Un Android in standby invia dati a Google dieci volte in più di un iPhone ad Apple

22 Agosto 2018 719

Secondo quanto rilevato da una ricerca pubblicata dalla Digital Content Next, i device Android in “idle”, a riposo, inviano a Google un quantitativo di dati circa dieci volte superiore a quello che i device basati su iOS inviano ai server di Apple.

La ricerca, intitolata "Google Data Collection", è stata realizzata da Douglas C. Schmidt, docente di informatica presso la Vanderbilt University. Le sue conclusioni sono state che Google raccoglie dati sui consumatori che usano i suoi prodotti anche quando non ci sono interazioni con smartphone e tablet.

Diverse le curiosità emerse da questa ricerca. Tra queste, Schmidt ha scoperto che uno smartphone Android a riposo, con browser Chrome attivo in background, inviava informazioni sulla posizione a Google circa 340 volte nell’arco di 24 ore. In un test simile, effettuato su un device iOS a riposo con Safari aperto, non Chrome, ha rilevato che Google non raccoglieva dati significativi fino a quando non c’è stata interazione.


Schmidt, inoltre, ha rilevato che un telefono Android inattivo con Chrome attivo in background invia a Google quasi cinquanta richieste di dati all’ora in più rispetto ad un iPhone inattivo con Safari in esecuzione. In generale, è stato rilevato che un device Android inattivo comunica con Google circa 10 volte più spesso di quanto un dispositivo Apple faccia con i server della casa di Cupertino.

Ma Schmidt non ha solo analizzato la frequenza di trasmissione dei dati, ma ha anche rivelato alcune modalità in cui Google può potenzialmente aggregare dati anonimi raccolti passivamente con informazioni personali degli utenti. Ad esempio, su un device basato su Android, gli identificatori pubblicitari "anonimi" che raccolgono dati relativi sulle attività su app e pagine web di terzi possono essere associati alla reale identità Google dell'utente durante il passaggio di informazioni identificative dal “livello-device” ai server di Google .


Stesso discorso accadrebbe con il DoubleClick cookie ID anonimo dell'utente che consente di tenere traccia dell'attività su pagine Web di terzi. Secondo la ricerca di Schmidt, Google può associare questo cookie all'account Google di un utente quando questi accede ad un'app Google tramite lo stesso browser con cui è stata visitata la pagina Web di terzi.

Nei giorni scorsi, un’indagine condotta dalla Associated Press ha rivelato che Google continua a tracciare i dati sulla posizione anche quando viene disattivata la cronologia. Google ha ammesso la cosa, modificando il testo nel suo documento di supporto. Ovviamente, è arrivata anche la prima denuncia da parte di un utente.

Secondo quanto affermato da Apple, invece, i dati che raccoglie vengono utilizzati per migliorare servizi tra cui i suggerimenti di Siri e per aiutare a identificare siti web che consumano troppa energia o troppa memoria in Safari. I dati, tuttavia, verrebbero “randomizzati” prima di essere inviati dai device ai server. In fase di attivazione di un device Apple, inoltre, viene esplicitamente richiesto agli utenti se desiderano fornire o meno informazioni sull'utilizzo. Rifiutando, nessun dato viene raccolto da Apple a meno che non si scelga di aderire in un secondo momento.


719

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Riccardo33

Temo di sì....gran serie.

Francesco Celadini

In pochi capiranno

000

ci sono 1000 navigatori e alcuni molto buoni già su android non usavo più maps, foto alla fine è un servizio cloud… sarò io che preferisco evitarli… ma certo non mi affascina.

fabrynet

Il problema riguarda soprattutto Android e la sottovalutazione della questione riguarda soprattutto gli utenti Android.

bldnx

Per fare quello di cui hai paura non serve google, nel 2018 basta che tu esista perch un governo abbia abbastanza informazioni su di te

bldnx

Maps e Foto non hanno alternative nemmeno a pensarci purtroppo

bldnx

Dare per scontato che sfugga di mano e parlare solamente di Android quantifica bene quanto la tua posizione sia faziosa e soprattutto ingenua

Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Jon Snow

C rubànò i dati!11!1!

Riccardo33
M3r71n0
000

Si si questo lo so, forse me lo avevi detto proprio tu... Però vuol dire rinunciare anche a molte app che usa i servizi google, non so se in quell'occasione ti dissi che il problema è l'intero sistema costruito da google ad essere sbagliato.
Ad esempio ora Google sta spingendo AMP (ampproject. org/) Accelerated Mobile Pagesper creare siti e PWA più leggeri e veloci peccato che in questa ricerca questo progetto (nobilitato dall'etichetta dell'open source)viene individuato come uno dei canali diretti per la raccolta dati sugli utenti.
Insomma Google sta plasmando il mondo digitale a suo piacimento e per il suo tornaconto, altro che web libero.

Wukepi

Guardate che come ho scritto altrove, basta prendere un telefono Android e moddarlo con LineageOS (nuovo nome della cyanogenmod), senza installare la google experience. Ovviamente così facendo non avete né le varie app di google né il play store. Ma rimane un dispositivo usabile sia per le funzioni base, sia con applicazioni open di terze parti, presenti ad esempio su FDroid.

