RECENSIONE Xiaomi Mi A1, IL best-buy di fine 2017

22 Settembre 2017 944

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Xiaomi è ormai sicuramente una delle realtà più affermate per quanto riguarda il mercato smartphone. Un’azienda relativamente giovane che è stata in grado nel corso degli ultimi anni di attirare l’attenzione di molti utenti grazie a soluzioni caratterizzate da un rapporto qualità prezzo che definire ottimo è spesso riduttivo.

Nota soprattutto per i propri smartphone, ma in realtà produttrice di dispositivi di ogni genere, Xiaomi non è ancora ufficialmente arrivata nella nostra penisola ma i suoi prodotti sono comunque reperibili presso tutta una serie, ormai davvero folta, di rivenditori e importatori. Nonostante ciò sono diverse le occasioni nelle quali, pur potendo contare su una facile reperibilità, l’acquisto di prodotti di questo genere non è consigliato ad utenti poco consapevoli.

Il problema più importante quando parliamo di queste soluzioni è infatti dato dal fatto che le stesse vengono spesso commercializzate con versioni del software non ottimizzate per il nostro paese e quindi consigliabili solo a chi ha già dimestichezza nella gestione dello smartphone.

Ed è proprio per questo motivo che il Mi A1 che ho provato in questi giorni risulta essere estremamente interessante. Si tratta infatti della prima soluzione del produttore cinese a portare in dote il sistema operativo Android nella sua versione One, ovvero quella versione dell’OS di Google per la quale gli aggiornamenti saranno gestiti dalla stessa azienda di Mountain View per poi essere certificati e inviati ai device da Xiaomi. Una versione di Android tra l’altro praticamente stock, senza personalizzazioni e quindi perfetto per poter essere utilizzato da chiunque senza problemi.

IDENTICO A Mi 5X, SIMILE A ONE PLUS 5

Ad una prima occhiata questo Xiaomi Mi A1 mi ha ricordato davvero molto l’ultimo One Plus 5, oltre che ovviamente, il suo fratello gemello Mi 5X. La scocca unibody è realizzata interamente in materiale metallico con degli inserti alle estremità dietro a cui si celano le antenne.

Nella parte centrale della back cover abbiamo poi il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali, sempre molto rapido e preciso. Buono l’assemblaggio che non presenta scricchiolii anche se sottoposto a sollecitazioni meccaniche di vario tipo.

Il fronte è realizzato in vetro Coning Gorilla Glass rifinito a 2.5D. Particolare che contribuisce a fornire maggiore comfort nell’impugnatura. Impugnature che è comunque sufficiente salda anche quando utilizziamo lo smartphone con una sola mano nonostante le dimensioni del display, comunque abbastanza generose.

Da apprezzare anche la presenza di un connettore USB Type C, assolutamente non scontata in questa fascia di prezzo.

DISPLAY IPS DA 5.5 POLLICI

Come già accennato in precedenza il display in dote è un IPS LCD da 5.5 pollici di diagonale e offre una risoluzione FullHD. Frutto di questi dati è quindi la densità di pixel, di poco superiore ai 400 ppi. Un display nel suo complesso discreto, sicuramente non al livello delle soluzioni top di gamma ma senza dubbio ai livelli della concorrenza nella stessa fascia di prezzo, se non addirittura un pochino sopra.

La luminosità del pannello fa segnare un valore di poco superiore ai 500 nit al suo livello più alto mentre, sempre al massimo livello di luminosità la profondità dei neri si attesta intorno alle 0.5 cd/m2. Sicuramente buono quindi il rapporto di contrasto che raggiunge un valore di 1000:1.

Un valore, quello legato al contrasto, che permette di avere una buonissima visibilità all’aperto e un angolo di visione che rasenta i 180 gradi.

Un giudizio complessivo che viene solo leggermente offuscato da una calibrazione dei colori non proprio perfetta. A farne le spese è soprattutto il bilanciamento del bianco che tende un pochino verse le tonalità fredde. Un difetto comunque abbastanza contenuto che si nota solo con un occhio abbastanza allenato.

FOTOCAMERA DOPPIA CON ZOOM E BOKEH

Uno dei punti di forza di questo Mi A1, almeno in relazione al prezzo, è probabilmente la fotocamera. Si tratta di un modulo doppio, caratterizzato da due sensori dotati di una risoluzione di 12 megapixel ma con lunghezze focali differenti. In particolare abbiamo una lente standard da 25 mm per la fotocamera principale e una da 50 mm, quindi con uno zoom ottico 2X rispetto alla lente principale, per la fotocamera secondaria. Differenti anche le aperture focali, f/2.2 per il modulo standard e f/2.6 per quello zoom.

