ZTE potrebbe perdere la licenza per i servizi Google | Rumor

18 Aprile 2018 54

ZTE è stata sanzionata dal Dipartimento del Commercio statunitense, il quale ha imposto alla società cinese il divieto di acquisto di componenti prodotti da aziende USA per 7 anni. Pare che questo ban commerciale possa avere conseguenze ancor più importanti di quanto sia stato ipotizzato ieri, stando ad alcune fonti ben informate sui fatti e riportate da Reuters.

Secondo i rumor emersi nelle scorse ore, ZTE e Google - attraverso la sua società madre Alphabet - hanno avviato un dialogo al fine di valutare l'impatto delle sanzioni, in modo da capire se la società cinese possa ancora ricevere la licenza all'utilizzo dei servizi Google sui suoi prodotti, conosciuta come Mobile Application Distribution Agreement (MADA). La natura del divieto, infatti, potrebbe riguardare anche l'acquisto di questo genere di prodotto, fatto che porterebbe alla revoca della licenza concessa alla casa cinese.

Questo non impedirà a ZTE di equipaggiare Android sui suoi terminali, dal momento che l'intero sistema operativo è open source, tuttavia le renderebbe impossibile integrare il pacchetto Google Mobile Services, perdendo quindi l'accesso al Play Store e a moltissimi servizi che risultano indispensabili per il corretto funzionamento di molte app.

Uno scenario del genere avrebbe un impatto estremamente negativo per l'espansione globale della società cinese, la quale si ritroverebbe ad offrire dei prodotti nettamente svantaggiati rispetto ai concorrenti, vista l'assenza dei servizi Google. Per quanto riguarda il mercato interno, ovvero quello cinese, ZTE potrebbe scegliere di sviluppare il proprio fork di Android al pari di Amazon o installare un sistema operativo come YunOS.

Al momento entrambe le società non hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito, quindi è bene attendere un comunicato ufficiale che possa rendere noto l'esito del dialogo tra Alphabet e ZTE.

Fotocamera Wide per eccellenza? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da 4G Retail Tim a 278 euro oppure da Amazon a 339 euro.

54

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pippolo

Potrebbe essere che gli USA minaccino direttamente il CDA di FCA di brutte cose. Sia a livello economico che personale. A quel punto gli dicono che non possono più vendere macchine Fiat ai mussulmani perché sono spesso usate per fare attentati. FCA si adegua. Se non lo fa rischiano di mettersi contro ad uno stato che investe 700 miliardi di dollari l'anno in armi. Per fini commerciali è tutto lecito, vendono metanfetamina per bambini, usano i dati utenti per vendere qualsiasi cosa, girano con fucili d'assalto, imbottiscono di antibiotici la carne. Se però si pesta il piede sbagliato in politica so cavoli. Vedi la faccia di Zuckerberg.

Pippolo

Effettivamente se gli stati uniti stanno arrivando a tanto forse è perché hanno una concreta e realistica paura fottuta di perdere tutto. Sembrano tentativi disperati per reagire al declino a cui pensano essere destinati

Pippolo

Giusto! Vadrai se scoppia la guerra dove finiranno tutti i dati gps, video, mail di miliardi di utenti Google ecc. Serio rischio per la sovranità e libertà anche in Italia. Hanno le chiavi del mondo. Siamo liberi fino a che non decidono che non lo saremo più..

Lorenzo

Per come la vedo io, il fatto che si sia opposto a Qualcomm e broadcom è stato una manna dal cielo... Altrimenti dove sarebbe la scelta tra i dispositivi?

Gabriele_Congiu

ZTE vende dei prodotti in Iran che utilizzano componenti USA la cui diffusione in Iran è vietata, per via delle sanzioni.

Marco Revello

Da che ne so io solo dagli USA.

Kevin

Ma sono state decise solo dagli USA oppure da diverse nazioni?

Marco Revello

Esatto si chiamano sanzioni.

qandrav

:)

Kevin

Cioè semplificando molto, gli USA non vanno d'accordo con l'Iran, ZTE vende dei prodotti anche in Iran, --> gli USA per ripicca decidono che ZTE non può più usare tecnologie americane??!

