Nuovi indizi su Google Fuchsia: ecco la UI "Armadillo"

08 Maggio 2017 56

Come sappiamo, Google sta lavorando a un nuovo misterioso sistema operativo chiamato Fuchsia. i dettagli ufficiali sono pari a zero, ma pare che si tratti di un sistema sviluppato tutto con tecnologie Google, costruito intorno a un kernel chiamato Magenta (Android e Chrome OS si basano invece su Linux). Lo scorso marzo avevamo visto i primi accenni di interfaccia grafica, con nome in codice Armadillo; oggi Ars Technica è riuscita a produrre un'anteprima molto più sostanziosa, con tante immagini e alcuni spunti interessanti di riflessione.

Armadillo è sviluppato con l'SDK Flutter, sempre di Google, il che lascia pensare che sarà su di esso che si baseranno le app. Flutter è stato pensato per sviluppare codice cross-platform, in grado di funzionare anche su Android e iOS. In altre parole, è possibile compilare Armadillo per Android, il che ci porta all'anteprima qui di seguito. Ma prima è opportuno sottolineare un altro dettaglio: in Flutter sono incluse delle tecnologie particolarmente innovative e avanzate, tra cui Dart, un "reboot" di JavaScript pensato per massimizzare le performance delle app e che supporta frame rate fino a ben 120 fps, e Escher, un renderer basato sulle API Vulkan in cui una delle caratteristiche chiave è il supporto alle ombre volumetriche - e il Material Design di ombre è molto carico. Insomma, si tratta davvero di roba "next gen".


La pagina iniziale è un semplice elenco scrollabile verticalmente di elementi di vario tipo. L'immagine del profilo è un placeholder, e premendolo si possono modificare alcuni Quick Settings. I pulsanti e gli slider sono azionabili, ma non hanno effetti pratici - almeno su Android.


Sopra al profilo c'è una serie di card chiamata Story, e potrebbe trattarsi dell'interfaccia del multitasking - ipotesi avvalorata dalla presenza di una "app" chiamata Email. Nulla di tutto ciò, ribadiamo ancora una volta, funziona realmente; ciò che vedete nelle immagini è ciò che è disponibile ora.

È comunque interessante osservare che sia integrata una sorta di sistema di gestione delle finestre; un'evoluzione di quello di Nougat. Si preme a lungo su una scheda-finestra e si trascina nello schermo; se rilasciata sopra a un'altra, attiva una modalità split screen in grado di dividere lo schermo in 50/50 (orizzontale o verticale), 33/33/33 (orizzontale e verticale), un'app ad altezza piena e due a 50/50 affiancate e così via. In generale si arriva a quattro finestre al massimo.



In basso c'è una sezione che potrebbe rappresentare un sistema di suggerimenti smart tipo Google Now. C'è una barra di ricerca, e premendola compare perfino una tastiera inedita, con tema scuro diverso da quanto visto finora nella Google Keyboard. Sembrano esserci anche alcuni suggerimenti, ma sembrano diversi dalle notizie e aggiornamenti di Google Now e assomigliano quasi di più a un launcher.


È ancora troppo presto per trarre delle conclusioni concrete sulle possibili implicazioni di Fuchsia e Armadillo, ma sembra che si possa escludere già da ora che si tratti di un progetto a tempo perso - di quelli che i Googlers portano avanti nel famoso 20 per cento del loro tempo lavorativo.

C'è anche da considerare che Android è un sistema operativo già piuttosto vecchio: è stato presentato al pubblico nel lontano 2008, ma è nato nell'ancor più lontano 2003, e si basa sulle tecnologie hardware e software di allora. Sono passati 14 anni, e di innovazioni in questo periodo ne abbiamo viste parecchie.


Insomma, i tempi per un "reboot" potrebbero essere già maturi. Ma se riscrivere un sistema operativo completamente da zero sembra una sfida complicata, la vera difficoltà potrebbe essere il mantenimento dell'integrità dell'ecosistema di giochi e app Android.

