Fairphone, lo smartphone etico ufficialmente in Italia con Concorde spa

17 Novembre 2016 63

Fairphone approda ufficialmente nel mercato italiano grazie a Concorde Spa, primo distributore a commercializzarlo in Italia. La partnership è frutto della scelta Fairphone di intensificare la presenza nell'Europa meridionale, partendo proprio dal nostro Paese. Fairphone e Concorde spa collaboreranno per distribuire il Fairphone 2 tramite i principali operatori telefonici e le più importanti catene di elettronica italiane.

Fairphone è molto più di un semplice smartphone Android, è frutto di un progetto che poggia su una solida ideologia: curare in maniera ottimale l'intera filiera produttiva per improntarla a principi etici. Dall'estrazione delle materie prime, per arrivare agli stabilimenti produttivi in cui vengono rispettati i diritti dei lavoratori. Design di lunga durata, materiali ''fair'', buone condizioni di lavoro e riuso e riciclo del prodotto: sono questi gli obiettivi a cui punta Fairphone.

Esemplare è l'approccio mostrato nell'approvvigionamento dei materiali necessari alla costruzione: da un lato l'impiego sempre crescente di quelli riciclati, dall'altro l'adozione di pratiche responsabili per l'estrazione dei minerali responsabili in aree come la Repubblica Democratica del Congo. L'obiettivo è creare catene di fornitura dei minerali (oro, tungsteno, stagno e tantalio) improntate alla massima trasparenza e alla tutela dei lavoratori.


Il Fairphone è stato in grado di catturare l'attenzione del pubblico anche in virtù delle doti prettamente tecniche: si è trattato, infatti, del primo smartphone con design modulare a raggiungere il mercato. Una soluzione introdotta per garantire la possibilità di effettuare interventi di riparazione a costi contenuti e consentire l'espansione delle funzionalità mediante moduli aggiuntivi. Fairphone 2 è dotato di display da 5" FullHD ed integra il processore Snapdragon 801, 2GB di RAM e 32GB di storage. Viene proposto al prezzo di 529 euro.

Concorde Spa si somma ad altri importanti partner per la distribuzione del Fairphone 2 nel mercato europeo: T-Mobile in Austria, 1&1 in Germania, KPN in Olanda e Swisscom in Svizzera. Chi non conosce ancora Fariphone 2 può consultare la nostra precedente recensione, consapevoli del fatto che acquistarlo e supportare il progetto in Italia, sarà, da ora in avanti, ancor più semplice. Ulteriori informazioni su Fairphone nel sito ufficiale, ora completamente localizzato in lingua italiana.

Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2, in offerta oggi da Tiger Shop a 245 euro oppure da Amazon a 289 euro.

63

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mauro Ferri

L'idea sarà anche bella , ma mi ricorda quella di Negroponte con l'EEEpc: tanti buoni propositi, molti bambini Africani che dovevano avere un netbook da meno di 100 $ ecosostenibile, con carica manuale....e alla fine è diventato un oggetto rivenduto solo dalle grandi multinazionali (a ben più di 100 $) per sfruttare il trend del momento. complimenti.

Svasatore

Poveraccio.

Simone Fumagalli

l'idea è molto bella, lo scopo nobile, ma per quel che monta costa davvero troppo, chi lo comprerebbe solo per un discorso di etica senza avere per le mani qualcosa che sia anche prestazionale in relazione al costo?

Youngstown

rispetto? sconfitte? la prossima parola quale potrebbe essere, patria? alalalai? pensa alla tecnologia piuttosto, se ci riesci

delpinsky

Il prezzo è troppo alto per l'hardware che monta. Chi di noi sarebbe disposto a rinunciare alle componenti di ultima generazione per avere uno smartphone "etico" ad un prezzo da top di gamma? Cosa succederebbe se tutte le principali aziende del settore mobile si mettessero a produrre i loro device seguendo l'etica della filiera produttiva? I prezzi calerebbero, ad un certo punto, oppure si attesterebbero sopra 1.500/2.000€?

Shane Falco

ecco perchè renzi non c'è l'ha! ;)

Svasatore

Ma di cosa stai parlando.sempre attaccarsi a due parole che poi nella pratica ti smentiscono.
Impara a portare rispetto che forse certe sconfitte non arrivano.

ilTuoPappone

Apprezzo davvero tanto il progetto, potrei fare un serio pensiero a un futuro fairphone 3.

Fossi in loro propenderei per una partnership con la rete del commercio equo e solidare, probabilmente sarebbe l'ambito dove potrebbero riscuotere più successo vista la clientela più sensibile a certi temi.

Youngstown

a differenza dei razzisti, non credo che gli ispanici siano stupidi a prescindere. Così come non credo che chi votava McCain o Romney fosse stupido: non ce l'ho con i repubblicani. Ce l'ho con chi vota uno che ha detto frasi razziste, sessiste, omofobe, anti scientifiche, bigotte. Uno che fomenta l'odio e che sarà causa di tremendi disastri.

Svasatore

Bugia.

