Project Treble e custom ROM: nuove prove sulla bontà del binomio

20 Dicembre 2017 78

La community di xda-developers ha verificato la validità di Project Treble in campo modding su un certo numero di smartphone Huawei. Treble, come sapranno i nostri lettori più informati, è uno dei cambiamenti strutturali più importanti mai applicati ad Android nel corso della sua storia. Semplificando molto, vengono separati i driver a basso livello dal framework del sistema, in modo tale che le due parti si possano aggiornare separatamente, e con responsabilità separate - driver direttamente dal produttore di componenti (Qualcomm, Synaptics, MediaTek...) e framework dal produttore dei telefoni completi (Samsung, Xiaomi, Nokia, OnePlus...).

Project Treble è un prerequisito inderogabile per tutti gli smartphone basati nativamente su Android 8.0 Oreo: ciò vuol dire che, se un produttore vuole avere le app e i servizi Google, deve supportarlo. Tra i requisiti di Treble risulta anche la capacità di avviare una ROM AOSP praticamente out-of-the-box, senza bisogno di apportare modifiche sostanziali al codice sorgente. Un vantaggio enorme per gli appassionati di modding e gli sviluppatori di custom ROM, la cui prima dimostrazione l'abbiamo vista in video circa un mese fa. Un utente di xda ci mise solo un giorno per scaricare e avviare una ROM AOSP originale sul proprio Huawei Mate 9, senza alcuna modifica al kernel.

Basandosi su quella esperienza, le potenzialità di Treble sono state ulteriormente dimostrate: la stessa identica ROM - ancora una volta, senza modifiche al kernel - è stata avviata su altri due smartphone sviluppati da Huawei, ovvero Mate 10 e Mate 10 Pro. Ancora più interessante è osservare la scheda tecnica dei tre dispositivi: tre SoC diversi, e cioè HiSilicon Kirin 960, Kirin 970 e Qualcomm Snapdragon 835. Tutti avviabili con una singola immagine.

In termini di flessibilità degli aggiornamenti, sul mercato attuale uno degli scenari migliori è quello di Windows, in cui il singolo utente può installarsi manualmente il sistema operativo e poi completare il processo con i driver. Con Treble, Android si sposta molto in quella direzione, anche se il livello di semplicità lato utente non è ancora paragonabile.

L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9, in offerta oggi da Techinshop a 549 euro oppure da Yeppon a 694 euro.

78

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Xerorex

Nono, le Custom ROM devi installarle da solo. Quando prendi l's8 ti ritrovi il sistema operativo modificato con l'interfaccia della Samsung, e solo questo. Treble serve, sui firmware ufficiali, a rendere più rapidi gli aggiornamenti, ma può essere usato brillantemente per creare Custom ROM. Cioè, cambia solamente ciò che ti ho detto, i produttori non metteranno più sistemi operativi o renderanno i propri più simili a quelli standard.

luca odorizzi

Per li smartphone non nativi con oreo purtroppo non ci sarà il supporto a treble ma non perché non si possa fare , ma perché ai produttori scoccia fare questa cosa , facilità di aggiornamento ecc non vanno d'accordo con le loro politiche perché così una persona si sente decisamente meno obbligata a prendere uno smartphone più costoso per avere aggiornamenti più rapidi e sicuri , infatti la prova che se i produttori volessero inserirlo negli smartphone non nativi con oreo sono i pixel 2016 ( unica eccezione ) questo dimostra che sarebbe possibile se il produttore volesse , ma visto che è obbligato solo dagli smartphone con oreo nativo perché sbattersi per farlo? Speriamo solo che d'ora in poi ci sia più costanza negli aggiornamenti e soprattutto che arrivino più rapidamente

Oliver Cervera

Il supporto sarà totale a qualunque dispositivo con Oreo nativo. I non top gamma però di solito escono con versioni precedenti, speriamo che quest'anno i produttori saranno meno cani.

Los Endos

Non siamo ancora a quel livello, ma è un ottimo punto di partenza

TheJedi

Ovviamente il codice base è sempre l'AOSP, ma il framework del produttore era parte integrante della ROM, ora è totalmente slegato.

franky29

Che è semplicemente quanto flashare

Mattia Valsecchi

Buono a sapersi! Speriamo che il supporto non si limiti ai top

Oliver Cervera

Sì ma non c'entra nulla, quel dispositivo non ha Treble e non può supportarlo

Oliver Cervera

Solo se il produttore vuole, come Essential o Huawei

FrankBosone

Ma uno smartphone che è già sul mercato può usufruire di questo project treble?

