Le migliori tastiere per Android

16Applicazioni
50Commenti

Insieme ai molteplici vantaggi che conosciamo e amiamo fin troppo bene, l’era dei touch screen ha portato anche qualche svantaggio, primo fra tutti la tastiera virtuale. Produttori e sviluppatori si sono prodigati nel cercare sistemi efficienti per permetterci di digitare con la massima velocità e il minimo numero di errori possibile, offrendo anche layout alternativi stravaganti e concept fin troppo originali. Il Play Store è un buon punto d’inizio per cominciare la caccia alla tastiera perfetta, ma non l’unico: alcune delle tastiere più valide non sono disponibili per l’acquisto “al dettaglio”, come HTC Keyboard; sarà necessario acquistare un device in cui la tastiera sia già presente, oppure, per i più smanettoni, rivolgersi al sempre florido XDA-developers e simili.

Scegliere la tastiera migliore è un processo molto soggettivo; abbiamo quindi deciso di includere un breve paragrafo con le opinioni personali dei vari membri della redazione e la loro esperienza di utilizzo, per cercare di orientarvi il meglio possibile. Tenete inoltre presente che, sempre per lo stesso motivo, valuteremo ogni aspetto della tastiera, tranne l’effettiva qualità della digitazione: praticamente ogni tastiera che abbiamo recensito propone almeno una trial version gratuita, quindi vi conviene provarle di persona. Buona lettura!


Consigliata a:

Fan del look & feel degli smartphone Nexus by Google, questa è la vostra tastiera.

La tastiera di Ice Cream Sandwich, presentata da Google sul Samsung Galaxy Nexus, è attualmente una delle più apprezzate sia dal pubblico che dalla critica specializzata, come testimonia il nostro Andrea Galeazzi nella sua videorecensione. Grazie al duro lavoro di due talentuosi appassionati, tutti i device Android possono godere di questo software; in questa prova ci occupiamo a fondo della versione più completa, che va oltre al concetto di porting e, pagando una piccola somma, arricchisce la proposta di Mountain View con feature inedite e interessanti.


Consigliata a:

Se non dovete scrivere a livello professionale, digiterete davvero poco.

Recentemente vincitrice di un Webby Award, SwiftKey X sta diventando molto popolare tra gli utenti Android grazie alle sua incredibile capacità di indovinare le parole che stiamo per scrivere, e di incrementare la sua precisione imparando il nostro stile personale, utilizzando, tra l’altro, i contenuti che abbiamo pubblicato su Facebook, Twitter e Gmail.


Consigliata a:

Fan della personalizzazione grafica - e del modo di lavorare del GO Dev Team.

Il famoso ed onnipresente GO Dev Team estende il suo inconfutabile know-how anche al campo delle tastiere virtuali, proponendoci un prodotto con caratteristiche e punti di forza che ormai abbiamo imparato a riconoscere e apprezzare: design curato e originale, elevata personalizzazione, e l’immancabile stuolo di add-on, feature accessorie e servizi complementari.


Consigliata a:

Chi vuole provare il sistema di swipe, con un avvertimento: la Swype originale funziona molto meglio.

Dall’arrivo sul mercato di Swype, molti produttori sono comparsi sul mercato proponendo una loro variante della tastiera che ha rivoluzionato la digitazione su touch screen. SlideIT si presenta con ottime credenziali e recensioni, e un bagaglio di funzioni decisamente interessante. E tante belle skin, che non guastano mai!


Consigliata a:

Per il momento, il dizionario troppo lacunoso rende l'esperienza d'uso piuttosto frustrante. Meglio aspettare un miglioramento.

Sembra che, ormai, alla maggior parte dei consumatori non interessi più digitare: tutti vogliono lo swipe, e le proposte di questo tipo si moltiplicano. Dalla cina si unisce alla partita anche Cootek, con TouchPal e il suo motore di “predictive sliding”, che promette prestazioni eccellenti e velocità di scrittura elevate.


Consigliata a:

Smanettoni e tweakers ancorati alla "cara vecchia" digitazione lettera per lettera.

Swype ha indubbiamente dato uno scossone all’industria della digitazione on screen, con il suo sistema di digitazione intelligente e veloce; tuttavia, non è perfetto, e alcuni prediligono ancora la digitazione classica, tasto per tasto. Per tutte queste persone, Smart Keyboard è un’alternativa da tenere in considerazione: alte (e numerose) valutazioni su Google Play, correttore ortografico e predittivo, e moltissimi tweak funzionali di ottima qualità.


Consigliata a:

Chi cerca un layout versatile e diverso dal solito.

Sulla scia di Swiftkey X, arriva sui nostri device Android una nuova tastiera con un’innovativa tecnologia predittiva che non necessita di apprendimento - e, tantomeno, dei dati dei nostri account personali. Ad arricchire l’offerta un layout davvero originale, pieno di innovazioni e accorgimenti unici nel suo genere.


Consigliata a:

È ottima, se siete avete il tempo e la voglia di configurare ogni dettaglio secondo le vostre esigenze.

Le turbolente vicende tra Google e gli sviluppatori di Better Keyboard, dettagliatamente documentate sul loro blog ufficiale, hanno portato alla definitiva eliminazione di questa tastiera dal Play Store. Non possiamo però ignorare l’incredibile successo che essa ha avuto, e ha tutt’ora su marketplace alternativi; l’abbiamo recuperata su Slideme.org, e adesso ve la facciamo conoscere.


Consigliata a:

Utenti interessati a layout particolari e originali, che vogliono una tastiera universale per tutti i loro dispositivi Android.