Svasatore

Certo chi vota Trump é stupid mentre i milioni di ispanici che votavano per Obama erano tutti ingegnere nucleari.
Ahahahha.

Svasatore

Questa é la scusa ufficiale ma non sappiamo i costi.

Vincent Zeitgeist

Hai straragione...il mio era solo una considerazione basata su quanti soldi ho nel mio portafoglio :D per il resto sono consapevole che alcune cose si pagano :D

Thomas J.

L'etica nel processo di lavorazione di componenti terze è utopia. Basti pensare alle continue critiche che vengono mosse a Foxxcon, nonostante Apple spenda soldi suoi all' interno dell'azienda cinese per cercare di garantire condizioni di vita e di lavoro accettabili, fallendo.
Non sono uno di quelli che tifa per le aziende come fossero squadre di calcio ma non penso che in foxxcon sfruttino la gente col benestare di Apple, io ci credo che ci provi per davvero Cupertino, eppure l'etica scarseggia.

idem in questo caso: La scheda madre è proprietaria, quindi ok all'etica, ma processori, moduli ram ecc.. sono componenti esterne che tu compri e lì puoi giusto ricevere garanzie e fidarti sulla parola.

Michele M.

il prezzo è diretta conseguenza della natura del progetto.. questo costa un telefono "etico". Ora comparalo ad un LeEco Le Pro 3 da 260€ e prova ad immaginare a quanti compromessi si è dovuti scendere durante tutta la filiera che ha portato il telefono nelle tue mani (e non scordare che spesso la dogana non viene nemmeno pagata).

Nurgiachi

Ad esempio a "me stesso srl"

Repox Ray

Quotone

Vincent Zeitgeist

Almeno uno Snap 808 o 652 e 3GB di ram e 100€ in meno e ci avrei pensato...

Repox Ray

Almeno non sono scaduto nel buonismo.
Un terminale che viene presentato come pensato per durare, con pezzi facilmente sostituibili, componenti "etici", il cui obbiettivo è assicurarne la riparabilità e la durabilità poi si presenta con 2 Gb di ram e un SoC che non è aggiornabile all'android di riferimento per il 2017, ma non solo: non ha nemmeno l'android di riferimento del 2016. Non tanto per avere l'ultima versione di android in se, quanto avere una ragionevole tranquillità che i vari bachi di sicurezza vengano fixati (e prima o poi google smetterà di fixare i bachi su Lollipop, giustamente, poichè ormai siamo 2 major release avanti). Scusa se da un punto di vista meramente tecnico lo trovo una presa per il cul0.

Allora comincio a pensare che l'oggetto in questione non è un qualcosa davvero pensato per durare nel tempo (o comunque se ne deduce che non l'hanno "pensato" per bene: bastava uno snap 6xx, che Qualcomm supporta su android7 e come prezzo, prestazioni e consumi sappiamo essere non inferiore allo snap801), bensì un qualcosa che ha un target ben preciso di clientela che è disposta a spendere molto (perchè 530€ è molto già in assoluto, a maggior ragione se parliamo di un 5" con snap801 e 2 Gb di ram a fine 2016) per dei "valori aggiunti" che alla fine puoi verificare solo "sull'etichetta". Come chi compra il Mionetto Bio al doppio del Mionetto normale, senza avere uno straccio di modo di verificare quanto quel vino sia veramente "bio" rispetto alla produzione normale. E guardacaso da un annetto a questa parte nei supermercati trovi lo scaffale monotematico dei vini "bio". E se è scoppiato il business del vino "bio" persino al supermercato non mi viene così difficile pensare che qualcuno ci provi col business del telefono "bio".

Antsm90

Magari l'idea è "ormai quei SOC li han fatti, se non li mettiamo nei nostri device li devon buttare via, per cui tanto vale che li prendiamo noi quasi come fosse un riciclo"

Seik0

Lo smartphone di sinistra per antonomasia

Antsm90

Avrebbe avuto più senso un hardware attuale (Snap820 + 4GB di ram) ad un prezzo da iPhone (ora non so i prezzi di questi 2 componenti, ma forse costerebbe comunque meno rispetto al device della mela)
Così com'è invece non ha senso, hardware davvero troppo vecchio

Tx888

chi mi garantisce che loro sono positivi , e i Xiaomi negativi
io vedo solo una catena del margine molto ampia fatto di marketing , produttori e distributori che ci mangiano molto su prodotti superati , alla fine credo che ai lavoratori andra lo 0.1% della differenza prezzo. forse.

matiu2

Compralo e metti una foto qui poi, sono proprio curioso

matiu2

Benissimo, deduco quindi che tu lo comprerai subito per coerenza di pensiero giusto?

Nuanda

però cozza col principio di quello che pubblicizzano, cioè controllo del processo produttivo dall'estrazione dei materiali....comunque è una cosa che ho pensato a pelle, lo snapdragon801 è un processore che ha venduto milioni di unità e quindi è stato soggetto a processi produttivi intensivi e penso poco umnai comunque...

Thomas J.