Le foto scattate in presenza di una buona luce con la lente standard, nonostante non luminosissima, risultano ben definite, caratterizzata da colori accesi ma non eccessivamente saturi e da un HDR davvero molto efficace. Veloce, anche se non ai livelli dei top di gamma, la messa a fuoco. Nelle stesse condizioni di luce si comporta bene anche la lente da 50 mm che offre comunque delle foto qualitativamente discrete, con una buona definizione e sicuramente molto migliori dello zoom digitale di molti altri concorrenti.

La fotocamera con lente zoom permette inoltre di scattare foto applicando lo strumento ritratto. Si ottengono in questo modo delle foto con una profondità di campo ridotta e un piacevole effetto sfocato. L'algoritmo di riconoscimento dei contorni del soggetto principale funziona molto bene e i risultati sono paragonabili a quelli di alcuni top di gamma.

La situazione degrada in maniera abbastanza significativa quando invece scattiamo in condizioni di luce non ottimale, sia per la lente standard che per quella zoom. Mancando ogni tipo di stabilizzazione ottica l’utilizzo degli ISO è abbastanza evidente e il rumore di fondo si fa subito sentire, soprattutto utilizzando la lente zoom. In generale si tratta comunque di prestazioni nella media del mercato, con foto buone per essere postate sui social network ma difficilmente godibili a schermo o per stampe di dimensioni superiori al classico formato 10x15.

Non male la fotocamera frontale che offre una risoluzione di 5 megapixel e delle prestazioni tutto sommato discrete nelle diverse condizioni di luce. Una fotocamera senza caratteristiche particolari come lenti grandangolare o simili ma comunque in linea con quanto offre il mercato.


Ovviamente abbiamo anche la possibilità di registrare video fino ad una risoluzione massima di 4K a 30fps ma lascia un pochino di stucco il fatto di poter impostare in alternativa la risoluzione fullHD ma anch’essa al massimo a 30fps. Si tratta probabilmente però di un blocco software che potrebbe essere aggiustato con aggiornamenti futuri dell’app fotocamera. La qualità dei video subisce la mancanza di uno stabilizzatore di qualsiasi genere ma offre comunque una buona compensazione di luci ed ombre e una discreta messa a fuoco.

I CAVALLI NEL MOTORE CI SONO

All’interno di questo Xiaomi Mi A1 troviamo poi un processore Qualcomm Snapdragon 625, caratterizzato da una CPU a otto core e da una GPU Adreno 506. SoC accompagnato da 4 GB di memoria RAM e 64 GB di memoria interna dedicata allo storage.

Un comparto hardware che, complice anche il software pulito e abbastanza leggero, permette di ottenere delle prestazioni ottime in ogni occasione. L’interfaccia gira in maniera estremamente reattiva senza impuntamenti e con una gestione del multitasking davvero ottimale anche utilizzando due applicazioni contemporaneamente in modalità multi-finestra.


Le applicazioni vengono aperte velocemente e una volta aperte si riesce ad effettuare qualsiasi operazione senza problemi.

Parliamo inoltre di una piattaforma che permette anche di utilizzare giochi con grafica 3D mantenendo un framerate elevato e quindi una buona godibilità anche nei titoli graficamente più complessi.

SISTEMA OPERATIVO ANDROID ONE

La caratteristica principale di questo Mi A1, di cui vi ho già parlato nell’introduzione, è però sicuramente quella di essere equipaggiato con sistema operativo Android in versione One. Si tratta di una versione dell’OS di Google praticamente stock e che, stando a quanto noto finora dovrebbe avere aggiornamenti garantiti in un tempo sensibilmente inferiore rispetto alla concorrenza, in quanto gestiti direttamente da Google.

Un plus davvero da non sottovalutare, specialmente per uno smartphone di origine cinese che spesso vede proprio nell’interfaccia non localizzata e poco ottimizzata uno di punti di debolezza più evidenti.

Non mancano ovviamente tutti gli strumenti messi a disposizione dalla versione Nougat di Android. Parliamo ad esempio delle scorciatoie da icona, del multitastking a doppia finestra e Google Assistant che, entro fine anno, dovrebbe “parlare” anche italiano.

