Android P ufficiale: Google non stravolge Oreo, lo Perfeziona

08 Maggio 2018 153

Google ha appena presentato ufficialmente Android P nel corso del keynote appena tenutosi al Google I/O 2018, festeggiando i primi 10 anni di vita del sistema operativo. Android P non giunge certo come un fulmine a ciel sereno, dal momento che sono ormai diversi mesi che abbiamo avuto modo di provare con mano alcune delle sue novità, grazie alla pubblicazione della prima Developer Preview avvenuta lo scorso 7 marzo.

Già da quel momento era chiara una cosa: Android P non si presenta come un aggiornamento radicalmente diverso rispetto ad Oreo, bensì sfrutta le sue basi per proporre novità incrementali che migliorano l'esperienza d'uso, il tutto in nome della semplicità. Anche Android P, inoltre, integra Dashboard, il nuovo sistema sviluppato da Google che permette di tenere sotto controllo l'utilizzo che facciamo del nostro dispositivo.

Intelligenza Artificiale

Come tutti i prodotti presentati oggi, Google non poteva che mettere il tema dell'intelligenza artificiale al centro della presentazione di Android P. L'AI entra in gioco sotto diversi aspetti, come la gestione della luminosità automatica, ora più precisa ed efficiente, e App Action e Slices, in grado di prevedere le principali azioni svolte dall'utente e di offrire informazioni contestuali.

Questo è reso possibile anche grazie all'arrivo delle Neural Networks API 1.1 dedicate al machine learning. Sempre in tema di ML, Google ha annunciato il nuovo ML Kit, un nuovo progetto multipiattaforma compatibile sia con Android che con iOS.

Gesture

Con Android P anche Google ha deciso di introdurre un sistema di navigazione basato sull'utilizzo delle gesture. A differenza di quanto fatto da Apple con iPhone X, la società di Mountain View ha optato per un approccio meno drastico, lasciando alcuni elementi classici all'interno della Nav Bar, come il tasto indietro e il tasto Home, mentre è scomparso quello dedicato alle app recenti.

Il tasto Home è stato ridisegnato per avere un layout simile ad una piccola barra su cui poter effettuare le gesture, più precisamente un Gesture Swipe Up. Si tratta di nuova azione che consente di passare da un'app all'altra tramite un semplice gesto, mentre sarà necessario un ulteriore swipe per vedere tutte le app aperte. Sempre restando in tema di Nav Bar, segnaliamo che Android P permette a questo componente di assumere il colore dominante dell'app in esecuzione, al pari di quanto accade già con la Status Bar.

Una volta effettuata la gesture che consente di accedere alle app recenti, queste saranno consultabili tramite lo scorrimento orizzontale delle stesse, abbandonando quello verticale presente sin da Lollipop.

Notifiche e Quick Settings

Tra le novità introdotte da Google su Android P segnaliamo un nuovo aggiornamento della tendina delle notifiche che consente, tra le altre cose, di consultare i contenuti multimediali senza dover entrare all'interno dell'app.

Google ha anche implementato diverse novità per i Toggle e le impostazioni rapide (quick setting) di Android P. I principali cambiamenti possono essere riassunti in:

  • Lo scrolling dei quick setting può essere fatto ora verticalmente piuttosto che orizzontalmente
  • Inserimento dell'orario di attivazione automatica della modalità notturna (Night Mode) nel toggle dedicato
  • I piccoli pulsanti per la selezione rapida delle impostazioni dei vari toggle non sono più disponibili con Android P
Batteria

Il comparto batteria introduce interessanti novità per le impostazioni della batteria e del risparmio energetico. Tra le principali troviamo:

  • Batteria adattiva: nuove restrizioni per le app meno utilizzate che consentono di migliorare l'autonomia della batteria
  • Reduced power mode automaticamente con una percentuale di batteria compresa tra il 5 e il 70% (attualmente selezionabile tra 5 e 15%)
  • La modalità risparmio energetico è caratterizzata solamente dal simbolo "+" all'interno dell'icona della batteria, senza barre arancioni

Miglioramenti anche per quanto riguarda la gestione energetica, grazie all'aggiornamento di Doze, della gestione delle App in Standby e dei limiti alle funzionalità in background, i quali dovrebbero permettere di ottenere dei benefici in termini di autonomia.

Audio e Multimedia

Per quanto riguarda il comparto multimediale, Google ha introdotto il supporto nativo al profilo HDR VP9 Profile 2, grazie al quale sarà possibile riprodurre contenuti HDR su YouTube, Play Movies e altre fonti. Le foto, invece, vedono l'arrivo del supporto completo al formato HEIF che permette di migliorare la compressione delle immagini senza perdita di qualità.

Arrivano anche le nuove Multi-camera API, pensate per supportare al meglio tutti i dispositivi che sono equipaggiati con più di due fotocamere. Le nuove API permettono di fondere il flusso di dati di due o più fotocamere, in modo da realizzare un miglior effetto bokeh, lo zoom senza perdita di dettagli e la visione stereoscopica.

