Google inizia a segnalare la chiusura di Spaces

14 Marzo 2017 43

Google Spaces non arriverà neanche a spegnere la sua prima candelina: la strana app un po' forum, un po' social network pensata per "i piccoli gruppi che condividono tutto" cesserà definitivamente di esistere il giorno 17 aprile.

Google l'ha annunciato qualche settimana fa, e da inizio marzo è consultabile in modalità sola lettura. Da oggi l'app inizia a ricordare via pop-up che la spina sarà staccata (e i contenuti permanentemente eliminati) tra poco più di un mese.

La laconica nota sulla pagina del supporto tecnico non aggiunge molto altro di rilevante. Dice che è stata una decisione difficile e che il team farà tesoro dell'esperienza accumulata per migliorare altri prodotti Google. Per la cronaca, vi riproponiamo il video test che girammo a suo tempo (QUI l'articolo di accompagnamento):

Top gamma Samsung 2015 al giusto prezzo? Samsung Galaxy S6 è in offerta oggi su a 305 euro oppure da Monclick a 399 euro.
Thanks to Ferdinando Letizia

43

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ShoEX

Triste ma che serva di lezione a Google che è da anni che fa le cose a cažžo di cane

Piero

fra un po è la volta di Allo e Duo

Sterium

Cosa c'entra con la produttività??

Manuel

Insomma, è leader nel settore della pubblicità online, dei motori di ricerca, dei browser, dei servizi email, degli os mobile, dei video online, e pure nel campo dell'istruzione (grazie ai chromebook) non se la passa male, almeno negli USA. Sicuramente dall'esterno la situazione pare un totale casino, però internamente la situazione è totalmente sotto controllo, la gran parte del budget è destinata ad attività "sicure". Credo che questa immagine confusionaria sia accentuata dal fatto di essere una delle società più innovative della scena mondiale (e dove c'è innovazione c'è caos) e soprattutto di usare gli utenti come beta tester portando quindi tutto alla luce del sole, mentre altre compagnie portano avanti progetti innovativi senza che si venga a sapere.

Mirko Rinelli

C'è gente che ci vive con i soldi provenienti da YouTube!

Zeno-sama

LOL

Sterium

youtube produttività???? caxxo non si può leggere nella stessa frase... :-)

LordRed

Bonifico già partito ;)

marco

HAHAHAHAHAAHAHAHHAHA

Cristian P.

Prego, sono 26,90€ con fattura + 35 di uscita.

LordRed

Grazie per la spiegazione

Cristian P.

Beh no, era più una chat room.. Perché per entrare negli "Spazi" dovevi essere invitato dal creatore oppure avere il link e aderire.. E credo che in molti hanno accantonato l'app perché non sapevano dove e come rimediarli e, una volta che ne trovavano uno vedevano che potevi fare le stesse cose in molte altre app come su Facebook nei gruppi, su WhatsApp e cosi via.. E perciò essendo un'app in più in memoria, l'hanno abbandonata/cancellata.

A me non dispiaceva anzi, mi faceva piacere far parte di uno "Spazio", c'era la ricerca su Google all'interno dell'app, la visualizzazione dei video su YouTube, la condivisione dei link trovati tramite la ricerca integrata.. Solo che per quanto puoi andare avanti col parlare sempre dello stesso argomento? Un paio di giorni, tre.. Dopo magari ti scocci e vuoi cambiare "Spazio", ma sopraggiungeva il suddetto problema del link.

E perciò Google vedendo che nessuno ormai se la c4ga più, ha deciso di eliminarla.. Tanti saluti.

LordRed

chiarissimo, tipo un social

Stefano Locatelli

...flop...

Vincenzo Capriotti

Sulla messaggistica non hanno colpe.

Sono costretti a creare app multiple perché, non producendo i telefoni col loro OS a differenza di Apple, non possono costringere i produttori a montare SOLO Hangouts, SOLO Allo etc etc.

Se ci fosse solo Hangouts, l'Antitrust di qualsiasi paese romperebbe le pa**e per pratiche monopolistiche.

SONICCO

idee lanciate senza la benchè minima riflessione, e non è la prima volta..
Molto seri in casa google...

sassi

clap! clap! :)

talme94

Hooli xD

morris

Arrivano le pulizie di primavera in casa Google!!! Per me dovrebbero seriamente organizzare meglio tutto. Ad esempio potrebbero dividere il lavoro in due gruppi/contenitori: " Google e googleLab" ad esempio. Con il primo portano avanti le app e iprogetti ufficiali (Gmail, maps , suite docs ecc) e nel secondo tutti i progetti e app test. L'utente così avrebbe consapevolezza che determinati servizi possono cessare all'improvviso senza dover usare app per tanto tempo...Vederle non più supportate e alla fine cestinate! A me quando hanno chiuso mytrack hanno fatto un danno/sgarro assurdo!

Manuel

In Google sono ben consapevoli di ciò, tant'è che la chiamano "confusione organizzata". Anzi la incentivano, facendo in modo che i dipendenti dedichino il 20% del loro tempo lavorativo a progetti personali innovativi. Alla fine la creazione di software ha costi marginali relativamente bassi, e anche se i progetti non vanno a buon fine possono riutilizzarli in parte per altre cose, quindi gli conviene. Anche perché in questo campo se non innovi o crei una religione in stile Apple o rischi di rimanere indietro tipo Microsoft.

sassi

https://uploads.disquscdn.c...

icos

Fanno cose talmente a caso che sono una delle più grandi aziende del globo.
Fanno esperimenti, provano altre possibilità. Si chiama diversificazione.

fabrynet

Servizi che aprono e chiudono come se nulla fosse.