Come dicevo, una versione praticamente stock di Android, con le uniche personalizzazioni da ricercarsi nelle sole 3 applicazioni installate da Xiaomi. Parliamo dell’app della fotocamera, necessaria per sfruttare il doppio modulo, l’applicazione per utilizzare lo smartphone come telecomando e un’app chiamata feedback, utile per inviare eventuali segnalazioni di anomalie.

AUTONOMIA OTTIMA

All’interno di Mi A1 troviamo un modulo batteria da 3080 mAh. Considerando i 4000 mAh di Redmi 4X qualcuno avrebbe potuto magari aspettarsi di più, ma possiamo assicurarvi che anche con questo modulo sarà davvero difficile trovarsi senza carica.

Se avete seguito il live batteria avrete sicuramente notato come, anche in una giornata stress, non sarà un grosso problema raggiungere sera. Oltre 6 ore di schermo attivo, con 1 ora di navigazione con GPS attivo, 30 min di streaming Netflix e Spotify, diverse foto scattate, 1 ora circa di chiamate e tutta la abituale gestione di mail, WhatsApp e social network. Un risultato davvero buono.

Manca il supporto a Quick Charge di Qualcomm, nonostante il processore compatibile ma con il caricatore in confezione si riesce a caricare lo smartphone completamente in circa 2 ore.

DIFFICILE VOLERE DI PIU’

Scrivere le conclusioni della recensione di uno smartphone non è mai stato così semplice. Trovare un difetto evidente a questo Mi A1 è davvero difficile, soprattutto in relazione al prezzo di vendita. Considerando anche la spedizione il prezzo di questo dispositivo parte da circa 220 euro e scende nella migliore occasione a circa 180.

Difficile davvero volere di più da un prodotto che, al momento, è lo stereotipo del best-buy. Il rapporto qualità-prezzo è eccellente e sul mercato troverete difficilmente uno smartphone così completo ed equilibrato nella stessa fascia. Da comprare? Beh, secondo voi?

PRO E CONTRO:

Android OneMateriali e assemblaggioFotocamera con effetto ritrattoSnapdragon 625Prezzo
Dimensioni ReperibilitàAssistenza

VOTO: 8.8

VIDEO:

Xiaomi Mi A1 è disponibile su a 157 euro.
(aggiornamento del 23 giugno 2018, ore 11:56)

944

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mary Marano

Ciao HDblog readers, io ho acquistato Xiaomi Mi A1 a 249€ mi è sembrato caro, però al primo aggiornamento è passato da Android 7 ad Android 8.
E' davvero veloce ma non dispone della programmazione accensione/spegnimento e della sveglia anche ad apparecchio spento. confesso di essere un po' delusa francamente mi aspettavo di più.
La funzione radio a cui fai riferimento nella recensione non la trovo. Ciao Mary

Tonifumi

il budget è circa 220€

Tonifumi

Ciao HDblog readers. Sarei intenzionato all'acquisto di questo A1, tutto sembra perfetto a parte il fatto che è il best buy di fine 2017, a non ormai Marzo 2018. C'è al momento qualcosa da preferire in termini di Android One con simili caratteritische? Ho visto il nuovo Nokia 6 ma ha 3gb di RAM e probabilmente costerà di più. Alternativa possibile il P10 Lite, ma la mancanza di Android One in concomitanza con l'arrivo di P20 Lite mi fa temere per gli aggiornamenti. Consigli? Pareri?

Cristofer

È possibile utilizzare la sd come memoria principale?

Lorenzo

Dedico a tutti una cosa importante: 8==D - - -

Radon-zr

Per i cinafonini non puoi trovare sito migliore, anche pagando quei 20€ in più li prendo sempre da Honorbuy io.

Mala

puoi mettere il link nel caso? la tua produce quell'effetto iridescente tipico di alcuni vetri con le bande supra e sotto?

vl4d

Io al momento non ne ho trovati. Ho preso quello classico con i bordi orizzontali neri ma per montarlo dritto ho dovuto un po' sudare manco stessi maneggiando del plutonio. Mi sono fatto aiutare da un'altra persona che mi tenesse i pulsanti touch accesi. A posteriori avrei lasciato anche il cellulare in carica per centrare bene anche il led di notifica (infatti non è venuto perfettamente centrato ma è ok). Tutti gli altri vetri che ho visto avevano recensioni pessime su Amazon, addirittura vetri che erano più piccoli dello schermo stesso.

Mala

un vetro per lo schermo che non faccia impazzire nell'applicazione c'è?

