La realtà aumentata nei musei grazie a Google Tango

09 Gennaio 2017 3

Nonostante abbia subìto numerosi ritardi e il suo debutto sia stato più complicato del previsto, Google Project Tango è ormai definitivamente fra noi. Lenovo Phab2 Pro è disponibile all'acquisto da qualche settimana anche in Italia, e l'abbiamo visto in anteprima nel corso del CES 2017 di Las Vegas. Ad esso farà presto eco ASUS Zenfone AR e chissà, magari in futuro Motorola.

Ora per Google è tempo di promuoverne le notevoli peculiarità con le giuste partnership software. Abbiamo visto pochi giorni fa la collaborazione con BMW per scoprire la gamma i3, mentre oggi arriva l'annuncio di quella con il Detroit Institute of Arts. È un museo che offrirà tour speciali in realtà aumentata, attraverso l'app Lumin, realizzata in collaborazione con GuidiGO. Basterà richiedere uno dei Lenovo Phab2 Pro disponibili all'entrata e godersi alcune stazioni speciali. Sarà per esempio osservare lo scheletro di una mummia chiusa in un sarcofago stile "raggi X", osservare la Porta di Ishtar (Babilonia) nelle sue dimensioni originali e altro ancora.

Questo è naturalmente solo il primo passo di un'iniziativa che, dice Google, coinvolgerà molti più musei in futuro.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vincenzo

Sicuramente avranno in test Tango su Glass... Bisogna solo capire se la tecnologia è sufficientemente matura per l'immissione sul mercato.

ivan agosti

Ecco a cosa sarebbero potuti servire i google glass...

Una visita al Colosseo, Pompei ecc... Sarebbe stata una cosa da pelle d'oca...

Gabriel #JeSuisPatatoso

MS potrebbe fare lo stesso offrendo un assaggio di Hololens con i propri smartphone (la domanda è ... quali smartphone?).

Recensione Samsung Galaxy S10e: ecco perchè lo preferisco ad altri

Android Q: tutte le novità in costante aggiornamento | VIDEO

24 ore con Samsung Galaxy S10e: difficile tornare indietro...

Recensione Amazfit Verge, smartwatch completo e adatto a tutti