Moto Z by Lenovo: la nostra recensione

29 Settembre 2016 289

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Moto Z è il nuovo smartphone realizzato da Lenovo che vede tra i suoi punti di forza la modularità, ossia la possibilità di espanderne le funzionalità tramite degli accessori, i MODS, che si applicano magneticamente sulla parte posteriore ma a cui dedicheremo un focus specifico. Il Moto Z, nonostante lo spessore ridotto è dotato di un hardware da top di gamma così come lo è il suo prezzo di vendita, 699 euro. Andiamolo a scoprire nella nostra recensione.

Hardware, Materiali ed Ergonomia

Il Moto Z ha un profilo in alluminio spesso soli 5.19mm e vetro Gorilla Glass sulla parte anteriore. In metallo anche il retro con due inserti in vetro. Qui troviamo anche i connettori che consentono l’utilizzo dei MODS.

In dotazione viene offerta una Style Shell in tessuto che permette di migliorare notevolmente l’ergonomia. Senza cover, infatti, gli spigoli del profilo non rendono l’impugnatura molto confortevole. In dotazione viene anche offerto un “bumper” in plastica. E’ presente una funzione che permette di rimpicciolire l’interfaccia facendo uno swipe verso l’alto. Tuttavia, non ho trovato molto comodo il fatto che l’interfaccia resti comunque centrata, senza possibilità di essere spostata verso un lato. In tal modo non si facilità più di tanto l’utilizzo con una sola mano.

Lateralmente sono posizionati i due tasti separati per la regolazione del volume ed il tasto di accensione/blocco. Sulla parte superiore, oltre ad un microfono, troviamo anche il cassettino per le SIM, entrambe in formato nano nella versione Dual SIM. Il secondo slot, alternativamente, può essere utilizzato per espandere tramite microSD i 32GB di memoria integrata di cui 8.37 sono utilizzati dal sistema. La microSD può essere anche formattata come memoria principale.

Sulla parte inferiore, infine, è presente una porta USB Type-C 3.0 con supporto OTG. Manca jack audio da 3.5mm. Per collegare anche le cuffie auricolari in dotazione, quindi, sarà necessario utilizzare l’apposito adattatore. Una soluzione sicuramente scomoda in modo particolare se volessimo anche ricaricare il telefono.

La fotocamera posteriore sporge notevolmente rispetto alla scocca. Il sensore è da 13 megapixel con apertura f/1.8, pixel da 1.12 micrometri, stabilizzatore ottico e messa a fuoco laser. Il flash ha un doppio LED con funzione di correzione della temperatura del colore.

In questo Moto Z sono presenti ben quattro microfoni: uno, come detto, posizionato sulla parte superiore, uno sul retro e due sulla parte frontale dove troviamo anche la capsula auricolare che funge anche da speaker, sensori di luminosità e prossimità, due sensori ad infrarossi utilizzati per rilevare il movimento della mano anche al buio ed una fotocamera da 5 megapixel con apertura f/2.2 e lente grandangolare e flash LED.

Il sensore per il riconoscimento delle impronte serve solo per sbloccare e bloccare il device se effettuiamo una pressione prolungata. I tasti funzione sono a display ed hanno un piacevole feed tramite vibrazione che viene anche percepito quando utilizziamo la tastiera. Il Moto Z è resistente a spruzzi d’acqua accidentali ma non è impermeabile.

Più notizie
  • Dimensioni: 153.3 x 75.3 x 5.19mm.
  • Peso: 136 grammi
  • Sistema Operativo: Android 6.0.1, Marshmallow
  • Processore: Snapdragon 820 quad-core 1,8 GHz
  • GPU: Adreno 530
  • Memoria: 4GB LPDDR4 / 32GB espandibile via microSD (fino a 2 TB)
  • Display: 5,5” AMOLED QuadHD 1440p (2560 x 1440) / 535 ppi
  • Batteria: 2600mAh
  • Fotocamera Posteriore: 13 MP ƒ/1.8 / OIS / AF Laser / Dual LED
  • Fotocamera Anteriore: 5 MP ƒ/2.2 / Obiettivo grandangolare / Flash
  • Connettività: 802.11 a/b/g/n/ac 2.4/5 GHz MIMO / Bluetooth 4.1 LE / NFC / aGPS
  • Sensori: Fingerprint / Accelerometro / Luce ambiente / Giroscopio / Hall /Magnetometro / Prossimità