Damiano

Beh le prime volte penso, e lo dicono quasi tutti, che bisogna lasciarlo in carica anche dopo il 100%, 12 ore mi sembrano troppe, io tengo il mio (non è il Mi A1) in carica dalle 22-23 fino alle 6 del giorno dopo, questo da 1 anno e funziona ancora bene la batteria

Gianluca

peccato che manchi la ricarica wireless, era perfetto.

Fabio Viscuso

In realtà sarebbe buona norma tenere la batteria sempre carica, quando possibile. Questa cosa del carica-scarica completamente è vecchia e pare ormai faccia solo danno.

Alessio

Salve, ho acquistato xiaomi A1 lunedì 27/11. mi è arrivato il giorno seguente sul sito grossoshop. Volevo chiedere se è capitato anche a voi che quando il telefono ha una percentuale bassa di batteria si spegne in automatico anche se è collegato al caricatore. l ho notato per 2 volte di seguito, mentre con percentuale di batteria più alta (mentre ero in auto ed l ho utilizzato come navigatore l ho messo a caricare in auto e si caricava).
mi date info cortesemente?

Mako

Devi tirare giù la barra delle notifiche e tenere premuto il tasto per andare alle impostazioni, poi segui quelle istruzioni

Firefly

Ciao, non trovo quello che hai scritto

Mabuse

Salve, potreste consigliarmi sulla scelta, più o meno a parità di prezzo, tra il Mi A1 e il

Redmi Note 4X Pro (4GB, 64GB - Helio X20 Deca-core, Android 6.0, CAM 13 MP, 4100mAh)?

Justin

la radio fm funziona effettivamente, una volta entrato strane il menu test hardware

Alberto

Service menu... L'ho postato in altri commenti.
Basta che digiti il codice dal dialer ed entri nel menu di servizio

Dryblow

Menù segreto sarebbe?

Matteo Bottoli

Interessante...

Mister chuck revenge

Abbastanza logico visto che i processi in back della miui sono super castrati, col risultato che ricarica praticamente tutto con multitasking pessimo.

Mister chuck revenge

Ovviamente c'è una spiegazione, i differenti tempi di uscita.
E altrettanto ovviamente, il mi a1 a parità di ottimizzazione vincerà molto facilmente soprattutto lato multitasking dove la miui è castratissima.

Alberto Longano (Zaltan)

Mi Max 2 però non ha la banda B20.

manu

Ciao, io l'ho comprato su honorbuy la settimana scorsa.. comprato il lunedí e il martedí è arrivato con gls, non c'è dogana perchè viene spedito da magazzini italiani, il costo della spedizione e di 6.90€.. poi se vuoi al momento dell'acquisto puoi usare questo codice sconto: XTFALL
Per aver 5€ di sconto...

L501xgab

Salve, il link riportato nel post per l'acquisto tramite honorbuy è stato testato da qualcuno? Se sì, ci sono stati bloccaggi in dogana o spese aggiuntive da pagare? Quanto ci ha messo ad arrivare il prodotto dal momento dell'ordine? Grazie a tutti ciaociao :)

Davide

Ragazzi secondo vuoi meglio questo o il meizu m6 note? Lo xiaomi come va la fotocamera?

Mister chuck revenge

Perché pari a zero?
L'assiste c'è eccome, ovviamente non è di un produttore ma di un venditore, ma funge abbastanza bene seppur non comodissima.

Mister chuck revenge

Fai prima a spedirlo te in Cina evitando il doppio passaggio.

pappacci

Faccio un breve commento molto personale su 3 o 4 punti di comodità ancora da digerire per ME.....volevo provare un telefono schermo 5.5 dato che ho sempre avuto un 5.0, niente mi tocca cambiare tutte le tasche dei pantaloni :( il led delle notifiche a telefono a riposo è quasi invisibile non per problema di colore ma dimensione, il tasto di accensione/blocco è dallo stesso lato sotto i tasti volume e io che vengo da un telefono in cui erano posizionati ai lati opposti lo trovo un pò scomodo, le notifiche, per esempio di whatsapp arrivano nelle barra in alto ma non mi compaiono i numeri dei messaggi arrivati sull'icona nello sfondo.

pappacci

Uso diversamente la sveglia e non lo so, però secondo me se come dici tu la sveglia da spento non funziona, sempre nelle impostazioni ho visto c'è la voce "Accensione pianificata ON/OFF" quindi se gli imposti l'accensione automatica qualche minuto prima della sveglia dovresti risolvere il problema

XXX_2

Grazie appena fatto. Ho un'altra domanda, ma a telefono spento la sveglia non parte (il telefono non si accende)? C'è qualche settaggio da impostare?

pappacci

Ci ho messo un pò anche io.... devi andare in IMPOSTAZIONI poi in fondo penultima voce "Sintetizzatore interfaccia utente di sistema" poi in "barra di stato" e spunti la voce della batteria..

