I migliori Lock Screen per Android

13Applicazioni
1Commenti
Anche se meno indispensabile che ai tempi dei touch screen resistivi, il lock screen è ancora in voga. Se lo "slide to unlock" inventato da Cupertino è ormai entrato nell'immaginario collettivo, i device Android hanno subito la mancanza di un design accattivante fin da principio; come logica conseguenza, ogni produttore ha proposto la sua interpretazione, introducendo molti concetti, alcuni interessanti e innovativi, altri ampiamente dimenticabili. Come per i launcher, anche gli sviluppatori di terze parti si sono aggiunti alla partita, ma hanno dovuto fare i conti con ostacoli molto difficili da superarei.
Il lock screen di sistema non è una “semplice” applicazione, a differenza del launcher. È parte integrante del framework di Android come, ad esempio, la barra delle notifiche, o un menu contestuale; pertanto, non può essere rimosso con semplicità, neanche con i permessi di root se si hanno versioni di Android non recenti. Con Update più nuovi è possibile disabilità dal menu lo sblocco rendendo molto più efficaci i software che vanno a modificare questo aspetto. 
 
È facile immaginare che, se gli utenti più esperti conoscono la situazione e se ne fanno una ragione, i meno appassionati riscontrano semplicemente un cattivo funzionamento dell’applicazione: ecco perché, in genere, le lock screen replacement apps non hanno una media di giudizi particolarmente elevata.
 
Tenendo a mente quanto detto finora, vi proponiamo quelle che, secondo noi, sono le migliori sul mercato; vale il solito suggerimento di tornare spesso a visitare questa pagina, perché ne aggiungeremo sempre di nuove!

Consigliata a:

L’idea della playlist è interessante, ma non è sufficiente a risollevare le sorti di un lock screen poco attuale. Meglio procedere nella lettura.

In un mercato in evoluzione rapida come quello delle app per Android, LockBot è già da considerare un veterano, essendo presente sul Play Store da fine 2009. A quei tempi, l’idea di poter ruotare a piacimento tra il lock screen di Froyo, Eclair e HTC Sense aveva del sensazionale, ma la situazione è cambiata in modo radicale: come ha retto LockBot al “giudizio del tempo”?


Consigliata a:

Chi cerca temi innovativi e funzionali, senza rinunciare al “wow factor”, tenendo presente una fluidità non sempre eccelsa

MagicLocker ha ampliato il concetto di “tema” per lockscreen, che ha reso popolare applicazioni come LockBot, creando una moltitudine di offerte scaricabili separatamente dal Play Store; inoltre, pagando un piccolo prezzo, sono disponibili temi “premium”, che garantiscono maggiori libertà di personalizzazione.


Consigliata a:

Chi predilige temi semplici, intuitivi, che servono “solo” a sbloccare lo schermo.

MiLocker è la prima feature della celebre rom MIUI messa ufficialmente a disposizione di tutti gli utenti Android. Grazie a questa applicazione, rilasciata appunto dalla stessa Xiaomi, chiunque può beneficiare dello stesso lock screen della ROM cinese, famoso per la vasta offerta di temi, tutti gratuiti, tra cui scegliere.


Consigliata a:

Purtroppo possiamo consigliarlo solo a chi già possiede GO Launcher EX, donde la nostra valutazione un po’ più bassa. Se già utilizzate il famosissimo launcher cinese, e volete temi molto spettacolari, questa è l’app per voi.

Anche se è solo un add-on per GO Launcher EX, questa applicazione merita la nostra attenzione, innanzitutto perché l'offerta di temi e funzioni è in grado di competere con la concorrenza; e poi il launcher cinese, con oltre 50 milioni di download sul Play Store, è talmente popolare che, con ogni probabilità, anche voi l'avrete almeno provato!