Il processore di questo Moto Z è uno Snapdragon 820, un quad-core da 1.8GHz con GPU Adreno 530. A questo processore, sono stati affiancati due coprocessori, uno dedicato alla gestione continua dei sensori ed uno al riconoscimento del linguaggio naturale. A supporto di questo Motorola Mobile Computing System, come viene definito da Lenovo, abbiamo 4GB di memoria RAM LPDDR4.

In generale, come evidenziato anche dai benchmark, le prestazioni sono molto buone anche se leggermente al di sotto di alcuni top di gamma concorrenti. Le applicazioni sono rapide nell’avvio, la RAM è ben gestita ed anche la navigazione web tramite Chrome risulta fluida e priva di particolari incertezze. Si comporta bene anche la GPU che ci consente di giocare sia ad Asphalt 8 che a Real Racing 3 con un framerate decisamente elevato.

Ben gestite le temperature. Sotto stress il telefono si scalda, ma non più di tanto.

Display


Il display del Moto Z è un AMOLED da 5.5 pollici di diagonale con risoluzione QuadHD ed una densità di 535ppi.

Questo pannello offre dei colori abbastanza saturi che possiamo comunque rendere più realistici utilizzando la modalità standard tramite impostazioni. Personalmente, questa è la modalità che preferiscono anche se inizialmente possono sembrare molto slavati.

L’angolo di visione è molto ampio ed il contrasto è elevato anche se, come tutti gli AMOLED, i bianchi tendono all’azzurro ad inclinazioni più accentuate. Una buona retroilluminazione ed il trattamento oleofobico del vetro anteriore rendono confortevole anche la visibilità in giornate più soleggiate.

Batteria, Audio e Ricezione


La batteria è sicuramente il tallone di Achille di questo Moto Z. 2600mAh, infatti, sono decisamente pochi considerando il resto dell’hardware. In questi giorni di prova, utilizzandolo con una certa intensità, sono riuscito ad arrivare al massimo al tardo pomeriggio con circa 3 ore di display. Tramite il caricabatteria rapido in dotazione, comunque, in poco più di un’ora riusciremo a riportare la batteria al 100%. Come sistema di risparmio energetico troviamo unicamente quello messo a disposizione dalla piattaforma Android che riduce prestazioni, dati in background e funzionalità.


Il Moto Z che abbiamo provato è in versione Dual SIM anche se sul nostro mercato verrà venduto in versione single SIM con supporto alle reti LTE in Cat.6. Interessante comunque, la gestione delle due SIM che possiamo personalizzare e che è anche in grado di scegliere la SIM in base al nostro tipo di utilizzo. Ottima la qualità audio in chiamata tramite capsula auricolare, corposa e con un buon livello sonoro. Stesso discorso anche utilizzandola in vivavoce anche se in questo caso il volume non è particolarmente elevato. Ricezione sempre ottima sia per quanto riguarda il segnale di rete cellulare che quello del Wi-Fi, dual band con antenne MIMO e con supporto al protocollo ac.

Software


Il sistema operativo è Android 6.0.1 ma entro il quarto trimestre dell’anno verrà aggiornato a Nougat. Come di consueto, l’interfaccia è praticamente quella stock della piattaforma di Google arricchita da alcune funzionalità decisamente utili.

Utilizzando Moto Actions possiamo attivare alcune funzioni tramite gesture: ad esempio, è possibile scuotere il device per azionare la fotocamera o muoverlo rapidamente per attivare la torcia.

Moto Voice è stato decisamente semplificato rispetto a quanto visto sui Moto X. Ora, in pratica, non offre più dei comandi personalizzati ma ci consente di lanciare direttamente l’assistente di Google tramite una frase a nostra scelta che possiamo pronunciare anche a display spento oltre a poterci leggere il nome dei chiamanti ed i messaggi di testo in determinati contesti.

Moto Display, infine, consente la visualizzazione e la gestione delle notifiche a display spento reagendo al movimento della mano.

Fotocamera e Multimedia


Altra personalizzazione dell’interfaccia è quella relativa alla fotocamera. Oltre alla possibilità di attivare rapidamente HDR, flash ed autoscatto, facendo uno swipe verso destra possiamo impostare la risoluzione di foto e video, disattivare i suoni e scegliere la posizione di archiviazione. Uno swipe verso l’alto o il basso permette di effettuare lo zoom digitale e con uno swipe verso sinistra possiamo vedere le ultime foto scattate. Tra le modalità di scatto, oltre ad una automatica, al panorama ed ai video al rallentatore in HD a 120fps, abbiamo anche una modalità pro che ci consente di regolare separatamente diverse impostazioni di scatto.

La qualità fotografica del Moto Z è sicuramente elevata quando scattiamo in condizione di illuminazione ottimale. Le foto hanno una buona regolazione dell’esposizione ed un accurato bilanciamento di bianco e dei colori. In condizione di scarsa illuminazione si nota un po' di rumorosità. Molto belle le macro e particolarmente buona anche la qualità della fotocamera anteriore.

La qualità dei video non la ritengo all’altezza di quella delle foto. Il dettaglio delle immagini è buono ma ho notato una scarsa fluidità ed anche una messa a fuoco incerta e poco rapido.

Conclusioni


Il Moto Z viene venduto ad un prezzo di listino di 699 euro, sicuramente tanti anche se lo si riesce già a trovare on line a prezzi molto più interessanti. Il Moto Z è uno smartphone che mi è piaciuto. Non è il massimo della comodità ma l’ho utilizzato con piacere in questi giorni.

La batteria da 2600mAh rappresenta sicuramente un limite. Lenovo ha voluto ridurre al minimo lo spessore lasciando una fotocamera molto sporgente ed eliminando il jack audio da 3.5mm ma, a mio avviso, ha forse implementato al meglio il concetto di modularità con i MODS che andremo poi a conoscere più nel dettaglio.

Tra i punti a favore ci metto anche la qualità costruttiva e quelle delle foto. Tra i contro quella dei video, non all’altezza di quella dei suoi competitors, e la scelta di non utilizzare il fingerprint come tasto home. Qualche millimetro in più ed una batteria più capiente forse sarebbe stata la scelta migliore.

Materiali e qualità costruttivaInterfaccia stock di AndroidPrestazioniModularitàDisplayQualità foto
AutonomiaPrezzo elevatoAssenza jack audioQualità video (AF lento)Fingerprint usato solo per sblocco/blocco

VOTO: 8.2

Motorola Moto Z è disponibile online da Stockisti a 399 euro. Il rapporto qualità prezzo è discreto. Ci sono 14 modelli migliori. Per vedere le altre 52 offerte clicca qui.
Motorola Moto Z è disponibile su a 440 euro.
(aggiornamento del 24 marzo 2017, ore 21:11)

289

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Antonino Parisi

Beh, 2650 sullo zenfone 3, oltre otto ore di schermo acceso...

Max

Lo trovo molto interessante... fossi costretto a prendere un terminale Android gli darei un occhiata (specie ora sotto i 500€)

piallato

almeno in questo caso lo spessore "giustifica" la mancanza del Jack audio, in iphone si sa è una feature e non una mancanza... Mah... una fotocamera da 5mega oggi come oggi mi sembra un po' poco. Vedremo il discorso accessori perchè al momento è da approfondire...

Leonardo Gualandris

Sarebbe anche un buon telefono il Force... peccato per design, jack e prezzo perché le mod mi sembrano veramente utili

Danny #Mainagioia

Diciamo però che nel 2015 nessun telefono brillava come autonomia, anzi.
Nel 2016 invece fanno tutti bene anche se su questo Moto ho sentito pareri un po' contrastanti.
Vai a vedere che se lo usi come una persona normale ti basta anche.

fedefigo92

Intanto il voto dell's6 nella recensione era di 8,8 mentre questo che è paragonabile come pregi e difetti ha preso 8,2.