Tra i cambiamenti del comparto audio, invece, troviamo la nuova collocazione dello slider per la gestione dei volumi di sistema, il quale ora è posizionato nella parte destra dello schermo per favorire l'utilizzo con una sola mano. Leggermente più in basso troviamo un elemento quadrato che permete di attivare suoneria, sveglie e altro. Per finire, i pulsanti del volume ora controllano di default il volume dei media, quindi non sarà più possibile impostare la vibrazione per errore.

Oltre a ciò, Android P permette anche di supportare il collegamento di sino a 5 dispositivi Bluetooth contemporaneamente. Per finire troviamo la nuova funzione Prevenzione/Blocco suoneria, che consente di disattivare la suoneria premendo contemporaneamente Tasto accensione + Volume su.

Varie

Passiamo, in fine, alla lista delle novità minori che possiamo elencare all'interno di una categoria generica. tra queste troviamo:

  • Pulsante di cattura della schermata nella finestra di spegnimento del dispositivo
  • Supporto alle API grafiche Vulkan 1.1
  • Blocco dei permessi alle applicazioni in background, le quali non potranno accedere a microfono, fotocamera e sensori
  • Schermata standardizzata per l'accesso tramite impronte digitali
  • Nuova formattazione dei testi che elimina l'utilizzo del maiuscolo dalla maggior parte delle parole
  • Nuova funzione di riempimento automatico per i gestori di password e molto altro
  • Nuovo editor di screenshot
  • Localizzazione della posizione anche al chiuso tramite beacon WiFi con protocollo protocollo WiFi 802.11mc e dal WiFi RTT (Round Trip time)
  • Eliminazione del pulsante "Arresto forzato" ora disponibile nel menù a tre puntini laterale
  • Eliminazione del colore blu nei pulsanti
  • Raggruppamento di varie opzioni (tra cui la versione dell'app) nella sezione "Avanzate"
  • Blocco dello schermo senza disabilitare il metodo di sblocco con impronta digitale per le app di terze parti

Ricordiamo che Android P introduce anche il supporto nativo al notch, permettendo agli sviluppatori di modificare l'altezza della status bar per visualizzare meglio i contenuti, in modo che non risultino tagliati. Un nuovo attributo del sistema si occuperà di segnalare alle app come comportarsi in presenza del notch.

Per finire segnaliamo un importante cambiamento che probabilmente verrà concretizzato solo con il rilascio finale di Android P. Il sistema inizierà ad avvisare gli utenti quando questi installeranno un'app che utilizza API pensate per le versioni di Android pari o inferiori alla 4.2, dal momento che a partire da novembre 2018 tutte le app Android dovranno far riferimento alle API 26 di Oreo.

Android P è già disponibile in versione Beta per tutti i dispositivi compatibili con il programma beta, disponibile per un vasto numero di dispositivi, tra cui Essential, Nokia, Vivo, Xiaomi e Sony. Per maggiori informazioni vi rimandiamo all'articolo dedicato.

Il top gamma 2018 più completo sul mercato? Samsung Galaxy S9 Plus, in offerta oggi da Clicksmart a 444 euro oppure da Media World a 579 euro.

153

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Carlo Raffaele Valentino Molin

ma che aggiornano a fare il sistema operativo ogni 6 mesi se la maggior parte del mercato ha ancora l'update di 3 anni fa? onesto? android mi ha stancato...

Gark121

Così insomma... (si era completamente stock) https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

Valoroso Guerriero

Già, tutte sciocchezze. https://www .phonearena. com/news/Smartphone-battery-life-over-the-years-A-surprising-study_id82315

Meglio tornare ai tempi di kitkat e non arrivare alle 18 senza greenify, amplify e un paio di batterie di scorta.

Supertecnico_

Sul mio S8 almeno arrivano le patch di sicurezza abbastanza velocemente, cosa che non si puo dire sugli LG e altri produttori vari

Peppe Black

Grazie mille :)

NEXUS

samsung e co infatti ho scritto, certo li vedi tra un anno

Gark121

Si, è divertente che non sia successo, ma è ancor apiu divertente leggere te che scrivi C A Z Z A T E talmente grosse che Google stessa ha ammesso i problemi di lollipop, tanto per dire.

E K

Vero, quelle gestures erano ben fatte

Thomas Schietti

A volte è comodissimo. E quando parlo con Siri e sento che non fa niente e dice che non capisce mi fa girare i cosidetti.

Daniele Cosentino

Infatti da MM(compreso) in poi potevano tranquillamente solo aumentare la sub version.

Su questo sono d'accordo .ma non fermare gli sviluppi.

utente

Quattro novità per andare avanti di una lettera non lo definisco sviluppo :)

Kaovilla

Torniamo più indietro con Blackberry e Meego su N9 *.*

Kaovilla

Oneplus e via :D Substratum e via :D

Kaovilla

Le gesture andrebbero prese e spudoratamente copiate da quelle della Miui (che ha copiato ios ma le ha rese più immediate e meno invasive (nessuna barra sottostante, ma tutto dai bordi del display).