Consigliata a:

Utenti che vogliono il controllo, la possibilità di plasmare il lock screen secondo le proprie specifiche esigenze, sacrificando magari un po’ di “eye candy” in favore della funzionalità

Se scegliere tra i temi preconfezionati di MagicLocker e compagnia vi sembra riduttivo, ma ritenete LockBot insoddisfacente, Widget Locker fa al caso vostro. Propone un approccio molto singolare al concetto di customizzazione del lock screen, avvalendosi, come dice il nome stesso, proprio dei widget tanto cari agli utenti Android. A garantire la massima libertà e controllo agli utenti, inoltre, ci pensa ADW.Launcher: parte del codice di Widget Locker è stato preso proprio dal famoso launcher open source.


Consigliata a:

Chi trova interessante il concetto alla base dell’app, che trasforma il lock screen in una sorta di “pre launcher”; l’avvertimento d’obbligo è che, purtroppo, basta premere il tasto Home del device per aggirarlo.

Un altro lock screen basato sui widget. Non abbiamo la stessa libertà creativa di Widget Locker ma, in compenso, schermate multiple, svariati widget proprietari molto funzionali e configurabili, e il supporto per i widget di sistema. E diversi meccanismi di sblocco aggiuntivi, originali e inediti!


Consigliata a:

Se volete avere le news direttamente sul lock screen del vostro device, FlyScreen fa al caso vostro. Tenete comunque presente che non è efficace come lock screen, e che è molto instabile, specialmente su Android 4.

FlyScreen ripropone un concetto già visto in LockGo: utilizzare la schermata di blocco come lettore di notizie. La funzionalità dell’app, in questo senso, è molto maggiore: abbiamo un prodotto in grado di competere con i reader tradizionali, come Pulse News o lo stesso Google Reader. Valore aggiunto l’interfaccia: pulita, funzionale, fluida e moderna. D’altronde, è ispirata ad Ice Cream Sandwich.


Consigliata a:

Chi predilige un buon compromesso tra duttilità e qualità della grafica, anche se purtroppo l’efficacia del lock screen è scarsa

Live Locker punta sull'immediatezza garantita dal sistema di Ice Cream Sandwich, aggiungendo l'innegabile comodità dei Quick links configurabili; un mix gradevole ed efficace, con animazioni fluide e simpatiche, ma non troppo invasive.


Consigliata a:

Utenti a cui piacciono i pochi temi presenti, con un avvertimento: l'efficacia del lock screen lascia a desiderare.

Gli attivi creatori dei due launcher SSKIN Butterfly+ e Atom propongono anche un lock screen altamente personalizzabile. Il progetto è ancora molto giovane, per cui non siamo ancora ai livelli di MagicLocker o MiLocker, ma le speranze sono alte.


Consigliata a:

Utenti alla ricerca di un lock screen versatile e, al tempo stesso, facile da configurare.

La bellezza non è tutto. Come WidgetLocker, LockMenu si concentra più sull’ampliamento delle funzionalità della schermata di blocco, cercando al tempo stesso di mantenere alta la semplicità d’uso e configurazione.


Consigliata a:

Purtroppo è completamente inefficace come blocco schermo, e risulta molto sgranata su dispositivi con display ad alta risoluzione. Da provare e disinstallare con rammarico.

Nei software che abbiamo visto finora, all'aumentare della versatilità è diminuita la qualità grafica, la semplicità, l'immediatezza. I ragazzi di Speed Launcher, al contrario, hanno trovato un'ottima soluzione per salvare capra e cavoli, ma si sono dimenticati dell'affidabilità del software.


Consigliata a:

Utenti interessati a fare un po' di... ginnastica mentale.

Con UnlockYourBrain possiamo mantenere in forma la mente grazie al lock screen del nostro telefono. Per sbloccare il device dovremo trascinare la risposta al quesito matematico proposto al centro dell'anello. Il telefono si sbloccherà anche se sbagliamo; peggioreremo solo le nostre statistiche. Un'idea davvero interessante, realizzata con criterio e competenza, ma che secondo noi è un po' troppo cara: Il pacchetto premium, che sblocca tutte le operazioni e tutte le statistiche, costa ben sei Euro. All'anno!


Consigliata a:

Fan di Ubuntu e curiosi appassionati di tecnologia.

Volete un assaggio di Ubuntu Touch sul vostro device? Perché non provare il suo lock screen, fedelmente riprodotto dallo sviluppatore di XDA Rotary Heart. Lo stile è molto particolare, Ubuntu fino all’osso, e bilancia alla perfezione la necessità di informazioni utili e della massima rapidità di sblocco. Il porting è di ottima qualità: sfrutta la tecnologia Home Helper, ed è praticamente impossibile da bypassare (con l’eccezione del tasto fisico di ricerca, come il sul nostro Nexus S). Ci vorrebbe un menu delle preferenze strutturato con un po’ più di razionalità, però.

Le lock screen replacement app sono al tempo stesso una croce e una delizia. Permettono di espandere in modo davvero sostanziale le nostre schermate di blocco, sia a livello estetico che a livello funzionale, ma purtroppo le limitazioni di cui abbiamo parlato ne limitano la diffusione. 

Per il momento, possiamo goderci una situazione di sostanziale parità tra i “big”, con un leggero vantaggio per MagicLocker: i temi personalizzabili e di ottima qualità riescono a giustificare qualche piccolo svantaggio nelle prestazioni. Esprimiamo un po’ più di incertezza per Widget Locker perché, nonostante sia un’ottima applicazione e valga tutte le 4 stelle, il costo e la complessità possono essere un deterrente per i meno esperti.

Sblocco col tasto Home

Diversi device Android, primi fra tutti i Samsung della serie Galaxy, conferiscono una priorità molto elevata alla pressione del tasto Home, che generalmente supera le applicazioni di terze parti - inclusi quindi anche i lock screen aggiuntivi; la conseguenza è che, una volta riacceso lo schermo, basta una pressione, del pulsante per sbloccare il telefono. Fortunatamente esiste una soluzione, un “trucco” chiamato Home Helper.

L’idea di fondo è piuttosto semplice. A cosa serve, di fatto, il tasto Home in Android? Ad avviare il launcher; quindi, facciamo credere al sistema che l’app di sblocco sia un launcher.

Avvalersi di questa funzione è molto semplice: dopo aver installato il lock screen che ci interessa, basterà premere il tasto Home ed impostarlo come launcher predefinito. I programmi migliori, come MagicLocker, GO Locker o MiLocker, vi guideranno nell’installazione passo-passo al primo avvio del programma; per vostra comodità, abbiamo anche incluso qualche screenshot nelle recensioni specifiche.

Questa soluzione, nonostante funzioni in maniera impeccabile, ha alcune ripercussioni sulla stabilità del launcher effettivo: Android non potrà più garantirgli la dovuta priorità e, se il device rimane inattivo per troppo tempo, verrà scaricato dalla memoria RAM; avremo così il fenomeno del “redraw”, in cui vedremo riapparire, uno ad uno, i vari widget e componenti del launcher, come succede in un avvio da spento. Poco male per i telefoni più potenti ma, scendendo di fascia, i tempi di attesa diventano fastidiosi: consigliamo di attivare questa opzione solo se il vostro telefono ne ha davvero bisogno.

Doppio blocco

Come abbiamo spiegato, il lock di sistema può essere disabilitato ma su versioni più datate del sistema viene solo coperto dai lock screen di terze parti, ma non sempre l’operazione ha successo. Dobbiamo quindi bypassare entrambe le schermate. Il caso più comune è all’avvio, o riavvio, del telefono, ma ci sono altre occorrenze, molto difficili da definire con precisione: dipendono sia dalla ROM, che dalla versione di Android, che dal livello di bravura degli sviluppatori.

Condividi

1

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

TIPS Samsung Galaxy S8/S8+: 5 suggerimenti per sfruttarli al meglio

Recensione Samsung Galaxy S8+ (S8 Plus): "la grande bellezza"

LG G6: la nostra recensione

Honor 8 Pro ufficiale: specifiche top e prezzo competitivo