Recensione Xiaomi Redmi Note 5 Global: il medio gamma al giusto prezzo

12 Luglio 2018 899

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Partiamo subito a bomba: vi dico il prezzo e mentre leggete la recensione ci ragioniamo insieme e facciamo un po’ di considerazioni. Questo Xiaomi Redmi Note 5 viene venduto di listino a 199 euro per la variante con 3GB di RAM e 32GB di memoria interna e 249€ per la 4/64. Prezzi che collocano questo smartphone tra i medio/bassa gamma.

Xiaomi ha, come spesso accade, fatto molta confusione con la linea dei Redmi 5: tra versioni china che poi diventano globali e versioni Pro indiane con fotocamere diverse. Oggi non ci addentriamo in questi dettagli e differenze ma andiamo a provare la versione “definitiva”, quella adatta al nostro mercato e disponibile nei negozi fisici, la versione globale dello Xiaomi Redmi Note 5.

Essendo una globale in confezione troveremo, oltre al telefono e il cavo dati e ricarica USB, il caricatore a muro con presa Italiana. Nonostante i telefoni di questa azienda siano sempre stati venduti senza nessun extra (es. auricolari), da un po’ di tempo nelle confezioni, anche di questi medio gamma Xiaomi, troviamo una custodia in silicone opaco. Niente di trascendentale o di altissima qualità, ma comunque un’aggiunta che fa sempre piacere.

Design e Costruzione

Per design abbiamo uno smartphone che rimane abbastanza anonimo e passa quasi inosservato, soprattutto in questa colorazione nera opaca. Per coloro che non vogliono attirare l’attenzione questo sarà sicuramente un vantaggio ma, se avessi dovuto scegliere io in che colorazione prendere il Redmi Note 5, sarei andato sicuramente sulla variante oro o ancor di più su quella blu.

Il design classico del Redmi Note 5 ha permesso a Xiaomi di “riutilizzare” le proprie conoscenze costruttive già applicate nella vecchia linea di Redmi con il Note 4X. Abbiamo infatti una scocca metallo con incastonata posteriormente la doppia fotocamera e il sensore di impronte digitali; sul lato destro, sempre in metallo, il bilanciere del volume e il tasto d’accensione; sul lato sinistro lo slot con nano sim singola e combo nano sim/micro sd; nel lato superiore il sensore infrarossi; infine in quello inferiore vi è lo speaker mono (l’unico presente nel telefono), il jack audio e la porta di ricarica.

Se da una parte Xiaomi ci fa tutti felici mantenendo il jack audio, ci fa rattristare subito continuando ad utilizzare una porta micro USB per la ricarica (circa 90 minuti per ricarica completa). Per un telefono che esce nel 2018 a circa 200/250 euro questa scelta fa sicuramente storce il naso a molti. 


Le uniche parti della scocca non costruite in metallo ma in plastica, sono le due bande posteriori: superiore e inferiore. Soluzione estetica e costruttiva leggermente deprecabile ma, come sappiamo, questa ha lo scopo di permettere una maggior recezione in quanto questo materiale propaga meglio il segnale.

L’ultimo materiale esterno che troviamo sul device è ovviamente il vetro gorilla glass che protegge il display. Sulla parte frontale infatti abbiamo uno schermo che segue il trend del 2018 con proporzioni 18:9 e una diagonale 5.99 pollici con risoluzione Full HD+ (2160x1080), insomma il classico Full HD allungato. Su questa fascia di prezzo non mi sarei aspettato sicuramente un pannello Oled, infatti non c’è: abbiamo un lcd che senza infamia ma senza lode fa il suo lavoro, con una buona riproduzione dei colori, ottimi angoli di visione ma luminosità e profondità dei neri solamente discreti, tipici degli lcd dei medio gamma.

Hardware, batteria e ricezione

Se a prima vista per materiali e costruzione questo telefono non stupisce, una volta preso in mano e dopo averlo utilizzato pochi minuti ci si rende conto che questo non è il solito muletto di fascia bassa Xiaomi. Finalmente vengono abbandonati gli Snapdragon 625, visti e utilizzati per anni in milioni di smartphone: qui il sistema operativo, Miui 9.5 con cuore Android Oreo 8.1, viene spinto dal processore Qualcomm Snapdragon 636: otto core Kyro 260 con clock fino a 1.8GHz e Gpu Adreno 509. Il kyro è un’archittetura che usa 4 core Cortex a53 e 4 a73, al contrario del 625 che usava solo 8 cortex a53. Sebbene gli a73 siano più performanti, gli a53 consumano di meno e su questo Snapdragon 636 entrano in gioco in task leggeri, proprio per risparmiare batteria. Questo processore 636 è molto più vicino al 660 di quanto lo sia al 625, in quanto il col 660 condivide la stessa architettura ma usa un clock di frequenza più basso.

