Giochi sul Play Store: Google si impegna a promuovere la qualità, non solo i download

01 Marzo 2017 12

Nel corso della conferenza per sviluppatori di videogiochi GDC 2017, Google ha annunciato alcune novità molto importanti relative agli algoritmi di classificazione dei giochi sul Play Store. Nell'intento di promuovere contenuti di qualità sempre migliore, ora verrà maggiormente preso in considerazione il livello di coinvolgimento dei giocatori - un dato che include il tempo di uso medio, quanto in fretta il titolo viene abbandonato/disinstallato e molto altro.

Fino ad ora, uno dei parametri principali per i suggerimenti era il numero di download. Ma è un parametro che può essere facilmente influenzato dallo sfruttamento del giusto brand, o dalla giusta campagna pubblicitaria. In altre parole: se tutti scaricano un gioco ma lo abbandonano dopo poche ore, evidentemente non è così meritevole di attenzione.

Probabilmente l'utente finale non se ne accorgerà mai, ma questo cambiamento potrebbe modificare in modo significativo gli equilibri del Play Store, anche in favore dei giochi indipendenti.

Questo rinnovato focus sulla qualità dei contenuti videoludici sarà rinforzato anche dall'arrivo, più avanti questo mese, di una nuova sezione di giochi scelti personalmente dallo staff di Google Play - un po' come fa da sempre Apple sul suo App Store. Permetteranno agli utenti di esplorare diversi generi di gioco, con tanto di brevi recensioni e suddivisioni tematiche.

Top gamma Samsung 2015 al giusto prezzo? Samsung Galaxy S6, compralo al miglior prezzo da Monclick a 379 euro.

12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ilvendicatoreatomico

Crashland è bello!

kayoshin

era ora
dovrebbero anche relegare i cloni degli originali ai margini delle classifiche

Valerio Vota

Evidentemente non ti sei mai regalato un bel Humble Bundle Mobile.

Federico Bassan

diciamo che lo stesso criterio di selezione qualitativa dovrebbe esser preso per tutte le app, inutile aver uno store strapieno di doppioni e/o mal prodotti, quantità finora è stata preferita a qualità

Federico Bassan

concordo....

Plinky

Se non lo avete già fatto, provate "Duet" di Kumobius. Crea dipendenza .... l'unico gioco che da anni non può mancare su tutti i miei telefoni.

Ansem The Seeker Of Darkness

doom& destiny sono dei capolavori.

Carter

Ottima notizia! A parer mio, il mercato del mobile gaming è un settore che non è mai stato preso veramente sul serio, banalizzato e ridotto a "copia sbiadita" del ben più blasonato ambito di consolle e PC (nulla togliendo a quest'ultimo, sia chiaro! xD)... Un approccio più "qualitativo" (eliminare i pay-to-win, ad esempio), unito a meccaniche e gameplay ottimizzati per un controller touch quale lo schermo di smartphone e tablet, potrebbe davvero rilanciare in maniera positiva lo "street-gaming". Speriamo in bene. :)

PSeeCO

Beh no dai, dipende anche da cosa ti piace, ad esempio ultimamente sto giocando parecchio a solitairica ed a quell zen, anche zen pinball ce l'ho sempre installato e pronto!

GC

Non so come sia la situazione sull'app store ma almeno per quel che riguarda google play frequentandolo da 4 anni, è quasi tutta monnezza fatevi una console o un pc perchè in tutti sti anni gli unici titoli con le veramente divertenti son stati i kinghdom rush e plant vs zombie 1 tutto il resto è fuffa pay to win ._.

Andrej Peribar

Parola di francesco amador... a no!

StriderWhite

Considerare anche il tempo medio giocato dalle persone è sicuramente un'ottima idea...

Android O: tutte le novità principali nella nostra Anteprima | VIDEO

Kodak Ektra: un cameraphone mancato | Recensione

LG G6 vs G5: primo focus fotocamera e interfaccia | Video

Huawei P10: la scelta TOP tra i 5 pollici Android | Recensione