In ogni caso, sono tutte congetture sul lungo termine. La gestazione di Android ha richiesto, come abbiamo visto, cinque anni. Facendo un parallelismo, e ammettendo che vada tutto come deve andare (e quindi che Fuchsia non sia cancellato o subisca ritardi gravi), i primi prodotti potrebbero arrivare nel 2020.

Modularità è la vostra meta? LG G5, compralo al miglior prezzo da Media World a 329 euro.

56

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
yammocaccadblog

Blog? AHAHAHAHAHAH
Io lo chiamere posto di incontro di detrattori rosiconi, finti ingegneri, dottori, ricchi, amici dell'amico di cook, piloti, gorilla e altro.

Matteo

Record nel primo settore!

Mrnikifabio

FUCSIAH

shinjieva01

https://uploads.disquscdn.c...

Samuele Iacono

Seeeeee magari

Samuele Iacono

E non solo... Da Nexus a Pixel

Marco Commissati

Ma solo a me non piace minimamente?
Sembra un Windows Phone.. sarà la volta che passo a iOS se mi buttano fuori una UI del genere.

a'ndre 'ci

"riprogrammarlo da capo"
quindi gli dai 20 anni?

Fenobarbitale

Quella nera? Gboard con tema nero e senza bordo tasti

Ferdix

Perché la sezione è Windows non se la caga nessuno

Apus

@Redazione: non è dart ad assicurare i 120 fps alle applicazioni ma l'engine che ci sta dietro scritto in c++.
Anyway, progetto molto interessante che porta con sé tutto lo sviluppo a widget stateless, vedremo il proseguio (anche perché al momento flutter è un framework cross platform in via di sviluppo per Android e iOS)

Matteo

Ragazzi avete notato che i bordi sono curvi sull' apk?
Mi viene da pensare che i render dei nuovi pixel che ritraggono uno smartphone simile al g6 non siano proprio buttati là!
Comunque voglio quella tastiera hahahaha
Vi prego come la posso avere?
Bellissima

macosx

Almeno sono originali, Apple aggiungi una i avanti a tutto, mentre Microsoft chiama tutto con lo stesso nome. Per non parlare delle personalizzazione dei produttori, tutti con la parola ui o ux dentro, Uao questi di che sono nomi, degno di un bambino di 3 anni.

matteventu

Provato l'apk, bellissima, mi sa di webOS.
Non vedo l'ora di poter provare qualcosa più di un semplice concept.

mat

Bella ventata di aria fresca :)
Vedremo, magari all'I/O ne sapremo di più.

mat

Qualcosa di wearable?
Non mi aspetto nulla di rilevante comunque da un annuncio non in USA.

Stefano

Poter pensionare Windows sarebbe un sogno

Giacomino15

Mmm ovviamente c'é tanto lavoro da fare, ma non male come idea! Svecchiare Android e riprogrammarlo da capo é un grande lavoro.

KaIser

Se la sorpresa é una roba sviluppata in collaborazione con porsche design dico no grazie.

Un surface mini (magari 7" e con windows 10s) sarebbe cosa buona e giusta..
Surface phone magari più avanti..

ZioThor#Captivo

è impressionante come google riesca sempre a trovare nomi peggiori del precedente SO

Vinx

Surface phone

Vinx

Google mandrillo e Windows trema

manu1234

potrebbe essere un surface pro 4 2017, con kaby lake e magari un taglio di prezzo. ma secondo me ci sta la sorpresa. non dico il phone, ma una sorpresa

manu1234

ottobre

Artorias

Invece il surface book 2 lo presenteranno?

Paolo Giulio

Praticamente la certificazione che i Chromebook impostati con l'OS di un cellulare sono MORTI e DEFUNTI per la stessa BigG che, giustamente, sta pensando a qualcosa di più vicino ad un VERO OS... Windows docet...

Matteo

molto meglio qui vero?!

Luca

ma perchè devi scriverlo qua?

Gerry

cos'è successo a patatoso? O_O

ReArciù

lo era

Siegfried

Interessante notare la differenza tra i commenti di questo blog e quelli di ArsTechnica

Vive

OT x i fan MS: avete letto i pareri di Panay su un Surface Pro 5? Forse niente Pro per il 2017 "perché non ha senso solo per migliorare le specs".

E c'è in programma un evento hardware Microsoft per il 23 Maggio a Shanghai, cosa potrebbe riguardare?

Angelo Mantellini

Unix è una certificazione. Mac os x è certificato Unix. Lo Unix che dici tu è una cosa preistorica. Un sistema operativo può essere Unix. Solo il kernel no. Comunque su alcune cose Linux è limitativo tipo il Real time.

Mr.Matto

«C'è anche da considerare che Android è un sistema operativo già piuttosto vecchio: è stato presentato al pubblico nel lontano 2008, ma è nato nell'ancor più lontano 2003, e si basa sulle tecnologie hardware e software di allora. Sono passati 14 anni, e di innovazioni in questo periodo ne abbiamo viste parecchie.»
Mi viene da sorridere, perché Android è praticamente il più giovane tra gli OS popolari. Quindi risulta chiaro che sta cosa non può essere commerciabile prima del 2021-23, quando queste tecnologie non saranno più la cresta dell'onda ma sicuramente stabili.
È più probabile che finiscano progressivamente in Android piuttosto che questo progetto sia commercializzato.

Pincha96

In realtà non è multi thread, usa una particolare configurazione della chiamata fork per creare processi con zone di memoria condivisa. Una soluzione abbastanza rozza che comunque funziona. Questa è uno dei motivi per cui ripartire da zero pensando alle soluzioni attuali sarebbe una buona idea, poi naturalmente dipende tutto da come viene implementato.

bigG

Il kernel è un componente di basso livello che mette in comunicazione l'os con il hardware . Le cose che vengono svolte a livello di kernel sono molto di basso livello e inoltre il kernel stesso è abbastanza modulabile . Fare un nuovo kernel è una strada molto tortuosa e lunga . Il kernel unix è diverso da quello Linux :Linux è multi thread mentre unix no però riesce a gestire un sistema multi thread a livello non privilegiato .

Paolo Simonetti

Cercavo solo il commento giusto

Fenobarbitale

https://uploads.disquscdn.c...

Pincha96

Sono un grande estintore di Linux, ma parliamo comunque di un progetto di molti anni fa. Non vi vedo niente di male nel creare un nuovo kernel unix like con le tecnologia del nuovo millennio

Gabriel #JeSuisPatatoso

https://uploads.disquscdn.c...

Disqusser

Non so, non mi andava di rischiare XD

Andrej Peribar

Al limite sarà un freebsd reso proprietario.
La più rosea aspettativa è l'acquisto di qualche kernel in commercio di qualche azienda che non conosciamo

ferdinando traversa

Perchè AndroidWorld è parola vietata?

87895111

Drak69

"i dettagli ufficiali sono pari a zero, ma pare che si tratti di un sistema sviluppato tutto con tecnologie Google, costruito intorno a un kernel chiamato Magenta (Android e Chrome OS si basano invece su Linux)." Gia questo mi fa dire assolutamente no :D meglio android

Disqusser

Sì, su a n d r o i d w o r l d

Disqusser

Esatto

ergwenox

Dobbiamo credere che vogliono fare un kernel da 0 ?? Per fare cosa esattamente? Vabbe il resto ne consegue tante speculazioni in un solo articolo...

^^

Ho trovato... Si trova su AndroidWor*d

Matteo

cit. vanzini :D

Recensione General Mobile GM 6: ha Android One ma...

Recensione BlackBerry KeyOne: produttività, sicurezza e tastiera fisica

Recensione Zenfone AR: Tango phone e top di gamma da 899€

Recensione Motorola Moto Z2 Play, sottile, ottima autonomia e MOTO MODS