Tanti numeri e dati che così scritti rimangono astratti; concretamente il balzo in avanti per prestazioni si sente abbastanza rispetto alla precedente generazione. Meno lag, consumi ridotti e soprattutto il device sotto stress scalda molto meno in confronto ai vecchi smartphone della linea Redmi 4. Capiamoci non che i precedenti fossero dei fornetti, ma sicuramente in scenari di task più pesanti scaldavano decisamente di più rispetto al Redmi Note 5.

Questo processore in accoppiata con l’enorme batteria da 4000mAh offre un’ottima durata, che porterà sicuramente tutti i suoi possessori a fine sera con una buona percentuale residua e ai più parsimoniosi permetterà di fare anche 2 giorni d’uso.

Un’ultima considerazione degna di nota è il fatto che nel modulo Qualcomm 636 è presente il modem x12 che permette un LTE avanzato con download sotto rete dati fino a 600mbps, il doppio di quanto offriva il modem x9 dello Snapdragon 625. La recezione del segnale durante i giorni d’uso è stata perfetta, sempre in 4g con Iliad qui a Cagliari. Bene anche il GPS che mostra qualche incertezza solo in zona con molti palazzi.

Nota negativa da segnalare: l’assenza di NFC.

Fotocamera

L’ultima componente hardware che mi ha decisamente colpito è la fotocamera: non mi sarei mai aspettato scatti di questo livello. Ovviamente non siamo davanti a niente di rivoluzionario o al pari dei top gamma come il Pixel 2. Però, considerando che Xiaomi non aveva mai prestato una particolare attenzione alla fotocamera dei sui devices, trovarmi davanti una fotocamera del genere è stata una sorpresa più che gradita.

Di chiara ispirazione iPhone X, sono presenti due fotocamere poste verticalmente nell’angolo superiore sinistro dello smartphone, il cosiddetto “semaforo”. Due sensori: il principale da 12mpx f/1.9 e il secondario da 5mpx f/2.0. Il secondo sensore rimane sempre tale: non viene implementata nessuna lunghezza focale zoomata o super wide, non diventa mai il principale e non si scatta mai solo con quello. Questo sensore rimane sempre secondario ed entra in gioco soltanto negli scatti con effetto bokeh, la “sfocatura dello sfondo”.

Le foto in diurna con questa fotocamera risultano molto gradevoli. Buon livello di dettagli, l’HDR funziona finalmente a dovere e soprattutto la riproduzione dei colori rimane molto fedele alla realtà. Questo particolare è molto importante perché Xiaomi ha deciso di “non barare” come altri produttori, che sparano la saturazione facendo sembrare le foto migliori, ma rendendole finte e perdendo tutti i dettagli e sfumature di colori della realtà. Ovviamente quando le situazioni diventano più difficili, quindi in notturna o con ambienti poco illuminati, a causa della mancanza della stabilizzazione ottica del sensore cala la qualità degli scatti e aumenta il rumore.

Se per la fotocamera posteriore ha bisogno di un sensore secondario per fare l’effetto bokeh, il Redmi Note 5 con quella anteriore impara ad applicare la sfumatura dello sfondo con un solo sensore. Davanti è presente una fotocamera da 13mpx f/2.2. Gli scatti sono buoni e in generale le stesse considerazioni per la fotocamera posteriore valgono per quella anteriore.

La questione video invece è più particolare. Sebbene lo Snapdragon 636 possa realizzare video fino al 4k, qui Xiaomi blocca la risoluzione massima fino al Full HD, sia per la fotocamera anteriore che posteriore. I video in 4k con i telefoni sono carini, ma sinceramente non trovo ancora una così enorme utilità, quindi a parer mio è un fattore sul quale, considerando il prezzo, si può chiudere un occhio. Nonostante non sia presente uno stabilizzatore ottico del sensore e questa piccola pecca della risoluzione, i video con la fotocamera posteriore sono abbastanza gradevoli per colori e dynamic range, ma mi hanno stupito per l’ottima stabilizzazione digitale (considerando la fascia di prezzo). Stesso discorso vale per i video con fotocamera anteriore ma manca la stabilizzazione digitale che essendo appunto una caratteristica software me la sarei aspetta anche qui.