Daniele Davide

non sei informato abbastanza..ciao

Dark!tetto

E poi vi chiedete perchè tutti iniziano a puntare su store e servizi propietari...

Luca

Si come no.......ma un presidente che entra in dinamiche aziendali in questo modo ..come Qualcomm e broadcom...ma anche a quello interno come la fusione disney e la fox solo perché lui a problemi con la cnn... O il caso bezos amazon proprietario anche del w. post..giornale nemico e lui cerca di punire economicamente... ma scherziamo ..qua siamo molto distanti dalla democrazia

Fiore97

quindi ripperoni zte axon m2?

Gabriele_Congiu

Grazie per l'apprezzamento!

Shaq Boom

Ce la siam tolta dai pieeeeèèeèèeèeèeèedi

qandrav

grazie per le integrazioni che hai aggiunto in questi tuoi commenti, sarebbero da inserire nell'articolo :)

Shaq Boom

Le ha rovinate

Shaq Boom

È prorpio arrivato il momento del karma an@le

Maxxi

Trump non fare altro che creare disastri... E si sapeva dal principio

Maxxi

Quindi la fine commerciale di ZTE

josefor

avrà le sue colpe ZTE ma gli USA sono gli unici ad aver attuato questo embargo contro l'azienda cinese

Shaq Boom

Il karmaaaaaaaa

Daniele Davide

è colpa di ZTE non. di Trump

Giallu74

Bah. È uno dei maggiori produttori per le infrastrutture a livello mondiale.
Non so cosa ti ha fatto, ma ci sono lavoratori e famiglie dietro ad un'azienda.
E meritano rispetto.

Shaq Boom

Schifo! Schifo totale!

Shaq Boom

Che coincidenza hahahaahahaahaha

qandrav

thanks

Tzr

anche io ho letto recentemente così secondo un post di un utente che riportava la cosa preso forse da wikipedia...

buon per nubia, se fosse effettivamente così! :)

Gabriele_Congiu

Allora, non ti posso dare una risposta precisa al 100% (ho fatto anche economia politica, quindi gli aspetti legislativi lì ho trattati in maniera meno approfondita), tuttavia la sanzione dovrebbe applicarsi in maniera gerarchica, quindi imponendo un blocco sulla casa madre questo potrebbe riguardare anche le sue dirette controllate. In realtà non dovrebbe essere così semplice, dal momento che esistono diverse forme con cui una società ne controlla un'altra, quindi il tema è complesso, esattamente come dici tu.

Riguardo la giurisdizione, questa è legata all'ambito territoriale. Nel caso in questione, la giurisdizione USA termina nel punto in cui non può impedire che ZTE acceda a prodotti realizzati in altri paesi e ai mercati in cui verranno commercializzati. Può scegliere di impedirle qualsiasi rapporto di compravendita con entità statunitensi, ma ovviamente non ha alcuna autorità su scala globale.

Alessandro

Se sapessi in quante infrastrutture ha messo le mani ZTE non parleresti così

gioboni

Grazie!

josefor

magari poi telefoni usando operatore wind o 3 con infrastrutture fornite da ZTE

gioboni

Ok, e fino alle motivazioni ci sono, quello che però mi lascia perplesso è il passaggio "gli USA agiscono all'interno della loro giurisdizione": dove finisce questa giurisdizione?
Ti faccio un esempio pratico per farti capire cosa intendo: prendiamo la VM Motori S.p.A. (registrata in italia) di proprietà di FCA Italy (anch'essa registrata in italia), sussidiaria di FCA (registrata in Olanda come Naamloze vennootshap e con sede a Londra) che opera in USA tramite FCA US; in questo caso la giurisdizione USA si ferma a FCA US, ma se FCA fosse registrata negli Stati Uniti, potrebbero esserci restrizioni per la VM Motori S.p.A. in caso di un divieto imposto al gruppo capostitpite?