CAIO MARIOZ

Non a caso sono i più utilizzati

Pirupa

Ripeto che sono il primo a dirlo. Anche se alla fine lo utilizzo solo per scrivere i messaggi e per i promemoria. Quindi lo batte sì ma non è una funzione primaria

Torre

Hanno avuto per anni la possibilità di introdurre le gesture per primi e rendere la barra di navigazione meno statica, adattabile al contesto. No, hanno aspettato che lo facesse Apple.

Sagitt

Sono integrate ed universali, standardizzate e quindi sfruttabili da tutti nel giusto modo. cosa che non comprendi ed è una cosa grave

Kyro

iPhone x ha introdotto le gesture che esistono da anni su Android se guardi i meizu (ovviamente android) hanno le stesse identiche gesture ... le ha copiare anni prima Meizu ovviamente

Giulk since 71'

Esatto cosi mi sembra una mezza soluzione e basta, bah

Giulk since 71'

Mah preferivo poter gestire tutto con gli swipe e le gesture cosi da poter togliere quei cavoli di tasti a display che odio

Pinco Pallino

Devi usare l'app proprietaria sound assistant.

Thomas Schietti

Nokia 7 plus ha un prezzo troppo elevato. A 300€ sarà un best buy. Però ora6X diventerà forse un A2 e con prezzo leggermente più basso. A 200€ sarà il miglior medio gamma come best buy per me. Vedremo

Danny #

Vero. Pensavo al Nokia 7 Plus.

Thomas Schietti

Ci credo, ammettere che Siri venga battuta per te è una cosa impossibile. D'altro canto fai parte di quei fanatici che non riesco ad ammettere che Apple insegue la concorrenza nel reparto dell'AI e dei visori.

Pirupa

Oltre ad iphone ho XZ Premium di Sony, e sicuramente è più reattivo l’assistente Google, ma alla fine io ci scrivo solo promemoria e messaggi...

Valoroso Guerriero

No? Ma come ti viene in mente una cosa del genere? Non ho mica scritto quello.

Valoroso Guerriero

Ahahahah, che ridere i fatti.

Oliver Cervera

GRAZIE!

Oliver Cervera

Grazie, sarebbe già una parziale salvezza.

Thomas Schietti

Anzi, vai a vedere Xiaomi 6X, con 6 GB e SD 660 a 289. Direi che non mi sembrano affatto i tuoi 400€ annunciati.

Thomas Schietti

Ah ecco. In quel caso allora ha ragione. Solo che iPhone ha uno zero in più da aggiungere per poterlo comprare. E ovviamente le differenze si notano ;)

Thomas Schietti

Xiaomi lo porterà sui suoi device a 250 e 300 stando agli ultimi rumor.

comatrix

Madó quante cose introducono che sono già disponibili per Android da anni.
Ah già ora le introduce Google, allora sono migliori ^^

Danny #

Snap 660 costa 400€ eh....

momentarybliss

"Blocco dello schermo senza disabilitare il metodo di sblocco con impronta digitale per le app di terze parti", una delle novità più attese per chi usa launcher alternativi

Supertecnico_

Secondo me si riferisce al Nokia 1 con Android Go

Supertecnico_

ma stai scherzando? Parli dei telefoni marca cavallo del 1970? Gia il Galaxy A8 di un mio amico va piu veloce di una scheggia, e l'interfaccia Samsung Experience è la piu curata e piena di animazioni

Fede

A questo punto va aspettato il pixel 3, mi sa.

Tiwi

sembra molto interessante, alcune cose mi convincono di più, tipo il volumo laterale, mentre per altre, bo, devo provarle, quella gesture doppia per aprile il drawer non mi convince moltissimo

E K

Se questi gesti saranno il solo modo di navigare, android farà un salto in dietro notevole. I 3 tasti sono più veloci, più intuitivi ed esteticamente simmetrici (= migliori)
Se proprio vogliono scimmiottare apple mettano pure i vari swipe (che già esistevano tra l'altro) senza togliere il pulsante del multitasking.

Enrico Garro

Ho il 5x anch'io, aspetto a vedere se nokia esce il 9 e poi aspetto che cali un po'

Peppe Black

Mi indicheresti dove?

Solomon Taiwo

Credo che la tua affermazione sia sbagliata, dato che la beta è gia disponibile su Essential, Sony, Nokia e vari Oppo

Pinco Pallino

C'è anche su s7.

Thomas Schietti

Grave pecca quella della rimozione di informazioni sulla batteria. Manca grafico con scarica e app che consumano e quanto. Spero venga reintrodotto.

Thomas Schietti

Ma che telefoni guardate ? Base gamma con 1 GB di RAM ? Suvvia è dimostrato che medi gamma da 170€ in su con SD660 o giù di lì non laggano mai praticamente.

Gark121

Ahahahahahahaha

oreo85

secondo me invece c'erano ampi margini

oreo85

può essere

24 ore con Nokia 9 PureView: 5 fotocamere ma...

Huawei P30 e P30 Pro ufficiali: video anteprima

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO