Made by Google: il ruolo di HTC nella realizzazione dei Pixel

23 Ottobre 2016 311

Disclaimer:

Quanto riportato in questo articolo è una semplice discussione riguardo lo sviluppo dei Pixel e il ruolo di HTC nella loro realizzazione. Nulla di quanto riportato ha alcuna influenza sui due terminali, ma ci offre un interessante spunto di riflessione per analizzare le recenti mosse di Google e i futuri passi della società. Buona lettura.

Una delle principali novità del mondo Android di questo 2016, riguarda sicuramente il debutto dei nuovi Pixel e Pixel XL, due smartphone che, andando oltre le mere specifiche tecniche e le tante novità software introdotte, ci propongono un approccio del tutto diverso al mondo degli smartphone da parte di Google. Come abbiamo già discusso in precedenza, i Pixel fanno da spartiacque e segnano un prima e un dopo nel ruolo di Google all'interno della telefonia mobile; il prima è ovviamente rappresentato dalla famiglia di prodotti Nexus che ci ha accompagnato sino a settembre 2016, con una Big G occupata a svolgere un ruolo di controllore e supervisore totale del progetto commissionato, anche se è sempre stata affiancata da un produttore hardware in grado di imprimere la sua impronta nel dispositivo realizzato.

Impossibile infatti non percepire il design tipico di Motorola in Nexus 6, o la presenza di un Super AMOLED, marchio di fabbrica di Samsung, e altri piccoli elementi di design comuni a Galaxy S2, e dopo anche S3, sul Galaxy Nexus. Gli esempi potrebbero continuare per ogni prodotto Nexus, in ogni caso è chiaro che lo sviluppo di un terminale di questa gamma non ha mai portato all'annullamento totale del produttore originale, il quale ha sempre svolto un ruolo da protagonista, seppur subordinato a Google.

Nexus 6 ricorda moltissimo Moto X; ovviamente non è un caso

Il dopo di cui parlavamo prima ci porta direttamente nell'attualità, in un periodo in cui la gamma Nexus è ormai stata dismessa per lasciare il posto ai nuovi Pixel. Questo cambio di nome ha portato con sé un nuovo slogan, l'ormai famoso Made By Google, tre parole che indicano un radicale stravolgimento di quella che è stata la politica adottata sino ad ora. Made By Google si va a sostituire a qualsiasi altro brand stia dietro alla realizzazione fisica del dispositivo; come è stato facile notare durante la presentazione, il nome di HTC non è mai stato fatto e anche il teardown di iFixit di Pixel XL ha mostrato come il brand della società taiwanese non sia presente in alcun modo all'interno del device, batteria a parte.

Infatti, allo Step 13 del teardown realizzato da iFixit (qui il link originale) è possibile leggere:

With nearly everything out of the case, we've seen almost zero evidence of this phone's HTC manufacturing origin.

Despite being a major smartphone brand in its own right, this time HTC appears to have left its mark on nothing save the battery. As Google's silent partner, it has been relegated to the same status as Foxconn.
La frase mette in luce come HTC non abbia lasciato alcuna impronta tangibile del suo passaggio, eccezion fatta per l'unico logo presente sulla batteria del dispositivo.

Google ha completamente accentrato su sé stessa la realizzazione dei Pixel, sia per quanto riguarda la progettazione dell'hardware che l'ingegnerizzazione del software, o almeno questo è quello che viene raccontato tramite lo slogan Made By Google. Nonostante lo stato attuale delle cose, infatti, alcuni indizi suggerirebbero che questa scelta sia stata presa solo in un secondo momento, proprio nel bel mezzo della realizzazione dei due nuovi Nexus; pardon Pixel!

La gamam di device Made By Google

Ricapitolando quanto di ufficiale sino ad ora, Google avrebbe assunto HTC nel ruolo di OEM (Original Equipment Manufacturer), ovvero come semplice produttore e assemblatore di hardware, senza alcun ruolo nello sviluppo del software del dispositivo(i). Si tratta di una relazione identica a quella che Apple ha con Foxconn; in questo caso è lo slogan Designed in by Apple in California a sostituire il Made By Google, e vi sfidiamo a trovare il nome di Foxconn all'interno di qualsiasi comunicato, scatola, manuale o presentazione. Anche il design dei nuovi Pixel, a detta di Google, è completamente originale, anche se in molti hanno notato il tocco di HTC, specialmente in relazione alle tanto amate cornici e ad altre similitudini comuni ad HTC 10 e One A9.

Anche in questo caso però i fatti sembrano dar ragione a Google, dal momento che il solito teardown non mette in evidenza alcun collegamento con i sopracitati modelli. Diventa quindi impossibile smentire le affermazioni di Google senza avere delle prove reali e, come è noto, l'onere della prova spetta sempre all'accusa.

Se quindi l'hardware non ci offre alcun aiuto, resta da analizzare solo il software dei due Pixel, al fine di trovare qualche prova del coinvolgimento di HTC nella progettazione degli smartphone che possa sostenere quanto affermato sopra, ovvero, in termini più espliciti, che Pixel e Pixel XL sono nati originariamente come due dispositivi della famiglia Nexus, per poi essere convertiti in qualcosa di nuovo, Pixel in questo caso, solo in un secondo momento.


Fortunatamente queste prove esistono (altrimenti l'articolo non avrebbe avuto senso, no?) e risiedono all'interno di alcuni commit sottoposti da degli ingegneri di HTC e che fanno riferimento ad un certo htc_cerberus, il tutto all'interno del codice sorgente dedicato a quelli che sarebbero stati i futuri Pixel. L'avvistamento del nome cerberus, ora totalmente insabbiato, risale agli inizi di agosto e risulta particolarmente interessante in quanto ci indica due cose: la prima è che HTC ha svolto un ruolo attivo nella realizzazione del software dei due smartphone nelle prime fasi di sviluppo, quando internamente erano ancora conosciuti con i nomi in codice Sailfish e Marlin, due nomi di pesce perfettamente coerenti con le nomenclature utilizzate nella gamma Nexus.

La seconda cosa che ci viene svelata proviene proprio dal tipo di animale scelto. In questo caso si tratta di una bestia mitologica, il cane a tre teste Cerbero, proprio come nel caso di Pixel C, il primo dispositivo della famiglia Pixel, identificato con il nome in codice Ryu, ovvero drago in giapponese. Questi due dati ci offrono un interessante punto di vista; quanto abbiamo affermato prima, ovvero considerare i due Pixel come dei Nexus mancati, non è propriamente corretto in quanto la reale denominazione, quindi Cerberus, ci suggerisce che sin da subito non sarebbero stati inclusi nella famiglia Nexus, tuttavia ci era necessaria per semplificare il discorso e questo non cambia il fatto che il ruolo di HTC sia cambiato solo in seguito.

L'utilizzo dei nomi Sailfish e Marlin è facilmente spiegabile: Google è ben a conoscenza di come funzioni il mondo dell'informazione, quindi la scelta di due nomi non sospetti era necessaria per impedire che, a partire dai piani meno importanti dell'azienda stessa, potesse emergere la nuova strategia della società, motivo per cui sono stati utilizzati anche internamente.

Gli ingegneri HTC hanno rilasciato oltre 360 commit nel codice di Marlin

In ogni caso, le prove del coinvolgimento di HTC con un ruolo molto più importante del semplice ODM, sono presenti in altre parti del codice. In realtà sono ben 363 i commit realizzati da ingegneri di HTC all'interno del codice sorgente dei Pixel, segno di un importante lavoro svolto non solo da Google, ma anche dal suo partner più vicino. La prova finale è stat scovata da jcase, uno degli sviluppatori di Sunshine S-OFF/Unlock, uno dei tool più utilizzati per procedere allo sblocco del bootloader dei terminali HTC. Jcase ha infatti scoperto come il bootchain dei Pixel sia essenzialmente lo stesso utilizzato su qualsiasi altro terminale HTC, anche se è stato arricchito di ulteriori livelli di sicurezza. La fonte è sicuramente una delle più autorevoli in questo campo e corrobora l'ipotesi che HTC abbia preso parte attiva allo sviluppo del software dei Pixel nel ruolo di ODM (Original Designer Manufacturer, con ruolo attivo anche nella progettazione), per poi essere messa da parte in modo da poter presentare i nuovi Pixel come prodotti interamente realizzati da Google.

