Xiaomi pubblica i Sorgenti Kernel per Mi Note Pro, Mi 4c e Mi 4S

18 Marzo 2016 21

Sebbene la notizia possa essere utile solo per sviluppatori e utenti particolarmente esperti e in grado di sfruttare realmente i Sorgenti Kernel dei vari smartphone Android, è sicuramente positivo il fatto che Xiaomi abbia pubblicato i Kernel Source per una serie di smartphone commercializzati negli ultimi mesi.

In particolare parliamo di:

Come vedete non manca l'ultimissimo arrivato Mi 4S sperando che i sorgenti possano essere utili per aggiornamenti modificati e personalizzazioni di vario tipo. Download sul github.

Spendere poco per avere tanto? Huawei P9 Lite, compralo al miglior prezzo da Redcoon a 249 euro.

21

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
giot

La pubblicazione dei sorgenti non fa decadere il tutto: la GPL ti obbliga a fornire i sorgenti e non è che che siccome la licenza non fissa un limite temporale massimo, allora puoi fornire i sorgenti quando vuoi... dopo un giorno, dopo un anno, dopo un secolo. Il ritardo nel fornire i sorgenti, se è irragionevole, è comunque una violazione della licenza. Cosa sia ragionevole lo stabilisce il tribunale ed è improbabile che un tribunale riterrebbe ragionevole un ritardo di un anno.

cip93

La GPL mi permette di sviluppare una versione modificata soggetta ad un accordo di non divulgazione? (#DevelopChangesUnderNDA)

Sì. Per esempio, si può accettare un contratto per sviluppare delle modifiche e accettare di non distribuire le proprie modifiche fino al nulla osta del cliente. Questo è possibile perché nessun codice verrebbe in tal modo distribuito sotto NDA.

Si possono anche distribuire le proprie modifiche al proprio cliente sotto GPL, e accettare di non distribuirle a nessun altro fino al nulla osta del cliente. Anche in questo caso nessun codice verrebbe distribuito sotto NDA, né sotto alcun altra restrizione aggiuntiva.....

il problema è che l'argomentazione è un po scarna e faziosa, di solito dovrebbe partire un'azione legale come successe per skype e il suo cellulare con a bordo linux che non rilascio i sorgenti e company, me la rido perché si dovrebbe fare causa ed in ogni caso xiaomi pubblicherebbe i sorgenti facendo decadere il tutto. insomma una causa persa! cmq sia alcuni sorgenti li stanno pubblicando....

giot

Li obbliga la licenza GPL, sotto cui è rilasciato Linux. Quando hai smesso di ridere, leggitela, così magari impari qualcosa.

cip93

obbligati?..e li obblighi tu? perchè non porti qualche fonte o legge che fai ridere anche i cinesi!

paolo46

Ma adesso si puo sbloccare la radio FM su mi4c?

giot

E' la bega delle registrazioni richieste da aziende come Xiaomi. Anche Motorola richiede la registrazione per lo sblocco del bootloader, ma ci vuole 1 minuto per registrarsi ed 1 minuto per richiedere ed ottenere il codice di sblocco. Dovere aspettare settimane è inaccettabile.

Xadren

È la bega di tutte le registrazioni, ci sono siti di notizie che, per lasciare un commento, chiedono registrazioni che sembrano schedari.

giot

Il Mi Note Pro è uscito quasi un anno fa, tra un altro annetto rilasciarenno anche quelli del Mi5. Questi sanno che sono obbligati a rilasciare i sorgenti... e si prendono un anno per farlo. Poi ci si domanda perchè Xiaomi venda solo in Cina, in Europa tempo un mese e si ritroverebbe sommersa da cause legali.

Cottino

La procedura va dai 3 ai 21 giorni più la bega di dover compilare un modulo online che io cercando ho trovato prima in cinese, poi in inglese. È anche necessario registrarsi sul sito di xiaomi con lo smartphone.

valerio

pazienza, tanto si usa benissimo anche a bootloader bloccato.

zenon85

Si, ma non è immediato, Xiaomi se la prende comoda a dare la risposta per lo sblocco. Anche in paio di settimane a quello che ho letto.

Carburano

lo so... motivo per il quale non ho mai comprato uno Xiaomi

M.N.C.

Spoiler: non verrai smentito x'D

Lorenzo

Finalmente rilasciate per Mi4c, ora può diventare un telefono moddabile e magari aumentare le prestazioni con un kernel e una rom sviluppata con le sue sorgenti. Ora la CM13 di teamsuperluminal ha qualche minimo problema nella fotocamera, kernel (gestione frequenze e temperature) e gestione ram (ieri spotify non rimaneva aperto perché c'erano occupati 2.7GB su 2.8GB ovvero quasi al 100% saturata, ho dovuto riavviare per risolvere)

Antonio Guacci

Esatto: in caso tu voglia approfondire la questione, il Web è già pieno di guide su come effettuare correttamente la richiesta.

GTX88

alcuni modelli non ne hanno bisogno e per altri ci sono rom installabili senza sbloccarlo

GTX88

tieni conto che ti rispondono dopo un paio di settimane, danno la priorità a chi partecipa ai loro forum, cmq trovi le guide in giro sulle operazioni da fare, perchè è misto inglese/cinese

Xadren

Fantastico, basterà quindi contattare Xiaomi, questo mi rassicura molto.

Antonio Guacci

No, è falso.

Xiaomi ha iniziato a vendere, negli ultimi mesi, dispositivi con bootloader bloccato al fine di evitare che i rivenditori terzi vi installino malware e spyware prima dell'acquisto da parte degli utenti (pratica purtroppo molto diffusa).

Una volta acquistato dall'utente finale, quest'ultimo deve solo fare richiesta per lo sblocco bootloader a Xiaomi, che a quel punto rilascia all'individuo tutti gli strumenti utili a tal fine.

Xadren

Un'informazione per un amico che potrebbe prendere uno Xiaomi: è vero che Xiaomi vorrebbe impedire di sbloccare il bootloader per installare rom alternative?

Carburano

quelli di mi5 usciranno tra un annetto... Spero di essere smentito

Samsung Galaxy Note 7 e Gear VR 2016 ufficiali: dal 2 settembre in Italia | Foto

La gamma Note a confronto: dal 1° Phablet al 7° Note

Meizu MX6: la nostra recensione

Sfida d'Oriente: OnePlus 3 vs Huawei P9 Plus vs Zuk Z2 vs Xiaomi Mi5