Desmond Hume

Con l'acquisizione dei cinesi la brutta fine la sta già facendo, vedasi prodotti simili ROVINATI da scelte assurde.

marcoar

Si sì la batteria la davo per scontata tra le differenze. In più, giusto per farla completa ormai, ha il "vetro" shatterproof (il sistema già utilizzato su x force) garantito per 4 anni ed un clock del SoC maggiore (2,2 Hz se non ricordo male)

Desmond Hume

Speriamo davvero che il mercato li punisca a dovere

Desmond Hume

Mi spiace ma questo coso è un furto.
699 li avrebbero potuti chiedere per pa versione con batteria inclusa nel prezzo (Moto Z force)

Leonardo Gualandris

Anche batteria da 3500 mAh mi sembra...

marcoar

Sono perfettamente identici. Il force ha solo una fotocamera diversa

Nyck92

Se proprio devo andare di compromessi prendo il play a 200€ in meno, con una batteria più capiente e il jack, questo modello non ha senso.

Dan Morrison

Bo, sull'eeepc di mia moglie ho messo un modulo da 2gb senza problemi, essendoci lo slot... Sempre 10".

Kiiro

e ciao, 399 per un telefono ufficialmente venduto in europa, 4000MAh (difficili da implementare anche fisicamente), ottima fotocamera, modularità (costa l'ingegnerizzazione), sd 820, display 1440p AMOLED e vendono in perdità...

Kiiro

trovo più interessante il play (magari a 349) con sd625, 3000MAh e jack

Gildo Guerrieri

quoto totalmente

Leonardo Gualandris

Se ti riferisci al modulo, è a parte

Leonardo Gualandris

Tra l'altro non ha il Jack il Force o sì? Non ricordo...

Leonardo Gualandris

La domanda è: perché non in Europa?? Avrebbe fatto più successo

IlCinefilo

grazie mille per la risposta garbata che mi hai saputo dare. Tutto chiaro ora!! Ciao Chuk!!

Eros Nardi

Si ma tu stai parlando di Motorola che è tutta nella fossa. Non esiste più ne il logo ne il nome.
E' rimasto il nome di un prodotto che viene sfruttato da Lenovo che non se la cava così male ma vuole diventare tra i principali fornitori di smartphone al mondo e per farlo spara a zero su ogni fascia di mercato possibile
http://android .hdblog .it/2016/08/18/Lenovo-brand-Motorola-incrementare-vendite/

smn_lrt

Lo han fatto per risparmiare spazio dentro al telefono (secondo apple)...comunque credo che a meno che non siano adattatori cinesi vadano lo stesso più che bene ripeto il dac è facile da fare soprattutto per un segnale audio...certo da un sacco di fastidio perche o ascolti musica o il telefono è in carica a meno di non avere un qualche attacco in stile macbook che rompe soltanto le scatole..

Carburano

certo ma il discorso non è meramente di dove si trovi il dac ma del cambio immotivato di standard. Anche ora posso prendere un DAC esterno, certo... ma perchè dovrei affidarmi a standard nuovi che per essere retrocompatibili han bisogno di adattatori di qualità discutibile?

smn_lrt

Concordo pienamente con te che il jack è irrinunciabile ed escluderlo è una cazzata...parlando del dac è la cosa più semplice da fare..rispetto ad anni fa gli schemi circuitali sono cambiati e i migliori per precisione (poco rumore), costo e semplicità del circuito sono i dac sigma-delta (nome del circuito non è una marca)...adesso non mi intendo di cuffie ma penso già esistano cuffie con dac integrati...comunque non cambia niente alla qualità dell'audio...sempre in digitale è, cambia solo dove viene convertito in analogico..

