My Source, un nuovo lettore RSS performante ma senza Feedly | Test di HDblog.it

30 Agosto 2015 6


Trovare il giusto bilanciamento fra funzionalità, performance e user experience è uno dei compiti più difficili, per chi disegna un prodotto. Le app per mobile non sono da meno. Per il settore dei lettori RSS la situazione è molto particolare. Ormai tutti i "big" si sono allontanati dal protocollo, alla ricerca di soluzioni più evolute e con maggiori opportunità di guadagno, ma servizi come Feedly continuano a prosperare e spuntano nuovi client con frequenza quasi settimanale. Guardando la situazione generale del settore, è molto facile scaricare rapidamente My Source: le alternative più affermate non mancano di certo. Ma se il vostro personale "punto di equilibrio" di cui sopra è molto spostato verso le performance, quest'app assume tutta un'altra importanza.


My Source pesa appena 10 MB, e nella sua essenzialità è molto elegante. Lo stile è discreto ma moderno, chiaramente ispirato al Material Design di Google. Ci sono diverse combinazioni di colori fra cui scegliere, e un tema notturno. Molto belli anche i widget, semplici e funzionali senza strafare. Se nell'articolo visualizzato è presente una foto, farà da sfondo totale; forse il risultato è addirittura migliore se la foto non c'è, con i colori solidi tipici del Material che cambiano ad ogni notizia.

Ci sono anche tanti layout diversi, che si adattano a diversi form factor. Quello a "card", per esempio, dà il meglio di sé su schermi piccoli come quelli di uno smartphone, quello a "tile" funziona alla grande su un tablet, eccetera.

Se siete utenti esperti / avanzati, come buona parte di chi usa gli RSS, è facile che abbiate già una vostra lista di siti preferiti da cui vi piace ricevere gli update. In quest'ottica, la scelta degli sviluppatori di non includere un sistema di discovery dei feed è giustificabile, anzi: ha pure senso. La ricerca è più che sufficiente a trovare ciò che ci interessa, e forse è anche più veloce.

Meno azzeccata l'impossibilità di ordinare a proprio piacimento le varie fonti, né di raggrupparle in "cartelle" tematiche o altro. In compenso, grazie al menu di navigazione laterale passare da una fonte all'altra è una passeggiata.


Il parco feature è più che soddisfacente, e include il sync automatico pianificato (con possibilità di escludere le immagini se non si è sotto rete Wi-Fi), il salvataggio per la lettura più tardi, la condivisione, e tanto altro ancora. Il menu delle preferenze offre degli spunti davvero interessanti, ma rimane una limitazione molto importante: My Source non si appoggia né a Feedly, né a qualche servizio simile concorrente. In questo mondo multi-device e multipiattaforma, My Source rischia di rimanere pericolosamente isolata.


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
dest

gReader leggero, funzionale, personalizzabile, compatibile con theoldreader e feedly

lordchaotic

io uso play edicola come lettore rss è comodo e visto che è già preinstallato almeno torna utile a qualcosa

frusso

Ormai feedly è uno standard ma io uso feedEst, scelgo i feed che intendo seguire (metto l'URL alla vecchia maniera) e sincronizza tutto in automatico.

SickBoy

Probabilmente dovrei provarlo prima di farmi un'opinione, ma ad occhio non sembra tutto questo granché. Sembra molto disordinato, con tutti i feed buttati alla rinfusa. A questo punto preferisco di gran lunga gReader. Almeno si possono creare personalissime categorie da consultare a proprio piacimento. In più, puoi decidere di utilizzare solo i feed rss, solo Feedly, oppure entrambi.

Sagitt

no feedly no party, reeder a vita, readkit in alternativa

DanieleMnn

Io sto ancora aspettando l'aggiornamento di Press promesso diversi mesi fa...

Xiaomi Mi 9 ufficiale: bello e potente | Prezzi Cina

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

Samsung Galaxy Tab S5e ufficiale a meno di 500 euro | Video Anteprima

Recensione Nokia 8.1, tutto quello che serve e anche di più