Chrome 64 per Android, in arrivo il supporto ai download paralleli

11 Dicembre 2017 6

La versione 64 di Google Chrome per Android dovrebbe includere il supporto ai download paralleli: ciò significa che il browser dividerà in più flussi un singolo download, in modo da migliorare tempi d'attesa, velocità e sfruttamento delle risorse del sistema. A scoprirlo sono stati i ragazzi di xda-developers - decisamente in forma in quest'ultimo periodo, dopo aver scoperto supporto all'HDR ed esportazione password. Anche in questo caso è bastato curiosare tra i meandri del codice sorgente del browser.

Il commit dice che il meccanismo entra in azione se il download dura per più di due secondi; il lavoro viene suddiviso in tre flussi. Stando alla descrizione, sarà abilitato sulla totalità degli utenti da Chrome 64 in poi (da notare che la versione 63 è disponibile su mobile e desktop da pochi giorni, e che la cadenza di rilascio di nuove versioni è vagamente mensile/bimestrale).

Chi è su un canale di test (Beta/Canary/Dev/Nightly) di Chrome 64 può provare la funzione subito dirigendosi su
chrome://flags#chrome-parallel-download. Circola nel codice del browser da diverso tempo, ma a quanto pare solo ora ha raggiunto la maturità desiderata da Google.

Il miglior Xiaomi ad oggi? Xiaomi MI 9, in offerta oggi da Clicksmart a 339 euro oppure da Amazon a 385 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Emiliano Frangella

sempre una cosa in piu

ferragno

si, ma cosa scaricate da Chrome per Android???

Netflix is Love

Hallelujah

ghost

Tanto la mia linea fa c*gare un download parallelo farebbe solo peggiorare la situazione lol

M_90®

Ottimo

doo_Z

Wow, ci sono riusciti

Recensione Redmi 7A: tra i migliori sotto i 100 euro

Recensione Huawei Mate 20 X 5G: il primo con modem standalone

Recensione Xiaomi Mi 9T: spacca la fascia media e fa concorrenza in casa

Recensione Xiaomi Mi Band 4 e personalizzazione hardware + software