Xiaomi non stravolge, ma ridisegna in alcuni punti l’interfaccia dell’applicazione. Tra le varie opzioni ho trovato una modalità notte che, a detta sua, dovrebbe ridurre il rumore delle foto con poca luce. Sinceramente non ho notato nessuna differenza significativa.

Software

Non vi parlerò approfonditamente del software, la Miui 9.5 (in versione Globale completa di Play store e servizi Google) è la solita che troviamo su tutti gli altri device Xiaomi. Su questo device gira su Android 8.1, ma come sappiamo il discorso sulla versione Android con le Miui lascia il tempo che trova. Questa distribuzione non è una semplice skin grafica, ma una profonda personalizzazione del sistema, l’unica che riesco ad apprezzare quasi al pari della stock o simil stock.

Nonostante sia uscita da pochissimi giorni la Miui 10 Globale beta, ho deciso di non utilizzarla su questo smartphone. Prima di tutto perché è una beta e quindi più soggetta a bug e drain di batteria, ma soprattutto poiché ho voluto testare il dispositivo così come arriva all’utente finale più comune, con la Globale Stabile. Mi sono trovato benissimo tranne per un piccolissimo fatto: il device è sempre bello, veloce e reattivo, ma, se si utilizzano le gesture, le animazioni d’uscita dalle app e di multitasking laggano e appiano a scatti. Questo è palesemente un bug software, un problema di ottimizzazione, poiché se si usa la barra di navigazione tutto è fluido e perfetto. Spero venga risolto con la Miui 10.

L’ultima cosa non è un reale problema: nel sistema operativo sono presenti le funzioni di sblocco col volto e quella di personalizzazione tramite temi. Queste due funzioni sono però disabilitate se si utilizza il software su regione Italia, ma per poterle usare dobbiamo cambiare la regione su Hong Kong. Questo non cambierà la lingua e il funzionamento del sistema, ma ci dovremmo ricordare di riportare il fuso orario a quello italiano.


Conclusioni

Il giudizio di questo device è più che positivo. Il suo prezzo contenuto da medio/bassa gamma, in relazione all’hardware offerto, lo porta su un gradino superiore rispetto ai concorrenti nella stessa fascia e soprattutto ci fa sorvolare su quei piccoli dettagli negativi.

Le performance hardware, la fotocamera e la semplicità d’uso della Miui permetteranno a questo Redmi Note 5 di porsi, come da tradizione Xiaomi, tra i migliori dispositivi intorno ai 200€ a seconda della versione e dello store da cui lo acquisterete.

Voto 8.5

Video

PrezzoPerformanceBatteriaFotocameraJack Audio
Lag GesturesMancanza NFCStabilizzazione Video AnterioriTemi e Face Unlock assenti in regione Italia
8.3 Hardware
7.8 Qualità Prezzo

Xiaomi Redmi Note 5

Compara Avviso di prezzo
Xiaomi Redmi Note 5 è disponibile su a 152 euro.
(aggiornamento del 23 luglio 2018, ore 05:41)

899

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Max

Eccomi. Purtroppo l'esemplare acquistato su Amazon è risultato essere difettoso ed ho fatto il reso. Oggi però l'ho ricomprato da Mediaworld ad una quindicina di euro in più. Ci ho giocato tutto il pomeriggio e domani avrò una stima più attendibile sull'autonomia (tenendo sempre presente che serve qualche ciclo)

Darkat

Ma lool ma rispondi prima tu alle mie domande invece di cambiar argomento!

BluowingD

"Il device è un pò anonimo, passerà inosservato soprattutto in questa colorazione. Se avessi potuto scegliere io, sarei andato sicuramente sulla colorazione dorata o blu".

Beh si, per la persona media di cattivo gusto immagino sia la scelta preferibile.

Lorenzo Ori

Ti ho chiesto perchè qcom dovrebbe perdere tempo per la creazione di nuovi tag per device CAF

E' difficile rispondere alla domanda ?