L’ecosistema Android, non ci stanchiamo mai di ripeterlo, è notevolmente ampio e variegato. Dagli Xperia Mini dell’ormai defunta SonyEricsson ai computer touch da 22" di Motorola, esiste un apparecchio per più o meno ogni dimensione, aspect ratio e orientamento del display, creando molteplici esigenze specifiche quando si viene a considerare l’inserimento di testo. Thumb Keyboard si propone come una sorta di soluzione universale, con molti layout differenti tra cui scegliere.


Consigliata a:

Un'altra valida alternativa per i fan della personalizzazione.

A sopperire al ban da Google Play di Better Keyboard arriva Perfect Keyboard, basata sul software originale open-source di Google, arricchita di tanti tweak, altrettante opzioni, e una generosa scelta di layout, utile per tablet e anche smartphone di dimensioni contenute.


Consigliata a:

Non sappiamo davvero chi potrebbe trovarla utile.

No, non è una tastiera Klingon: W10 è un’interessante e originale alternativa alle classiche QWERTY, con un layout a 12 tasti belli grandi, per gli affezionati del vecchio tastierino “T9” che era la normalità appena quattro anni fa. Un meccanismo di funzionamento del tutto inedito, supportato da correttore ortografico e predizione della parola.


Consigliata a:

Utenti fan / che vogliono provare la nuovissima tastiera di Android 4.2 Jelly Bean, disposti a correre qualche rischio causa software ancora instabile.

Gli sviluppatori di Kii Keyboard sono partiti da Android 4.2 Jelly Bean, e vi hanno aggiunto una pletora di layout alternativi in stile Thumb Keyboard. Andiamo a vedere come procede la creazione di questa “Frankenstein Keyboard”!


Consigliata a:

Utenti intenzionati a dedicare diverso tempo e attenzione all’apprendimento, pur di diventare incredibilmente veloci a digitare.

Keymonk Keyboard è veloce. Davvero veloce. L'idea è tanto semplice quanto efficace: swipare con entrambi i pollici, in contemporanea. Però, che fatica imparare a usarla come si deve. La curva di apprendimento è decisamente ripida, e probabilmente scoraggerà più di un utente. Nemmeno la grafica ci ha impressionato molto: ci vorrebbe un bel restyling generale.


Consigliata a:

Se siete fan di shortcut e frasi fatte, qui li troverete nella loro forma migliore. Ma dovrete accontentarvi della tastiera standard di Jelly Bean.

Siine Keyboard è una versione modificata della tastiera di Android 4.1 Jelly Bean. La funzionalità principale è invariata; cambia l'estetica e viene introdotto un esteso sistema di Shortcut, collegamenti, per inserire parti di testo con la massima velocità. Abbiamo un orologio e un calendario, per ora e data, diverse categorie di frasi preimpostate scritte con vari stili, e persino uno strumento per... Mandare i baci. Il sistema è completo, decisamente divertente da usare e molto flessibile, ma non siamo del tutto convinti che ci permetta di essere davvero più veloci a digitare. La tastiera è completamente gratuita e senza pubblicità, ma ma può essere espansa acquistando pacchetti di frasi aggiuntive, dal linguaggio da skater al "che la Forza sia con te" dei nerd più inguaribili. Peccato che siano tutti in inglese.


Consigliata a:

Chi ricerca una tastiera performante e dal look Holo.

Benché molti produttori la rimuovano in favore delle loro soluzioni proprietarie, la tastiera standard di Android 4 è molto valida. Lo è sempre stata, già dai tempi di Ice Cream Sandwich, e lo è ancora di più oggi, con il sistema di input a gesture, stile Swype, introdotto con il lancio di Jelly Bean 4.2. Finalmente, Google ha deciso di portarla ufficialmente sul Play Store, di modo che tutti possano usufruirne.


Consigliata a:

Smanettoni con esigenze molto specifiche, come il controllo remoto di PC via SSH o wireless.

Un nome, una garanzia. Hacker’s Keyboard è la tastiera ideale dello smanettone, in particolare dello smanettone che necessita di controllare da remoto un PC Windows / Linux / Mac. Grazie al layout espanso, infatti, potremo godere di tutti i tasti tipici di una tastiera fisica per computer: Alt, Ctrl, Esc, frecce, Home, lettere accentate e così via. E il resto? piuttosto mediocre, ormai, di questi tempi: la base di partenza è la tastiera predefinita di Android 2.3 Gingerbread, non certo una pietra miliare nel campo dell’immissione di testo su touch screen, a cui sono stati aggiunti alcuni temi e qualche opzione in più.

Consigli e suggerimenti

Installare una tastiera è piuttosto semplice, ma servono alcuni accorgimenti particolari. Una volta che il pacchetto è stato scaricato e installato, la procedura più sicura è richiamare le impostazioni del vostro device, cercare la voce Lingua e tastiera, e cercare nel menu una voce che in genere si chiama Scegli metodo di immissione; dopodiché basterà selezionare la tastiera che abbiamo appena installato. Vale naturalmente il solito avvertimento che, a seconda del produttore, le opzioni potrebbero essere organizzate in modo differente; in genere, comunque, è abbastanza semplice orientarsi.

Suggeriamo infine Swype che dopo anni di presenza solo su determinati device è arrtivata da alcuni mesi nel Play Store in versione Free o a pagamento a meno di 3€.

Condividi

50

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Huawei P10 e P10 Plus: arrivano in Italia le colorazioni verde e blu Pantone

Recensione Xperia XZ Premium, il primo con display 4K HDR

Meizu M5s: perché SI, perché NO | Recensione

Essential Phone è ufficiale: ecco il nuovo smartphone di Andy Rubin