Dario · 753 a.C. .

Copiata da telegram

Cristian P.

Per parlare insieme ad altre persone di argomenti specifici, solo che si poteva fare benissimo in molte altre app, per esempio su WhatsApp in un qualche gruppo.

FuckingIdUser

Anche Skype e Fb hanno diverse app.
Snapchat è un'applicazione, almeno per il momento.

Mick&LOzzo

Quoto.

DeeoK

Non è il team il problema ma è chi decide cosa si debba sviluppare.
Google, negli ultimi anni, è un casino pazzesco. Fanno praticamente di tutto, con risultati altalenanti (Foto ci ha messo una vita a guadagnare la funzione di eliminazione delle foto, una cosa che mi sembra basilare).
Sembra che manchi una direzione precisa. Alla lunga, imho, ne pagherà le conseguenze.

Mick&LOzzo

Beh...

In realtà lì almeno hanno comprato una cosa già fatta, che funzionava. Non è molto diverso da quanto hanno fatto altri, Facebook con WhatsApp e Instagram, per esempio.
Per quanto a gente come me sembri strano (preferisco una app che funzioni come un coltellino svizzero che faccia un po' di tutto), se andiamo a vedere le tendenze degli ultimi anni ci siamo spostati dai social network/servizi generici ad altri più specifici e a “compartimenti stagni”.
Facebook, sempre per restare in tema, è un social network generalista, ed invece di eliminare WhatsApp e Instagram, o integrarli nell’app madre, li ha fatti continuare a esistere mantenendo il proprio brand e la loro identità.

E' una cosa che non capisco, io preferisco più funzioni integrate in UNA app, ma a quanto pare è ciò che il pubblico vuole. quando Foursquare si è "scissa" generando Swarm, separando in due app le sue funzioni (visitare luoghi o trovare amici) io ci sono rimasto malissimo, ma è stata una decisione presa dal team di sviluppo a furor di popolo.

Ma i nostri pc/smartphone sono GIA' intasati di app che servono a svolgere compiti specifici, e siamo tutti un po' pigri, non abbiamo voglia di cambiare. Il problema di Google è che lancia da zero app nuove, che devono sgomitare per andare a coprire fasce di mercato/esigenze già occupate.

Tutto rigorosamente IMHO.

Mick&LOzzo

No, ma di base fanno così tanti soldi con gli introiti derivanti dai Google ads che fino a poco tempo fa non avevano neppure un vero e proprio controllo rigoroso sul budget.
Possono permettersi di pianificare meno e sprecare molto di più rispetto a tante altre compagnie.
C'è un bell'articolo in proposito su Bloomberg dove un ex dirigente di Google afferma che "Google is an advertising company with a bunch of hobbies.”
Se hai voglia di cercarlo, è di dicembre 2016, non credo di poterlo postare.

LordRed

Ma alla fine qualcuno ha capito a cosa servisse?

fausto madrepavia

Però l'icona era bella

Anto.b93

Maps/ waze (comprata da Google anni fa)

Mirko Rinelli

Si ma dai non generalizziamo, non penso che chi si occupa di sviluppo app in Google sia uno sprovveduto. Sicuramente hanno fatto grossi buchi nell'acqua, ma ci sono anche molti successi. Gmail, Inbox, Calendar, Keep, Youtube, ecc sono molto diffusi e, personalmente, li utilizzo quotidianamente con grande produttività!

Mick&LOzzo

E' vero!
.... sono troppe.

sbiki85

XD...
Google ormai é una blue chip a Wall street, dovrebbe iniziare a pianificare meglio le proprie iniziative.

Anto.b93

Hai dimenticato gmusic/YouTube red

Matteo Gorla

C'era anche la app

Sagitt

Concordo

Mick&LOzzo

"....e il team farà tesoro dell'esperienza accumulata per migliorare altri prodotti Google"

I buoni propositi di Pinocchio.

Google è da ANNI che lancia app incomplete, inutili, ridondanti tra loro, spesso abbandonate a se stesse.

Allo, Duo, Hangouts.
Gmail e Inbox.
Google Now, Google+, Google Spaces (app sconclusionatissima, che nessuno ha mai capito a cosa e a chi servisse).

Fanno cose A CASO, perché tanto il loro core business "tira" così tanto che possono permettersi esperimenti, cazzeggi & fallimenti assortiti.

FuckingIdUser

Non era un'applicazione.

FuckingIdUser

Si è capito che spaces confluirà nel nuovo Hangouts. Il che è sacrosanto.
Spaces per i consumatori non poteva funzionare in quel modo limitato perché si sarebbe sovrapposto (ed ovviamente così non è stato) a strumenti già rodati e perfetti per lo scopo, ossia i vari WhatsApp e Messenger ed i loro gruppi.
Spaces per i consumatori doveva prendere la forma che oggi ha reddit e avrebbe potuto competere, grazie all'integrazione con i servizi Google, persino con i grossi social network. Doveva e poteva essere l'ossatura alle spalle dell'ormai inutile G+ e dei commenti su YouTube...
Almeno le imprese avranno adesso un comodo strumento in più per i loro progetti.

Matteo Gorla

Succede alle app inutili

Recensione BlackBerry KeyOne: produttività, sicurezza e tastiera fisica

Recensione Zenfone AR: Tango phone e top di gamma da 899€

Recensione Motorola Moto Z2 Play, sottile, ottima autonomia e MOTO MODS

Guida acquisto: I migliori smartwatch con Android Wear | Luglio 2017