000

Ecco siccome è quello che ho già fatto da molto tempo, ma il risultato è che mi sono sentito preso per il coolo ho cambiato OS.
Se sono qui a parlare è proprio perché nessuno legge e verifica.
Se leggi la ricerca effettuata scoprirai che una parte del tracciamento avviene attraverso le reti wifi(anche quelle a cui non sei connesso) e per disattivarlo c'è un'apposita funzione sul telefono. Oppure l'altro giorno c'era il discorso del rilevamento delle posizione col gps che non viene ompletamente disattivato dalla cronologia delle posizioni, sai che in tempi non sospetti diversi sapientoni con atteggiamento come il tuo mi hanno detto che BASTAVA disattivare quella...quindi il link che mi hai dato capisci anche tu che non basta a chiarire quello che intende davvero Google e non basta neanche a controllare davvero il tuo telefono. Discorso chiuso anche se non hai ancora avuto il coraggio di rispondere alla mia domanda.

The frame

Non devi considerare la capacità di calcolo di oggi. Ma é allarmante la quantità di dati che Google recupera e utilizza in modi che tu non sai. Ti faccio un esempio. In Germania, negli anni venti, un sindaco di un paese aveva preso l’iniziativa di far scrivere ai cittadini qualcosa di personale in municipio, in modo che ci si potesse conoscere meglio. Anni dopo questo dati sono stati utilizzati per trovare e deportare gli ebrei. Saluti

Max

E chi meglio di te ?

franky29

Questo è sicuro che non lo si legge mai

DeeoK

Domanda interessante: mi piacerebbe vedere il test senza Chrome.

M3r71n0

La felicità di molti è non sapere e vivere come viene.

Tu, se sei interessato, studia.
Parti da qui: https://myaccount.google.com/intro
leggi, disabilita quello che non ti garba e trova metodi migliori, per te, affinchè il tuo smartphone faccia precisamente quello che ti serve nel modo in cui piace a te.

000

va bene ora spiegami come fai, voglio informarmi anch'io...fai una guida per tutti e pubblicala, penso faresti la felicità di molti!!!

Kuze

Quindi basta rimuovere Chrome?

Top Cat
M3r71n0

Torno a ripeterlo (e per l'ultima volta). Tu non sai.
Se fai come faccio io, non t'arriva una pubblicità o un consiglio che sia uno ;)
e tutto questo perchè so quello che accetto e se non mi piace non lo accetto, quindi, google non fa nulla "di nascosto" e tu non sai.

Informati prima su cosa google ti chiede, su cosa tu puoi decidere di dare e poi ne riparliamo della tua domanda.

Jd

grazie

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quot

Quotatore

Quoto

Vick30000

Eliminate WhatsApp Di Zucca se tenete alla privacy e poi pensate a Google

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

000

ah!!..no no!!Questo lo so ancora con certezza! Nelle condizioni d'uso Google usa sempre la scusa del migliorare i servizi mentre invece lo fa solo per raccogliere dati da usare per fini commerciali. Invece Apple non vivendo di pubblicità può solo che farlo per migliorare il servizio.

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

fabrynet

Si dovrebbero mettere in campo strumenti e tecnologie per tutelare la privacy ed evitare il proliferare di fake news ad esempio e di materiale pirata o illegale.
Ci vorranno anni ed ingenti risorse.

000

e chi riesce a controllare tutto?

000

che c'è?...a me piacciono i gatti..tutto qui!

italba

Ennesima dimostrazione che il multitasking di degli iPhone è finto

MartinTech

lol mi sa che ve ne state andando un po' per tutto. Apprezzo la curiosità verso il mio profilo (che non ha nulla di straordinario, se vedessi alcuni commentatori del fatto quotidiano ti impressioneresti dei loro profili) ma ti garantisco che è legittimamente costruito a suon di commenti seri e di cavolate divertenti, senza mai offendere nessuno e nel rispetto delle opinioni altrui. Oltretutto, detto tra noi (e probabilmente non ci crederai) neanche li guardo i numeretti, anche perchè disqus nemmeno li considera, valuta solo il numero di commenti fatti. A titolo di esempio proprio su hdblog, ci sono ben 19 "top commenters" prima di me, vedi allegato, ed alcuni di loro hanno anche vinto dei buoni da 50 euro regalati dalla redazione...io sono solo un fesso qualunque :) https://uploads.disquscdn.c...

Matt Ds

genio. fatto.

Matt Ds

mi sta bene, sino a che cio' che mi arriva e' di mio assoluto interesse. sono sempre libero di cercare altro, in caso contrario.

Matt Ds

secondo me compra gli upvote, come gli influencer su instagram e yt

Zeronegativo

sono scelte che francamente mi ricordano i bisticci che si facevano all'asilo, Big G aveva preso una posizione durissima pure contro la cina e i suoi blocchi - salvo pian piano far retromarcia quando ha visto che ci perdeva.
Per ora mi trovo comodo con l'ecosistema google e continuo ad usarlo, devo ammettere che però con le ultime release windows mi convince sempre di più. onedrive è praticamente una cartella come le altre (solo cloud), le applicazioni di sistema per l'uso domestico (groove, foto, paint 3d) sono finalmente usabili. Foto colma una grossa lacuna secondo me, permettendo a chi non ha voglia o soldi per comprarsi un photoshop, vegas, ecc., di crearsi velocemente un album/filmato delle vacanze.

Francamente apprezzo molto di più l'atteggiamento di microsoft negli ultimi anni, ora sono loro che potrebbero dire "don't be evil" a google.

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO

24 ore con Samsung Galaxy S10e: difficile tornare indietro...

Recensione Amazfit Verge, smartwatch completo e adatto a tutti