MeneS

Su XDA (s7 edge) si trovapiù roba per il soc exynos che Snap :P
Poi sono tutte basate su la rom ufficiale samsung o variazioni su lineage...ma qualcosa c'è

Mattia Valsecchi

Spero che facciano una aosp rom seria per A5 2016!!

ctretre

https://uploads.disquscdn.c...
Ecco la differenza tra la Huawei protagonista è la Samsung.
Personalmente uso per il modding un moto g LTE.
La ROM che supporta più dispositivi credo sia la Lineage OS non la resurrection remix, che è appunto una remix della prima.

dimebag darrell

I Samsung nel modding sono è saranno sempre gli ultimi,chi si fa un Samsung per il modding non ha capito niente di come funziona,la comunità xda lo snobba basta pensare che nemmeno la resurrezione remix ufficiale ha l's8

ctretre

I Samsung nel modding non vanno di moda, ma sono più seguiti dei Huawei. S7 ha ricevuto la Lineage OS ufficiale nella versione Exynos e non in quella snapdragon.
.
Il lavoro degli sviluppatori starà nell'adeguare il loro codice alla partizione del firmware/driver e non ai driver, visto che il lavoro è riuscito sui Kirin di Huawei che sono ancora più ostico degli Exynos di Samsung non vedo perché non debba riuscire con questi ultimi.

dimebag darrell

Non è perché il processo è stato velocizzato e semplificato significa che le cose si fanno da sole , sempre uno sviluppatore ci deve mettere mano ,e non mi sembra che i Samsung nel modding soprattutto con exynos vadano così tanto di moda!!anzi ......

zipalign

vabbè e quindi?

Piero Collevecchio

Vedo che hai letto l'articolo

franky29

Lol su Galaxy basta inserire un file Pit e spuntare re partition su odin

Alessio Spada

Lg g3 rotto
LG g4
Zuk z2 con alcune rom
S6 con problema software
Telefono 'master " (merd...ccia cinese) di mia nonna
Poi non so quanti altri!

Ma scusa, non puoi tenerlo acceso?

xpy

Penso fosse una personalizzazione di chi ha fatto l'adattamento, anche perché era attivo di default e non era disattivabile, però forse esiste qualche applicazione o modulo per farlo

Felk

Zuk Z2... Con le ROM si accende da solo

Federico Coccolo

Il mio vecchio LG G4 stock aveva quella funzione, figurati che credevo fosse un bug!!! Io volevo che caricasse da spento e non c'era verso, con sta funzione dimmerda per forza si doveva riaccendere... Tu la trovi una fikata? Io la odiavo!!! Ahahahah!!!

zipalign

ti parlo per esperienza diretta:
se installare una custom ROM ha un coefficiente di difficoltà pari a 5, ripartizionare la memoria interna di un telefono ha un coefficiente pari a 8.
per molti è già difficile capire come sbloccare il bootloader e installare una custom recovery. figuriamoci ripartizionare.
io lo feci anni fa su diversi esemplari di xiaomi mi2. un gioco da ragazzi per chi smanetta con telefoni e PC, ma non proprio un'operazione semplice e immediata da far fare alla casalinga di Voghera..

il resto del discorso è coerente e fila: i nuovi modelli dovranno giocoforza essere pronti "out-of-the-box" per il project treble.
ma pensa, ad esempio, a OP5. che pur essendo uscito pochi mesi fa, comunque non sarà compatibile col progetto di google [motivazione ufficiale: non si può ripartizionare una memoria con un OTA].

ctretre

Da quello che ho capito è stato esattamente risolto quel problema.
I Kirin hanno lo stesso problema degli exynos, eppure sono stati i protagonisti della prova.

Quando installi una ROM con project treble non devi curarti della componente software che dipende dall'hardware, visto che riutilizzi la partizione del produttore, che funziona tanto su ROM alternative che sul sistema originale.

Corregetemi se ho frainteso l'articolo.

davide

Si ma io mi riferisco sopratutto al mondo delle custom ROM... Quando metti una custom cancelli tutto, quindi ripartizionare non è affatto un problema. Inoltre mi sembra proprio di aver letto che trattandosi di linux alla base, creare le 2 partizioni non è impossibile neanche su un sistema gia funzionate (anche se effettivamente non è proprio esente da rischi).
Diciamo che appunto i produttori per introdurre il supporto treble a un device devono inizialmente lavorare parecchio e per questo lo faranno solo sui terminali nuovi...

alexhdkn

Uscirà ma non si sa quando

misterblonde

da quello che ho potuto capire il problema per i vecchi è che hanno delle partizioni diverse. La vedo dura riuscire a ripartizionare la memoria del dispositivo con un aggiornamento over the air. Il rischio di brick del terminale penso sia molto alto, mettici che devono vendere anche il nuovo.

Emiliano Frangella

Ma perché ti serve questa cosa??

