Play Store implementato in altri Chromebook su canale developer/canary

05 Ottobre 2016 30

Continua l'implementazione del Play Store all'interno dei Chromebook e, dopo essere arrivato per la prima volta sul canale stabile di Chrome OS in soli tre dispositivi, è stato implementato anche su altri 4 Chromebook ma soltanto sul canale Developer/Canary.

Sono arrivate diverse segnalazioni che confermato la presenza del Play Store precisamente su Acer Chromebook 14, Acer Chromebook 15, Samsung Chromebook 3 e Toshiba Chromebook 2 (2015) ma la lista potrebbe essere ancora più ampia visto tutti i device che lo supporteranno.

Prima di continuare, qualora foste interessati a provare tale funzione, vi ricordiamo che dovrete accedere ai canali più instabili del sistema operativo Chrome OS, nei quali potreste incontrare bug a malfunzionamenti ti vario genere.

Detto questo, per prima cosa accedete al canale Dev o Canary, cliccate contemporaneamente i tasti CTRL+Alt+T e eseguite questi comandi:

Aggiornato:

  1. ping sudo su -
  2. echo "--enable-arc"> /usr/local/chrome_dev.conf;
  3. mount -o bind /usr/local/chrome_dev.conf /etc/chrome_dev.conf
  4. CTRL + MAIUSC + q (ripetere due volte in successione)

Una volta completate queste operazioni chiudere la finestra e riavviate il Chromebook. Il Play Store dovrebbe essere subito visibile all'interno delle app, ma, se cosi non fosse, andate all'interno delle impostazioni e abilitatelo. Fateci sapere nei commenti se siete riusciti ad attivarlo sul vostro dispositivo e se le applicazione che scaricherete risulteranno compatibili o presenteranno bug.

Vi ricordiamo infine che noi abbiamo già provato il Play Store all'interno di un Chromebook, esattamente dell'Acer R11, vi lasciamo qui sotto la nostra video prova.

Una scelta vincente sotto i 200€? Wiko Fever, compralo al miglior prezzo da Amazon a 159 euro.

30

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
lorenzo diana

Ciao, purtroppo non sono espertissimo in materia ma, se segui alla lettera cio che ho riportato, riuscirai a portare a termine l'attivaziine. Si devibcliccare invio ad ogni passaggio. :-)

proxyy

ciao, sto provando a fare la procedura cosi' come descritta, ma già al primo comando mi dice: ping [-4] [-6] [-c count] [-i interval] [-n] [-s packetsize] [-W waittime] <destination>
Send ICMP ECHO_REQUEST packets to a network host. If <destination> is "gw"
then the next hop gateway for the default route is used.
Default is to use IPv4 [-4] rather than IPv6 [-6] addresses.
dopo ogni comando devo dare invio giusto?

Giovanni

A me non va..

Concetto Niño Brusca

a me non va

proxyy

e vai, il mio toshiba dovrebbe allora avere il play store.
Appena ho un po' di tempo provo

ziovax

No, almeno ufficialmente non puoi. Non credo che esistano tricks.

FuckingIdUser

Il c720 non è tra i Chromebook che riceveranno il PlayStore, se non ricordo male.

Massimo A. Carofano

Condivido il tuo punto di vista.
Essendo sostenitore open source, credo che il primo passo sia far in modo di dimostrare come la base (sistema operativo) non sia vincolante. In questo senso, se un software proprietario funzionasse sia su Win che GNU/Linux, o Mac OSX, è comunque un bel traguardo. Poi, se riuscissimo mai a raggiungere tale obiettivo, allora saremo noi stessi utilizzatori ad averne i vantaggi (solo stamattina ho avuto il pc inutilizzabile per 20 minuti per un aggiornamento di Win, che uso per lavoro..) potendo utilizzare software ovunque, anche se proprietari.
Che poi, se si riuscisse a raggiungere uno standard anche per altre cose, come ad esempio la creazione di un pacchetto driver open source che sia compatibile sia con Win che Linux, sarebbe un bel passo avanti...Figuriamoci se ci fossero software cross-platform come le suite Adobe..Sarebbe eccellente!

Andrej Peribar

Dipende dallo share.

Paradossalemnet se GNU/linux (prendiamo ubuntu) raggiungesse il 50% del mercato desktop o PC (quindi workstaion) Adobe rilascerebbe la suite (il che ovviamente non la renderebbe open ma sempre proprietaria)

Certamente non è interesse di qualsivoglia multinazionale promuovere un sistema che non ti lega tramite vendor-lock il più possibile per "buon cuore".

Deve venire dall'utenza. :)

Massimo A. Carofano

Capisco, beh spero che le cose cambino, in futuro..

lorenzo diana

Chromebook pixel 2 lo trovi su amazo n a circa 700 euro

lorenzo diana

Ragazzi prima del comando "sudo su-" inserite la parola "ping". Il primo comando diventa: "ping sudo su-" . Fatemi sapere se cosi vi funziona. Non è menzionato da alcuna parte ma cosi va :-)

Andrej Peribar

La parte che vuoi portare "Google Play (e servizi annessi)" non sono liberi.

È come dire "speriamo che qualcuno porti photoshop su ubuntu"

Solo adobe può farlo.
Le distro possono dare la compatibilità. ma poi farlo è a discrezione dell'utenza.

Una distro non può metterli di default ma sempre mediante "intervento dell'utente" che se ne assume i rischi tecnici e legali.

RockMillion

è implementato su chromebit di Asus?

Massimo A. Carofano

Credo sia una cosa fantastica, cosa che porterebbe gli sviluppatori a creare app sempre più complesse.
Ad ogni modo, ben venga!
Sai dove è possibile seguire lo sviluppo di tale "porting"?

Box2Tux

Ci stanno già lavorando i ragazzi di kde

ffvv

Ma posso installare chrome os con play store su un vecchio netbook o il play store deve essere "ufficiale"??

stratos1965

Io ho scaricato da xda la versione nougat per il moto x 2014 e con l'ultima release hanno sistemato anche l'unico bug della fotocamera. Telefono che va come un razzo ora.

marco

digitando il passo 1 shell mi dice comando non esistente

Concetto Niño Brusca

Neanche a me funzionano su acer c720

Luciano

Sul mio chromebook acer 15 cb5-571, in modalità dev premo ctrl+alt+T e mi esce un terminale sul web. Ora scrivo il comando shell e mi da che il comando non esiste, anche il comando sudo e su non esistono, non esiste nessun comando. Mi aiutate? Grazie

NEXUS

sudo apt-get update ;)

Massimo A. Carofano

Essendo Chrome OS open source e basato su Kernel Linux, spero che qualcuno riesca, prima o poi, a portare il Google Play (e servizi annessi) anche sulle comuni Distro GNU/Linux, come Debian, Ubuntu, Mint...

Vive

il secondo costava meno, mi pare da 999$

Vraaden

Sono fuori produzione. Mai arrivati in Italia ( anche perché non vedo chi li avrebbe voluti per 1500€). Comunque se li cerchi li troverai.

Fez Vrasta

Non li trovo sul sito madeby.google.com pero'

Vraaden

Chromebook pixel 1 e 2

Fez Vrasta

Prodotti interamente da Google?

Vraaden

Ne hanno già fatti 2

Fez Vrasta

A quando un Chromebook #MadeByGoogle?

Primo weekend con LG G6: autonomia top!

Android O: tutte le novità principali nella nostra Anteprima | VIDEO

Kodak Ektra: un cameraphone mancato | Recensione

LG G6 vs G5: primo focus fotocamera e interfaccia | Video