Ovviamente, come anticipato nel disclaimer in apertura, quanto riportato non ha avuto alcun effetto reale sui dispositivi che ora è possibile trovare in commercio (nei pochi paesi in cui sono disponibili), tuttavia ci offre qualche dato in più per analizzare i futuri prodotti Made By Google. La scoperta di un coinvolgimento di HTC più profondo di quanto dichiarato ci fa capire che, in qualche modo, Google non è ancora in grado di essere completamente autonoma e di poter commissionare esclusivamente la produzione di un dispositivo senza ricevere alcun aiuto.

Sarà interessante vedere come questo evolverà in futuro, cercando di capire se le prossime generazioni di Pixel diverranno sempre più autonome rispetto all'intervento dell'ODM scelto, arrivando ad offrire un software compilato esclusivamente da Google, sino all'ultimo bit. Resta anche da capire se i Pixel condivideranno lo stesso approccio che ha caratterizzato i Nexus, ovvero la scelta di diversi produttori a cui affidare la realizzazione dei terminali, o se il binomio Google-HTC sarà destinato a consolidarsi nel tempo.

La seconda possibilità potrebbe essere senza dubbio molto interessante e potrebbe permettere alle due società di non dover ripartire da zero ogni anno: da un lato Google potrebbe sviluppare i suoi terminali tenendo conto delle specifiche della catena di produzione di HTC, mentre dall'altro, l'ODM scelto (HTC in questo caso), saprebbe già cosa aspettarsi dal suo committente e la sinergia tra i due attori potrebbe aumentare esponenzialmente nel corso delle generazioni. In ogni caso questo è il futuro e per ora non possiamo far altro che attendere i prossimi rumor.

Google Pixel è disponibile su a 699 euro.
(aggiornamento del 10 dicembre 2018, ore 09:25)

311

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
gianpi91

200...se messo bene

Yuto Arrapato

Per te un s6 dopo due anni a quanto si rivende?

gianpi91

Infatti è una grande boiata...S6 a 300 non lo vendi manco ora a meno che non sia proprio nuovo di pacca, figuriamoci in primavera...a 300 voleranno gli S7 come il pane (calcola che già ora il flat usato si trova a 400 o poco meno).

lupo

Se non hai un cazz0 da fare e stai al telefono delle ore allora sì, ma non è il mio caso

giorgio085

che c'entra in landscape? in verticale, a scendere tanto in giù con il pollice.

lupo

In landscape non tengo mai il telefono com una mano sola..

giorgio085

se tieni il telefono con la sola mano destra, non ti viene il crampo al pollice usandolo tra tap sul display e pressione sui tasti a cornice?

Alex'99

Non se lo meritano

maxfkt

Complimenti, bellissimo articolo. Chi altri Google avrebbe potuto scegliere se non htc per un super smartphone come questi pixel....

Topax

Non dico che hai torto in toto, l'utilità in parte c'è, però io dubito anche del fatto che un utente medio sappia andare nelle impostazioni e chiedere aiuto... Cmq io rimango convinto che l'assistenza sia stata inclusa per meramente come tentativo di giustificare gli 800€ non sapendo che altro fare. Da Google mi aspetto un multiwindows più versatile e completo, un software in grado di sfruttare l'hardware della fotocamera, l'assenza di bug e l'ottimizzazione dei Google Play Services, non un'assistenza telefonica per chi non sa utilizzare quelle due applicazioni base presenti su un Pixel (detto da possessore di Nexus 6P)

boosook

si', quello che volevo dire e' che oltre ai 2 anni di supporto e il terzo di fix, c'e' anche il supporto del play store che non va trascurato.

boosook

C'e' tanta gente che preferisce Android... solo che per usarlo a livello aziendale e' necessario un certo livello di sicurezza e supporto che i produttori, mediamente, non garantiscono. Dove lavoro io ad esempio gli unici android che erano autorizzati a connettersi alla rete aziendale erano i nexus, poi, dopo l'affare stagefright, neanche quelli. Inoltre, sempre a livello aziendale, i telefoni in genere vengono presi dall'operatore accoppiati ai piani. Se dunque Google riuscira' a garantire un livello di supporto superiore e a stringere accordi con gli operatori e' possibile che possa diffondersi anche a livello aziendale.