C#Dev

Scusa se esistono solamente queste due realtà in ambito mobile

dimebag darrell

Io sto aspettando magisk beta 14.6 che risolve il bug sul pixel XL 2 dell'errore all'accensione del sistema operativo,altro che treble

faber80_

non c'è stato il tempo di capirlo,
durava un anno perchè non c'era più lo store.

ErCipolla

Il vantaggio è che nella situazione attuale i driver e i kernel dei dispositivi non sono configurati per andare direttamente con una AOSP pulita, sono modificati dal produttore per adattarli al suo framework e alla sua ROM. Questo fa si che non puoi semplicemente estrarre di binari dei driver e del kernel da un device, compilare la AOSP e "buttarla su" direttamente. Devi fare tutta una serie di giri che tipicamente sono quelli che rallentano o impediscono lo sviluppo delle custom rom (es: cercare device che hanno lo stesso SoC ma che montano già una AOSP o simil-stock e adattare quelli, patchare il framework con eccezioni apposite, configurare un kernel specifico che carichi i moduli specifici di quel device, ecc.)

Con Treble l'idea è che i produttori sono obbligati a fare kernel e driver che vanno già di loro su AOSP, senza necessitare di ulteriori adattamenti. Poi che all'atto pratico te li prendi dal device o li includi nel pacchetto della ROM poco cambia (io penso si opterà per la seconda ipotesi in caso di custom rom, proprio per avere la possibilità di fornire driver anche più aggiornati di quelli presenti sul dispositivo volendo)

ErCipolla

Non si tratta solo dei driver che devono essere "treble-ready", ma anche del kernel... quindi non canterei vittoria troppo presto. In linea di massima, direi che la sicurezza di supporto al 100% c'è solo con dispositivi nati con Oreo o successivi.

Mark984

Chissà perché non l'hanno fatto prima o addirittura fin dall'inizio. Forse solo ora hanno la forza per poterlo imporre ai produttori.

Windows Phone alla fine, all'atto pratico, sotto questo aspetto non era molto diverso, giusto?

dimebag darrell

Se ha il soc exynos bisognerà vedere se gli sviluppatori ci vogliono mettere mano

dimebag darrell

One plus con qualunque custom rom si accende appena lo colleghi alla presa

andrea55

Probabilmente si, apre molte più possibilità

davide

Si ma questo vuol dire che a patto che il produttore del chipset abbia rilasciato i driver treble, qualunque sviluppatore di custom rom può implementarlo su device per cui il produttore non ha voluto farlo.

faber80_

lo stesso android installabile su più hw, come windows insomma, ottimo.

Mako

Comunque se non butti la stoccatina ad Apple ogni volta non sei contento

davide

Ok, quindi come immaginavo non c'è un vero vincolo hardware se non che il produttore del chipset deve aver creato dei driver compatibili con la modularità di Treble... A questo punto significa che se il produttore del chipset ha rilasciato i driver treble, chi sviluppa custom ROM può supportare treble anche su dispositivi per cui il produttore ha dichiarato la non compatibilità... Esempio se Qualcomm fa i driver treble per lo Snapdragon 835, OnePlus 5T potrà essere reso compatibile con una custom ROM anche se il produttore ha detto che non lo sarà ufficialmente. Se è così mi è tutto chiaro.

andrea55

No i driver sarano sul dispositivo, altrimenti dove sarebbe il vantaggio rispetto alla situazione artuale

andrea55

Si e no, i driver comunque risiedono sul dispositivo quindi devono essere implementati tutti, una volta implementati è poi possibile avviare qualsiasi rom

andrea55

Il vincolo è la volontà dei produttori d ripartizionare il sistema degli ex top gamma e sviluppare il pacchetto di driver

MeneS

Sono curioso di vedere un S9 con la rom AOSP :P

Los Endos

In realtà già adesso la base di tutte le ROM android è AOSP... E con treble le personalizzazioni software dei vari produttori rimarranno esattamente le stesse.
Il vantaggio è che il codice del produttore Hardware (la parte "bassa" del sistema), tipo Qualcomm, non deve piú essere sviluppato insieme alla rom, ma rimane slegato al livello inferiore.
Quando si sviluppa una custom rom si puó prendere un'immagine stock generica facendoci semplicemente qualche piccola modifica, senza piú diventar matti per adattare la parte a stretto contatto con l'hardware.

Insomma, il tutto prima di treble era un po' una porcata

Gabriel #JeSuisPatatoso

Manu1234 ha smesso di drogarti/sedarti? :D

Albe

La teoria è quella. Poi dipende se i driver ufficiali saranno compatibili con la nuova versione di Android

Mattia Zara

uso spesso la cyano (ormai lineage os), sai dirmi per caso come si chiama questa funzione?

24 ore con Nokia 9 PureView: 5 fotocamere ma...

Huawei P30 e P30 Pro ufficiali: video anteprima

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO