TWRP 2.4: la recovery touch alternativa alla ClockWorkMod si aggiorna!

01 Febbraio 2013


Nel mondo del modding sono due le principali recovery che gli utenti possono scegliere per i loro device. Se la ClockWorkMod è indubbiamente la più famosa e diffusa con anche la versione Touch decisamente efficace, il progetto TWRP (Team Win Recovery Project) è altrettanto apprezzabile in quanto sviluppato in modo da essere da subito utilizzato tramite touch e ottimizzato sia per smartphone che per Tablet. Potremmo dire che forse il  TWRP sia addirittura più completo della  ClockWorkMod e indubbiamente la nuova versione 2.4 porta tantissime interessanti novità!

Changelog TWRP 2.4:

  • Using libtar instead of busybox's tar for better control over tar file creation and breaking the 2GB barrier that busybox imposes (thanks to bigbiff)
  • Support for exFAT formatted sdcards (also thanks to bigbiff)
  • Support for decrypting Samsung TouchWiz encrypted devices including internal and external storage (special thanks to a3955269 for figuring it out)
  • Improvements to OpenRecoveryScript including displaying a proper GUI while the script is running
  • Added wipe cache and dalvik after ADB Sideload
  • Replaced many system calls with their native C counterparts
  • Fixed bugs in file manager where it would display an empty list after moving or deleting a folder
  • Fixed AOSP recovery commands to run after decryption on encrypted devices
  • Improvements for building TWRP in CM10.1
  • Other minor bugfixes and improvements

Maggiori informazioni le trovate sul sito ufficiale teamw.in e una lista di device sul post di XDA.

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Quale Top Gamma Android 2014 scegliereste tra quelli già annunciati?

OnePlus One: Prezzi, Disponibilità e caratteristiche tecniche

LG G3: nuove screenshot della UI, resistenza all'acqua e S801 a 2.5GHz

Ekoore GoWatch: la Recensione di HDblog.it