boosook

Il supporto serve anche per avere un aiuto su come usare i dispositivi. Conosco una persona che e' andata in un apple store a farsi spiegare da un genius come scaricare uno zip da internet e decomprimerlo. Apple offre anche questo tipo di servizio e se vuoi vendere agli stessi prezzi devi offrirlo anche tu. Per tutto il resto c'e' Google? Per chi bazzica questo forum, forse. Non per la gente normale.

Topax

Se è un bug il supporto non può fare nulla, se è un problema hw idem. Per tutto il resto c'è Google. Io la vedo così!

Arkangel Gabriel

Credo intendesse 2 anni di supporto relativamente agli aggiornamenti del s.o. (aggiornamenti di sicurezza a parte). Sono un po' pochi, troppo allineati a quanto fanno già gli altri produttori, soprattutto ricordando che Apple fa meglio.

Arkangel Gabriel

Sono d'accordo, tranne sull'ultima frase. Sarà che sono affezionato alla filosofia "Nexus", che consentiva di avere un dispositivo a costo relativamente basso, pur con diversi limiti, ma con aggiornamenti sempre veloci e frequenti, oltre alla benedizione di Google a smanettarci con root, custom rom, ecc... ma proponendo comunque un prodotto in qualche modo di nicchia.
Ora invece si mette in diretta concorrenza con gli stessi produttori che "comprano" il suo sistema operativo, con novità in esclusiva e caratteristiche hw di primo piano, e pure aggiornamenti più veloci di tutti gli altri (anche se sono decisamente deluso dei soli 2 anni di aggiornamenti delle versioni del s.o.).

Arkangel Gabriel

Come al solito la virtù sta nel mezzo allora: bordi troppo ridotti provocano tocchi involontari, ma bordi esagerati provocano il lievitare delle dimensioni. Onestamente da un device così costoso mi aspettavo delle cornici inferiore e superiore decisamente meno spaziose.

DuN3DaiN

Ci sono una marea di non smanettoni che non comprano Apple e che (esempio) comprano a prezzo pieno S7 o Huawei....
Infatti Il problema sollevato da molti è sulla concorrenza interna ad Android e meno su quella esterna
Quindi la domanda corretta secondo me è perchè preferire Pixel a top di gamma come S7 etc.

FedEx

Google l'ha bullizzata...

FedEx

Eh iPhone costa tanto. Ma questo? Perché da businessman o comunque da non smanettone dovrei preferire i Pixel agli iPhone?

FedEx

Tutto giusto ma una sola domanda (rivolta a Google): perché da non smanettone dovrei preferire Pixel ad iPhone?

Vive

Peccato che siano in risalita.

Vive

Bah ho visto il Google Pixel dal vivo da Harrods e secondo me c'è molto di HTC:
- Lo smartphone ha la stessa certificazione di HTC 10, IP53;
- il frame laterale ricorda vagamente quello di HTC 10; davanti ci sono dettagli di vecchi HTC come la posizione del sensore in alto posto al centro proprio sopra il display (c'è uguale su Desire 830)
- i siti taiwanesi continuano a riportare le news di Google Pixel come se HTC lo avesse progettato da zero con Google che ci ha messo solo i loghi.

Ecco com'è andata: Google ha chiesto ad HTC di produrre lo smartphone dando delle linee guide sul design, ma in base alle tecnologie che ha HTC e non Google (che non ha il know-how). Nell'accordo però deve risultare che lo smartphone sia Made by Google, ma HTC avrà poi la sua parte dei ricavi.

Alla fine va bene cosi, HTC ha bisogno di soldi e ha un buon passato come produttore mentre Google sta pubblicizzando il suo Pixel a ritmo continuo in US e UK come unica vera alternativa all'iPhone.

Ratchet

Che innovazione!!

blackmonger

Penso tu non abbia capito molto la questione...