Fabio

Motorola è della Lenovo sveltone

Kevin Corizi

L'ho preso perchè era l'unico che aveva tutto quello che volevo (sensore frontale, amoled, 5.5"...) a un prezzo che trovo ragionevole :P Diciamo che non voglio avere problemi per un po', per esempio con gli ota o app non funzionanti perchè trovano il root, ora valuterò bene...

ormonello

Pare che il moto z play sia migliore seppur con un hardware decisamente inferiore e costa la metà ...quasi certo il leeco rapporto qualità prezzo è imbattibile ma il play che sfrutta la stessa modularità del fratello maggiore potrebbe essere interessante.. Anche perché si trova sui 300/350

NEXUS

Convinto sei te povero sapientone inutile, se la Apple ha detto che non ci stava(vedi i flame nati da questo ) e io ci ho fatto la battuta ma te non ci arrivi è un problema tuo.

Carburano

ma quella è una percezione contorta... iPhone venderebbe comunque anche con un mm in più. iPhone è status symbol, non ha concorrenza interna riguardo al SO, è il delefono che viene venduto di default con gli abbonamenti degli operatori... insomma... io non mi limiterei al mm di differenza (anche perchè quest'anno che han rimosso il jack han tolto mezzo millimetro... una presa in giro insomma)

TheBlue

Quoto.

Lorenzo

eh a quanto pare si, basti vedere quanto vende iphone

Carburano

ma sei sicuro che alla gente dia più fastidio 1 mm rispetto a 3 cm di cornici ?

matiu2

come già detto, io ci facevo tranquillamente 5 ore di schermo, quindi autonomia per me più che buona, anche sul forum sono rimasti contenti, non capisco perchè i recensori l'abbiano stroncata... magari col loro uso ultra stress regge molto di bene.

Da Clove UK dove l'ho preso io lo pagavi (in anteprima poi) 100 euro in meno e avevi pure il modulo batteria Incipio che risolve qualsiasi problema di autonomia e resta comunque comodo nell'ergonomia del telefono.

MotoGigio

Ok, convinto tu xD

Danny #Mainagioia

Capito.
Cmq il problema autonomia resta, anche se ovviamente è stato gonfiato: come ha scritto un utente, l'anno scorso l'S6 andava bene...
L'idea dei moduli secondo me è sbagliata proprio come principio ma a volerla fare con lo snap 820 hai problemi obbligatori.
Ripeto: forse dovevano chiedere in concessione gli A10 di Apple :)

Lorenzo

alla gente da fastidio che il telefono sia spesso 8 o 9 mm quando si può fare anche da 6 o 5mm, soprattutto quelli che seguono la massa (che sono più degli appassionati di tecnologia)

Carburano

ma perchè rimuovere uno standard che garantisce il massimo quando basterbbe farlo 1mm più spesso per aumentare la batteria?

Lorenzo

beh ovvio, però fai conto che in teoria (non come su questo moto z) ci potrebbe stare una batteria più grande eliminando il jack

matiu2

entrambi, l'ho paragonato con un iphone 7 (che non è certo il top del top in quel campo) e i colori erano molto più innaturali... insomma niente di che considerando le aspettative.

Carburano

speriamo, ma alla fine l'unica motivazione reale è la vendita di accessori quindi non ci spero molto.

Mirko

Sti geni hanno fatto lo z force mettendo in 6.99 mm una 3500.. lasciamo perdere il senso di questa versione.

Lorenzo

no, da quanto ne so (se non è cambiato nulla) ci sono dei pin liberi che possono essere usati per audio anche analogico

Danny #Mainagioia

Le foto o i video o entrambi?

Carburano

ok ma sempre audio digitale è... e servirà un dac esterno... che tristezz.

Lorenzo

moto z play

Lorenzo

quello accadrà tra qualche anno su tutti i device in quanto nella usb-c si può implementare. Per lo speaker potevano in effetti metterne uno anziché la capsula auricolare

Lorenzo

si chiama moto z force il telefono che non hai nominato

xan

il minimo che serve per agganciare il display

NEXUS

La mia era una battuta riferita ad Apple che ha detto che non ci stava, se non ci arrivi e fai il sapientone dr Cutolo non è colpa mia

Android O: tutte le novità principali nella nostra Anteprima | VIDEO

Kodak Ektra: un cameraphone mancato | Recensione

LG G6 vs G5: primo focus fotocamera e interfaccia | Video

Huawei P10: la scelta TOP tra i 5 pollici Android | Recensione