi punti ma in particolare l'ultimo sono il segno del totale abbandono che questo potentissimo strumento sta passando nel corso degli anni.
E lo dico da power user di Titanium che lo acquistò pagandolo profumatamente 5€ nel 2013.
Titanium è morto. Che gran peccato.

lol ci sono ancora sviluppatori che chiamarli BESTIE è un complimento.
- Speedtest usa ancora Api LOLLIPOP.
- Idem per WiFIAnalyzer, strumento per le reti WiFi.
- Mi Home (Xiaomi) usa addirittura le Api di KITAT!!!! Ma stiamo scherzando??????

Inoltre ci sono tante app, costantemente aggiornate, che usano permessi di Marshmallow, che per quanto accettabili (permessi granulari accettabili dall'utente e backup automatico) sono comunque obsoleti. Esempi: Mi Fit, Spotify, MX Player.

La maggior parte delle App, per fortuna, usa le Api di Nougat o Oreo.

La forzatura da parte di Google ad usare le API di Oreo a partire da Novembre può solo fare del bene, era una mossa che attendevo da anni.

Hachiko

Considerando che I produttori possono abbandonare i propri dispositivi e lasciarli senza aggiornamenti quando vogliono il tuo consiglio è pessimo... dovrei cambiare dispositivo ogni anno?

Xerorex

Certamente, io stesso mi sono ormai stancato di usare vecchie app per necessità, volevo solo dire che non tutte le app non ottimizzate per i nuovi hardware siano da buttare (anche se come hai detto, una rinnovata compatibilità, nonché una nuova grafica aggiungeria io, sono gradite

androexpert00

Diciamo che on ogni caso le API deprecate le puoi usare lo sesso anche se imposti il TargetSDKVersion ad un livello maggiore delle API in questione. Poi Android studio è molto avanti, e ti suggerisce in automatico come cambiare le linee di codice incriminate. Da questo punto di vista, Google è al top

MasterBlatter

Oppure usare codice scritto in c/c++

MasterBlatter

Apple obbliga ad usare il nuovo SDK per nuove app e aggiornamenti, che li rende incompatibili con le versioni precedenti di ios, qui basta cambiare un numerino e rimane la compatibilità.

MasterBlatter

Potrebbe essere un problema in caso di api deprecate, magari Google ha intenzione di snellire togliendo il supporto agli SDK più vecchi.

MasterBlatter

Le applicazioni html5 le puoi fare uguale in iOS

MasterBlatter

Eh le api di Android sono basate su un fork di Java, poi da Lollipop (facoltativo) e marshmellow sono compilate durante l'installazione.

Secondo me sarebbe l’unico modo per spingere produttori e utenti a tenere aggiornati i propri dispositivi

GianTT

Ma se ti piace un app che non viene aggiornata da 2-3 anni, il problema è Google che non la toglie o tua che non te ne scegli una recente? Se poi non ci sono problemi di prestazioni, sicurezza o compatibilità, non vedo perché debba essere cancellata dallo store

GianTT

Ma prendere chi? Chi non aggiorna da 3-4 anni l'app è uno che l'ha abbandonata, a cui se la tolgono dallo store magari neanche se ne accorge

androexpert00

Qualsiasi sviluppatore con un minimo di cervello funzionante può risolvere questa giusta limitazione. Basta andare nel file gradle della propria app in Android studio e modificare il TargetSDKVersion al numero 26 (Oreo) o maggiore. Poi basta fare il Resync del Progetto e durante la compilazione del nuovo file APK l'app sarà automaticamente ottimizzata per Android Oreo e non si avranno più questi messaggi. Poi si può anche ottimizzare il codice usando le nuove API ecc. Ma per superare questo Pop-up basta seguire quei 2 passaggi

virtual

Vero, non me n'ero accorto. Ma è tuttora sul mio smartphone!

Mako

non è più sullo store da poco

Ratchet

Qulo

virtual

Prima Android P con l'orologio a sinistra e le notifiche azzoppate, ora ci mancava Q con questa...
Per carità, le app non aggiornate non saranno tante, però un popup AD OGNI AVVIO mi sembra esagerato!

Come farò con gReader Pro, il mio lettore RSS preferito e che uso quotidianamente? Non sono ancora riuscito a trovare un'alternativa perlomeno di pari livello.

virtual

gReader Pro, una su tutte, il miglior client RSS.

virtual

Sì infatti il popup AD OGNI AVVIO ma siamo matti? Si potrebbe accettare al limite al primo avvio, ma dopo basta...