XXX_2

Chi sa indicarmi come far comparire la percentuale della batteria nell'icona, grazie.

XXX_2

non è presente la radio FM

Publio Stazio

Solo per chi lo possiede.....ha la radio FM?! Grazie

Stefano

ho letto che dovrebbe avere l'ambient display...sarebbe la stessa feature di Motorola?
se così fosse, sarebbe comodissimo, meglio anche del doppio tap per risvegliare lo schermo, e renderebbe molto meno fastidioso il posizionamento posteriore del sensore impronte

Enzo

Sono nella tua stessa identica situazione. Sono spinto verso il mi max 2 ma un pò mi spaventano le dimensioni.

Albe

Togli l'autoreboot, spegni tenendo premuto tasto home + Power e volume giù e poi appena si spegne premi rapido home + Power e volume su. Così entri in reco e da lì wippi la memoria interna

Joshua

Per farlo post mi basta disattivare la spunta ad "Auto-Reboot" giusto? E una volta staccato il cell dal cavo dovrebbe automaticamente spegnersi così posso avviarlo in recovery poi (?)

Albe

No neanche debug USB serve, ma nel dubbio tu attivali tanto male non fanno. Oddio mi cogli alla sprovvista, non so gli ultimi firmware come siano strutturati, io il wipe lho sempre fatto post per allineare il csc

Joshua

Quindi non serve neanche attivare il debug USB, giusto? O quello sì? E poi un'ultima domanda: non ho ben capito se inserendo il file "HOME_CSC" mi cambierà il csc da WIN a ITV o se mi permetterà solo di non perdere i dati... Io (con l'S6 appunto) ero abituato a fare wipe pre e post flash per permettere al csc di allinearsi correttamente e ricevere eventuali OTA, devo farlo ugualmente o si allinea tranquillamente? Grazie per tutte le risposte Albe, se un giorno avrò modo di contattarti ti spedirò dei fiori ahahahah

Albe

Ciao, con l'S6 non c'era ancora la storia di Sblocco OEM dalle impostazioni (l'avevano introdotta con la 5.1 sui Note 5 e gli Edge Plus). Per i firmware ufficiali comunque non serve, lo attiverei solo se devi fare root e mettere qualche recovery

Joshua

Albe scusa se ti rompo qui che non c'entra nulla... Volevo chiederti una cosa: ho bisogno di sbrandizzare un S7 Edge mettendoci l'ITV...su alcune video-guide ho visto che bisogna sbloccare l'OEM dalla modalità sviluppatore, e attivare il debug USB prima di poter flashare. Altri invece non lo fanno (o non so se omettono di dirlo) entrando subito in DM e flashando utilizzando i vari pacchetti (BL, AP, HOME CSC...). Come devo procedere??

salvo1789

Puoi colmare il toto assistenza acquistandolo su Grossoshop o HonorBuy anche se in cambio costa di più.

salvo1789

Ragazzi sono indeciso sul prendere Mi A1 oppure Mi Max 2, il primo mi piace ho letto che ha dei valori SAR piuttosto alti. Voi che ne dite?

Pietro Pergliamici

basta mettere una cover (che tra l'altro dato la scivolosità del metallo è molto consigliata) e non assomiglia a nessun iPhone...semplice!

Alberto

Radio nel menu segreto quindi non c'è l'apk (appena arriva provo con spiritfm o come si chiama). Nfc non c'è

bobby

rischio dogana si, 21 giorni alla spedizioni, è in pre sale

Arturz

Eh ma per la spedizione come funziona? Rischio dogana?

Luca

Guarda, vista la distribuzione anche Europea penso che non lo comprerò da siti con magazzini in Cina.
Alla fine si risparmiano dai 20 ai 40 euro, però hai il rischio dogana, tempi di assistenza più lunghi e garanzia inferiore (ci sono negozi con magazzini in Italia che danno 2 anni di garanzia)

Anteprima Asus Zenfone 5Z: Snapdragon 845 a 449 euro fino a domenica

Nokia 7 Plus: fotocamera Stock Vs Google Camera | Confronto fotografico #GCamMod

Recensione Honor 10 a 399 euro spiazza tutti (anche Huawei)

Nokia 7 Plus (3800mAh): LIVE batteria | Fine 21.35