Rhoken

Ed ecco che Trump è stato un grave errore

Giallu74

Sono frasi senza senso.
Cosa ti ha fatto ZTE?
Ragazzi, scriviamo qualcosa di intelligente altrimenti meglio tacere.
Senza offesa, è solo un consiglio.......

josefor

Nubia non è più di ZTE se non erro.

qandrav

In tutta sta cosa è coinvolta anche Nubia?

lo_stewie

Eh stai calmo, ZTE non è l'umidigi di turno, qualche soddisfazione l'ha data

BoORD_L

tratto dal sole 24, in riferimento al debito pubblico americano:
la parte detenuta da investitori esteri (6.281 miliardi, il 31,5%), quasi tutti stati sovrani, nasconde insidie rilevanti. In particolare, il fatto che i due principali creditori siano Giappone (1.108 miliardi) e Cina (1.049). Poiché è loro interesse sostenere il valore del dollaro rispetto a quello delle loro valute nazionali per favorire la competitività del loro export, il controllo di oltre il 10% del debito americano dà loro un’arma potente di ricatto politico, grazie alla minaccia di tagliare fortemente il periodico riacquisto dei Treasury Bond Usa. Benché, tuttavia, sia paradossalmente vero anche il contrario: entrambi sono indotti a detenere una quota elevata di debito Usa per evitare tracolli nelle quotazione del “biglietto verde” che si tramutino in un aiuto insperato alla politica trumpiana, che punta a indebolire il dollaro per sostenere le vendite di prodotti statunitensi.

stiga holmen

devi mettere il tag < code> testo da inserire < /code>

Togli lo spazio dopo < per farlo funzionare

Ibenfeldan

Ah, ok, quella notizia me l'ero persa per strada...

Gabriele_Congiu

Insomma, i recenti cambiamenti delle politiche di Google rendono il tutto molto più macchinoso, sopratutto per il pubblico generalista.

https:// android.hdblog. it /2018/03/26/gapps-custom-rom-novita-google-android-blocco/

Gabriele_Congiu

Allora, in questo caso il problema alla base è uno. Gli USA hanno attivato un blocco commerciale dei propri prodotti verso l'Iran e ZTE ha causato un aggiramento dello stesso, commercializzando in Iran dei prodotti dotati di componenti sviluppati da società statunitensi.

In questo caso gli USA agiscono all'interno della loro giurisdizione, vietando ad una società estera di effettuare scambi commerciali con una statunitense sulle basi della violazione contestata.

A questo ci aggiungerei il fatto che ZTE, ma anche Huawei e le altre società cinesi, siano diventati dei sorvegliati speciali dalle autorità statunitensi, quindi è stata colta la palla al balzo per farla fuori senza dover toccare la questione "dazi".

LoWR1D3R

Mmmm sara che questa e solo una parte della trade war tra trump e china?

josefor

Spero che la questione svolga in qualche sorta di compromesso, Trump e la sua guerra all'economia Cinese non farà altro che creare disastri

BoORD_L

soprattutto triggerati XD!!!!

Shaq Boom

Così morirà finlmente

gioboni

OT. Come hai inserito l'indirizzo web senza spazi e senza che venisse moderato?

gioboni

Questa storia mi ha fatto sorgere un dubbio a cui non riesco a trovare risposta data la natura articolata dell'argomento: dove finisce la giurisdizione di uno stato in relazione a società multinazionali?
Prendiamo questo specifico caso come esempio: l'azienda X con sede a NY non può trattare con ZTE e neppure le filiali estere; ma quando si inizia a parlare di controllate estere? Ok, magari se il 100% della proprietà fa capo alla sede centrale allora sussiste il ban. La questione però si f ancora più spinosa se si considera un joint-venture con una società non americana oppure se si parla di una partecipazione, fino ad arrivare al caso più estremo di una semplice proprietà di quote azionarie (con e senza delegati nel cda).
Boh, io mi sono perso... Forse potrebbe essere argomento per un bel articolo se di fosse un giurista in redazione.

Google sospende la licenza Android a Huawei dopo il ban di Trump: reazioni

Recensione Asus Zenfone 6: 5000mAh e Android Stock da 499 euro

ASUS ZenFone 6 ufficiale: nuovo fuori, potente dentro | PREZZI

OnePlus 7 vs OnePlus 7 Pro: le differenze | VIDEO