Darkat

Io non voglio sminuire il tuo lavoro, non sono infantile come te, ma onestamente credo che tu ne abbia di strada da fare se non riesci parlare che di cose a caso senza dare spiegazioni precise e accusare di brutto lavoro qualcuno senza aver nemmeno letto un codice. Ma ora davvero non ho più tempo da perdere con qualcuno di così infantile e probabilmente anche giovane immagino (24/25 anni massimo?).
Buona fortuna per il tuo kernel lol

Darkat

Io devo dimostrare cosa?? Sei tu che fai accuse infondate, quindi tu devi dimostrare che quello che dici è vero. Cioè è come se io accusassi qualcuno di omicidio e nella tua logica invece di essere io a dover provare la colpevolezza deve essere lui a provare l'innocenza! Ma che ragionamenti assurdi fai ahahah e dai dei fanboy agli altri, no comment

Lorenzo Ori

Partiamo dal presupposto che il mio gruupo è open come tutti i kernel che gestisco (ennesima scusa). Onestamente non hai nulla da fare perchè non hai la minima idea di come venga gestito uno smartphone qcom

Mi chiedo come mai qcom perda tempo a creare dei tag inutili mah...

Scrivi codice ahahaha

Darkat

Difensiva? Ahahah ma che ti fumi, quello che si sta difendendo con scuse assurde sei tu, non cerchi un confronto ma vuoi spostarlo nel privato, per non far leggere agli altri quello che scrivi. Onestamente non ho nulla da fare su telegram nel tuo gruppo, ho una vita, un lavoro e il mio codice da scrivere, non ci tengo a "smardare" nessuno, mi diverto in altre maniere io ^^' se tu "non hai tempo" di scrivere cose qui allora basta, inutile continuare a battere i tasti, si sta trasformando in una conversazione sempre più inutile e sciocca. Ribadisco il concetto di prima: un conto è disprezzare xiaomi per la sua politica sull'opensource e un conto è dire cose non reali sulle performance.

Lorenzo Ori

Amen, per il momento vedo tante chiacchere. Io non devo dimostrare niente; sei te quello che devi dimostrare ma ho già capito che vali poco e niente come i tuoi colleghi fanboy

Darkat

Ti ho già risposto, semplicemente non sto attaccato 24su24 a rispondere ai commenti

Lorenzo Ori

2- Ti ho detto che il gruppo su telegram si chiama hardcorekernelit; non spreco tempo a spiegare una cosa che andrà nel dimenticaio su disqus

Darkat

1 Primo Levi si sta rivoltando nella tomba
2 Ma cosa c'è da parlare? Ti ho chiesto delle prove molto semplici e tu ancora stai a blaterale del nulla, ma di che stiamo a parlare, ma dove devo venire a perdere tempo ahahah ma su, tu te la prendi con Xiaomi mi perché non rispetta le tue personali politiche di rilascio dei sorgenti, OK lo rispetto, ma non dire cose che non stanno nè in cielo nè in terra, hai detto delle vaccate assurde, stop, ammettilo e pace, se non ci riesci per orgoglio bene, me ne farò una ragione. Adesso però stop, ho già perso fin troppo tempo con te per parlare del nulla, perché è questo che hai fatto fino ad ora.

Lorenzo Ori

Ti sto aspettando... Hai paura del confronto reale o preferisci trastullarti con i tuoi termini ?

Lorenzo Ori

Io ti ho già detto, se vuoi sapere ho il gruppo del mio kernel dove tratto queste tematiche altrimenti niente ma, come ho già detto sei troppo preso nel parlare a vanvera perchè sicuramente non hai il coraggio di confrontarti con altre persone che trattano queste tematiche quotidianamente. Meglio fare i confronti sulla batteria e sulle "temperature estremamente basse" con quelli del tuo livello

Se questo è un utente consapevole...

(mi scuso per aver storpiato il titolo dell'opera memorialistica di Primo Levi)

Darkat

Invitato a cosa? ahahahah tu hai nominato la caf senza che abbia un minimo collegamento con quello di cui si parla, stai dicendo che Xiaomi non fa nulla e copia solo il codice di CAF pari pari? Allora come puoi dire che non è ottimizzato e fa magheggi strani come hai detto precedentemente? Oppure dici che Xiaomi lo personalizza male? Se si in base a cosa?
Le cose che dici sono in contrasto tra loro, e sai perché? Perché LE DICI A CASO, non hai la minima idea di cosa dire esattamente ma vui parlare male di Xiaomi, non hai un argomento specifico ma ti lanci in cose generiche per far vedere che tu sai qualcosa quando in realtà non sai proprio nulla a riguardo, e mi fa molto ridere che accusi me di non sapere le cose XD
Per favore, ritirati che è meglio

Lorenzo Ori

L'unico caf che conosci é il centro assistenza fiscale, lascia perdere ti prego; non sai niente. Ti ho giá invitato diverse volte ma si vede che preferisci parlare di aria fritta

Darkat

Ma non sono io che devo dimostrare nulla, SEI TU che fai affermazioni che vanno dimostrate E NON LO FAI. Questa è aria fritta, tutto il tuo discorso senza alcuna prova, ma anzi hai ciò che dici viene confutato nei fatti, quindi più di così cosa altro c'è da dire? Io fino a prova contraria non devo dimostrare proprio nulla, il polverone inutile lo alzi sempre e solo tu, è tu devi dimostrare le cose, ci mancherebbe altro.
Conosco CAF ma non c'entra nulla con quello che si diceva, lo hai detto proprio a caso

Giorgio

Si ogni tanto lagga tornando alla home

Giorgio

8 ore non le ho mai fatte, io ne faccio circa 6 con 80% di uso in 4g e 20% sotto wifi, sempre dati, gps e bt accesi, circa 2 gg del mio uso

Lorenzo Ori

Ti ripeto:

Delle temperature bassissime, dell'autonomia da record non mi interessa assolutamente niente !

ANDROID è basato su un source e dal source è possibile visionare le patch mancanti che, possono riguardare stabilità e sicurezza. Il resto che vai dicendo è aria fritta punto e basta
Presentati quando avrai un source che afferma il contrario in merito alle mie affermazioni così magari starò zitto

Darkat

Mi spiace, ma qui quello non disposto a dialogare sei tu, pensi di avere la verità in mano e di doverla trasmettere agli altri, ma se nessuno ti ascolta un motivo ci sarà non credi?
Ho dimostrato pure a lungo di voler dialogare, ti ho anche dato ragione su più di un punto, ma ti eviti totalmente i problemi che ti pongo, li aggiri totalmente e mi riproponi una pappadderla che non significa esattamente nulla, io ti aprono di evidenze funzionali, di come è evidente un lavoro di ottimizzazione e che le tue ipotesi precedente esposte sono impossibili, visto che avrebbero delle conseguenze certe che invece non ci sono su questo dispositivo, al contrario ha un'autonomia record con temperature bassissime. Siccome continui ad ignorare del tutto questo è rispondi come se avessi una risposta che invece non hai (lo stesso tag usato all'interno di Caf? Ma che diavolo c'entra), mi trovo costretto a chiudere la conversazione, sono già diverse volte che ti chiedo di mostrarmi evidenze della tua tesi, io ho dimostrato che non è possibile che sia così con fatti, tu con "vai a vedere, vai a vedere", non andiamo da nessuna parte.
Spero che l'odio verso Xiaomi sia giustificato quanto meno da un delitto altrimenti davvero non ha senso.
Buona giornata

Benedetto

Impara a trollare!

Lorenzo Ori

Basta confrontare il tag usato da xiaomi con quello presente all'interno di caf

É inutile parlare con persone che non vogliono modificare le loro opinioni a seguito di dati certi

Darkat

Sia nel kernel che rilasciano tu non mi hai fatto vedere dove vedi che l'ottimizzazione è fatta male ahahah ripeto, quello che sostieni è confutato dai fatti, i problemi sarebbero ben visibili

Lorenzo Ori

Il kernel source rilasciato da xiaomi parla chiaro e quello é rilasciato pubblicamente

Darkat

Ma bimbo, sei tu che continui con questa storia di sapere CHE NON CI SONO OTTIMIZZAZIONI senza poter leggere il codice, e spari a caso ipotesi su come funzioni il kernel, SEI TU, non io, io mi baso sui fatti concreti: sistema operativo e autonomia da record con nessun problema di surriscaldamento, questa dimmi tu come si chiama se non ottimizzazione avanti, perché sennò davvero usiamo parole così senza significato.
Sul fatto che la procedura di sblocco del bootloader sia ridicola mi trovi d'accordo, ma almeno Xiaomi non ti toglie la garanzia, al contrario di tutti gli altri produttori, chiamalo poco.
Nessuno dice che sia una Onlus, questa è un'idea che ti sei inventato tu, davvero non capisco questo odio verso una società che alla fine fa bene il suo lavoro è ha ispirato tante aziende e smosso il mercato dei prezzi, davvero non capisco.