Sagitt

Ahahahahhahahahha dove sono quelli dei complotti alla apple?

Non vi è chiaro che enrtrambe le piattaforme sì uniformeranno ma una è partita con le fondamenta giusta l’altra le sta correggendo ora con più difficoltà?

Federico

Non tutte ovviamente, ma una bella secchiata che porterebbe ad un utilizzo diffuso delle nuove API e all'abbandono di hardware ormai obsoleti non sarebbe affatto male

Xerorex

Non è che tutte le vecchie app facciano schifo, Titanium Backup è un ottimo esempio

Federico

È un buon incentivo che spinge verso l'attualizzazione del software e a liberarsi di antico pattume privo di senso

Federico

No te lo ha detto... nel codice possono essere gestiti comportamenti alternativi.
Lo stesso si fa, ad esempio, per alcuni algoritmi critici che vengono implementati in modo differente se la piattaforma sottostante è a 32 o 64 bit, oppure per diverse versioni di Windows etc etc

Giovanni Giorgi

È da un po' che non uso l'sdk android, con oreo non ho esperienza, in passato le api preesistenti non venivano cambiate, al massimo venivano segnate come deprecate e veniva indicata un'alternativa ma là compatibilità in genere veniva mantenuta; in ogni caso anche se non crashava appena lanciavi la chiamata, dei malfunzionamenti si presentavano comunque.

In ogni caso a grandi linee rientra nel caso del programmatore cane che cambia solo il numerino e poi l'app funziona male

D_P

Ti capisco fratello… :(

Easyjoin.net

Non e' proprio cosi. Per esempio se punti Oreo le notifiche devono avere un canale altrimenti il codice va in errore.
Puoi leggere su reddit (redd . it/94zfcr) a cosa sono andato incontro cambiando questo numerino.

È un supporto impossibile su Android, lo sappiamo.

a'ndre 'ci

no, sparirebbero la maggior parte delle app

Beh io un supporto come quello di Apple su Android non lo schiferei

Apple è un'altra cosa è gli smartphone Apple hanno tutto un altro supporto.
Paragonare Android con Apple è molto difficile. Si fa e si deve fare, ma con le pinze.

comatrix

Regge perché la media dell'utenza fonia è bassa.
Rammenta il PEBKAC, bene ora si è spostato sugli smartphone il concetto.
Non è che se cambia il contesto cambia il concetto eh ^_^

P.S. Ora capisci il perché le aziende hanno vita facile

Beh alla fine è un po' quello che fa pure Apple e gli iPhone sono i telefoni più venduti,quindi la cosa evidentemente regge.

Giovanni Giorgi

Si, alla fine è solo un numerino nel manifest.
Il target dice che api puoi usare e il min dice fino a che versione l'app non crasha malamente.

Considera però che ad ogni nuova versione in genere vengono introdotte delle limitazioni, generalmente per risparmiare batteria. Se lo sviluppatore per rientrare nelle statistiche cambia il numerino e poi l'app funziona male per queste limitazioni lo potresti definire abbastanza str**o.

Freerider

Beh allora è quasi una finta. Io indico il target Oreo e poi, se non ho bisogno di sfruttare le ultime funzioni dell'OS, uso le API di Lollipop e posso anche non aggiornare l'app. O ho capito male?

Giovanni Giorgi

Nel manifest si può indicare sia il targetSdkVersion che il minSdkVersion.

Probabilmente intende che oreo è il target ma il min può essere diverso.

Naturalmente a livello di codice devi gestire comportamenti alternativi se alcune api che usi normalmente non sono presenti in versioni più vecchie

Freerider

Mi sfugge una cosa, se le app devono essere aggiornate ad Oreo, come fanno a girare sulle versioni più vecchie senza le API di Oreo (che facendo i conti sono quelle più diffuse)?

an-cic

c'è gia la roadmap di q?

BoredProgrammer

Si traduce in gente che rompe le scatole perchè non supporti i loro telefoni non di ultima generazione... fidati

Che commenti dementi, ma sul serio vi lasciano votare, scrivere, rompere?

C'era anche su ios il popup per le app a 32 bit

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO

24 ore con Samsung Galaxy S10e: difficile tornare indietro...

Recensione Amazfit Verge, smartwatch completo e adatto a tutti