Kiiro

Anch'io, però vis roboris è indimenticabile, colpa di quella z0ccola della prof XD

clodi95

Mi ricordavo che questo sostantivo avesse qualcosa di particolare... Però non ricordavo cosa :P troppi anni ormai che non studio più latino

boosook

peccato che tutti i prodotti, apple inclusa, abbiano problemi, quindi la discriminante e' il supporto.

Sheldon Cooper

Ho un S7 edge... e ho sempre trovato fastidiosa la totale assenza di cornici.

Quando guardo un video è una tragedia: tra bordi curvi (fastidiosi, ahimè) e bordo con tasti capacitivi... è impossibile da tenere in mano.

Certo Pixel ne ha un po' troppi, ma vabbeh.. :)

Joel

GliStockisti continua ad aver prezzi molto competitivi però purtroppo è diventato lentissimo.

Darkat

Con un accordo di esclusiva con Google per i Pixel e le vendite di Vive (abbiamo viste ottime) dubito che sia vicina al fallimenti, e i numeri dell'ultimo trimestrale lo dimostrano abbastanza

Pursuer

L'arcano è molto semplice e l'ho capito in un video unboxing americano: in fondo c'è scritto "made in Taiwan" ovvero Google ha semplicemente chiesto ad HTC di "affittare" i suoi stabilimenti per produrre i pixel senza coinvolgimenti del brand.

DearPowa

Beh considerando un telefono con tasti a schermo e con lo spazio sotto troppo piccola può risultare scomodo in alcuni casi, tipo tenerlo con una sola mano in landscape

Yuto Arrapato

Quindi in teoria un s6 verso prossima primavera estate tanto dovrebbe valere, per dire... Non avrei detto, pensavo molti meno... Se levano il bottonaccio ci penso sul serio

lupo

Ho un S7, nessun problema di crampi, la tua teoria mi sembra moooolto discutibile.

giorgio085

per usarlo più comodamente con una mano sola, con i tasti samsung style a bordo cornice non ti vengono i crampi al pollice?

Topax

Il tuo ragionamento non mi convince: i businessman vogliono produttività e affidabilità, di problemi non ne vogliono avere proprio... Cmq rispetto anche la tua opinione

Topax

Non la penso così, cmq rispetto la tua opinione

Flagship ( AmAk )

Dubito sia quello il motivo :)
Più presumibilmente ospita componenti come modulo radio o altro.

NEXUS

Se i pixel avranno successo questa sarà una buona cosa per HTC, che sappiamo non vende a palate.

Stefano

Pero' vendono gli iPhone con alimentatore inglese + adattatore cinese.

Danny #Mainagioia

Mister chuk revenge

Si si...per spemall puoi scegliere 2 anni di gar italia, con coupon siamo sui 340

LastSnake

Parli di gearbest ovviamente?

Mister chuk revenge

Niente dogana, con italy express gratis conta circa 10 giorni, tracciabile ovviamente.
Garanzia di un anno, direi buona.
Per due motivi, il primo é che non lo tengo mai oltre un anno, il secondo é cbe se lo prendi in Italia ti fanno pagare cmq le spedizioni di ritorno in Cina, 20/30 euro a questo punto soedisco io a 13 euro e faccio prima .
Mi hanno appena sostituito lo yota, tutto liscio.

lupo

Sei serio?

LastSnake

Si, ma a livello di garanzia come siamo? E per riceverlo non passano almeno 15gg?

Mister chuk revenge

Gearbest o spemall con coupon sconticina, ogni giorno ci sono nuove offerte. Io stesso lho pagato 320 10 gg fa

LastSnake

Dove mi5s a 320€?

LastSnake

Non credi che stockisti sia meno competitivo rispetto al passato? Ha si buoni prezzi, ma niente di eclatante come un tempo. Sinceramente ComShop lo vedo come il "nuovo" stockisti.

Recensione Oppo RX17 Pro: ricarica lampo e super foto notturne

Honor Magic 2 (3.500mAh): live concluso alle 00:02

Recensione Meizu 16th: una piacevole sorpresa

Google Pixel 3: live batteria (2915 mAh) | Fine 18.55