Ti stai arrampicando sugli specchi, cercando il tuo riscatto, quando la tua risposta non dava margibi di dubbio

Sam
Alessio B.
slash79

Beh io no ma molti ricomprano dopo tempo di nuovo il nuovo xiaomi quindi credo vadano bene io cel ho da soli 3 mesi e tt ok,nel frattempo ho usato anche v30 g7 e p20

slash79

Xiaomi note 5 sceso ancora caduta continua prestazioni 7,4 però tu hai ragione eh

Benedetto

Vorrei capire se sono longevi o se magari dopo poco tempo diventano laggosi e inaffidabili.

Max

L’ho comprato oggi su Amazon (200€ per il 4/64 giga)... sono ancora un po’ scioccato dalla brutta esperienza Meizu. Mi confermi che questo ha Play Store e tutti i servizi senza necessità di strane installazioni? E la banda 20 ?

slash79

Perché montano gli stessi componenti del tuo HTC è èostano la metà hanno garanzia italiana funzionano bene ecc ecc

slash79

Anche xiaomi mi 5 plus e meglio di qst quindi ti do ragione io stesso possessore xiaomi

slash79

Evidentemente non ti sei mai potuto permettere v30 e g7 quindi

slash79

Pienamente d'accordo prestazioni note 5 scese addirittura a 7,4

Max

Eccomi al primo Xiaomi... vedremo come mi trovo

Max

Mi arriva dopodomani ti farò sapere

muccacefalo

Ho acquistato il RN5 4/64 global (su amazon) da pochi giorni e vorrei avere un riscontro sulla durata della batteria da altri che lo hanno acquistato. Ce l'ho da pochi giorni, quindi potrebbe essere presto per dare una valutazione precisa, ma non riesco a fare più di 5 ore di schermo attivo con GPS spento, un pò di Spotify ed in generale un uso normale, whatsapp, qualche chiamate e un pò di video su youtube. Di per sé non è malissimo, ma leggo in giro di gente che mediamente fa 7-8 ore di schermo attivo se non di più.

Aldo Costagliola

no, era per dire che con 200 si pende di meglio secondo me, soprattutto lenovo e huawei, quindi sto telefono non ha un gran senso secondo me

Aldo Costagliola

secondo me guardando all usato con 200 euro si prende di meglio, soprattutto in casa huawei

Aldo Costagliola

tu invece possiedi un power bank che fa le foto come il 6630 a quanto pare, nulla di male, basta dirlo

vincenzo francesco

a quanto ho capito dipende dalla provenienza del telefono. se global preso su amazon lo sblocchi immediatamente (io l'ho sbloccato la sera stessa dell'arrivo), altrimenti se di provenienza cinese tocca aspettare.

Fabio

Leggendo sempre su xda è sufficiente flasharlo cmq dato che a gironi mi consegneranno mi note 5 ma che tu sappia per lo sblocco bisogna aspettare 360 ore o esiste qualche metodo immediato? Lo faccio soprattutto utto per la gcam

vincenzo francesco

va settato in qualche modo o lo posso lasciare così com'è? quasi quasi lo provo

Fabio

Dark ages nel thread dicono che ottimizzi sopratutto il consumo in standby

vincenzo francesco

nel thread della pixel lo sviluppatore ha scritto che va già bene quello che monta la rom di suo..quale volevi mettere?

Fabio

metterò anche io la pixel experience e penso di flashare anche il kernel!

vincenzo francesco

al momento molto bene, perchè con le rom aosp mi son sempre trovato a mio agio, però anche la miui 10 mi stava piacendo moltissimo. Così però dovrei aver evitato il problema dell'anti-rollback. L'unico difetto riscontrato per ora è una possibiità di personalizzazione molto limitata del device, quando mi sarebbe piaciuto poter almeno invertire il tasto indietro ed app recenti nella navbar

Recensione ASUS Zenfone 5Z, Snapdragon 845 fa la differenza

Anteprima Asus Zenfone 5Z: Snapdragon 845 a 449 euro fino a domenica

Nokia 7 Plus: fotocamera Stock Vs Google Camera | Confronto fotografico #GCamMod

Recensione Honor 10 a 399 euro spiazza tutti (anche Huawei)