I pilastri su cui fondano il loro messaggio sono "l'etica nel lavoro" e "il riciclo". Utilizzare uno Snap 801 credo rientri nel concetto di riciclo inteso come un non spingere per forza alla creazione (e quindi ulteriore spreco di risorse umane e minerali) di nuove componenti.

Yosemite Sam

Credo solo dando stipendi decenti hai lavoratori delle fabbriche di assemblaggio e componentistica si toccherebbero senza problemi i 2/2500 euro per il 7 normale all utente finale xD

GTX88

Non è che un'azione positiva annulla quella negativa

asd555

Chissà quanto costerebbe un iPhone con gli stessi metodi di produzione di questo Fairphone... Inizio a pensare che la Volkswagen Golf VII a confronto è quasi economica.

FalcoPellegrini

Purtroppo non puoi controllare tutto e alcuni componenti sono necessari (tipo la cpu). Comunque Qualcomm in teoria certifica che i prodotti sono creati con materiali "etici", quanto sia vero poi non lo so.

Modho

Prezzo sempre alto, ma non aumentato da quello che vedo.
La questione degli operatori potrebbe essere interessante, a seconda dell'offerta mensile.

Yosemite Sam

Un progetto lodevole , ma come i cibi "bio" costano 4 volte tanto rispetto agli altri e nessuno sborserebbe mai 500 euro per un telefono fermo al 2013 parliamoci chiaro.

Giacomo Berti

Immagino che la scelta di un HW non aggiornato possa essere vista come un interesse a mettere a frutto prodotti validi anche se già superati piuttosto che unirsi alla corsa alle prestazioni di tutti gli altri produttori, forzando quindi lo sviluppo e la produzione di nuovi componenti. Però quello che dici è giusto, anzi è un dubbio più che legittimo

Giovanni Viglianisi

Il target a cui si riferiscono non è quello di chi compra telefoni che inviano informazioni ai server cinesi

Nuanda

carina l'idea peccato che sento puzza di marketing becero da un chilometro di distanza, mi verrebbe da dire a pelle ok, si controlla il processo fino dall'estrazione dei materiali dove effettivamente succedono le cose più inumane che io sappia, sopratutto nell'estrazione del silicio, ma lo snap801 non è un fondo di magzzino? Penso che non sia più in produzione da almeno un anno...e quando hanno estratto i materiali per produrre quel chip chi li ha controllati??

Giacomo Berti

Ma ci sei nato così o è stata una scelta di vita?

Tx888

preferisco spendere 150 euro per uno Xiaomi e donare i restanti 350 a chi voglio io.

Youngstown

io sì e me ne vanterei

Youngstown

ah quanta piacevole dose di bile vomitata! è un telefono stupendo per il progetto, magari non per il design, ma sicuramente l'idea è molto buona. Non bisogna essere radical chic (che in tempi di gente che vota trump per me è anche un complimento) per essere contenti che i propri oggetti non siano frutto della morte, dello sfruttamento del suolo, del disastro climatico e della schiavitù di essere umani. Ragionando come te, prima o poi tutti saremo schiavi. Comprare questo telefono non risolve le cose, ma aiuta

asd555

Populismo, benaltrismo e qualunquismo: era impossibile fare di peggio in un solo commento, ma tu ci sei pienamente riuscito.

Vivissimi complimenti, sul serio.

zdnko

Li hanno comprati 2 anni fa ma, siccome a quel prezzo il fairphone non se lo prende nessuno, hanno ancora i magazzini pieni.

matiu2

ecco qua il primo: quindi tu lo compreresti?

Insider

Che che la certificazione sia per quello che fanno loro direttamente... Un po come le varie ISO che hanno le aziende.
Il fatto che un partner dell'azienda o un fornitore (per esempio quello che fornisce le scrivanie) non abbia la ISO XXX non vuol dire che non possa averla anche l'azienda che compra quella scrivania ;)

Giovanni Viglianisi

Non credo tu abbia capito il senso del progetto

Insider

Lasciando stare il telefono, questo è il tipo di dispositivo "modulare" che ho sempre immaginato e non con moduli "esterni" come Project Ara o LG G5.

Repox Ray

WOW CHE BELLO!!!11!!!

Si sentiva la mancanza nel mercato di un telefono ecoradicalchic. Ora saranno contenti tutti gli alternativoni che campano coi soldi dei genitori avvocatoni che si aggirano con AudiQ9 euro -1 e iphone12 suicida-dipendenti-del-subcontractor-cinese e abito firmato cucito-a-mano-da-bambini-malesi

Michele

Navigazione, multitasking, fotocamera

matiu2

cioè vale si e no 100 euro e loro lo vendono a 500?

Michele

LG: avevo un ASSO ma ho sbagliato scala | Editoriale

LG V30 è lo smartphone 2017 da battere? | Recensione

Huawei Mate 10 PRO: Kirin 970, 6" 18:9 e doppia cam LEICA a 849 euro | Anteprima

Guida Acquisto Smartphone Xiaomi: garanzia, limiti e potenzialità #report