Phantasy Star Online 2 in arrivo su Android il prossimo inverno

26 Marzo 2012 6


Arrivano da SEGA alcune indiscrezioni che annunciano per il prossimo inverno l'uscita del sequel JRPG Phantasy Star Online 2 dedicato alla piattaforma Android. Un titolo free-to-play che mirerà ai ricavi tramite l'acquisizione di oggetti e funzionalità all'interno del gioco invece che dal semplice downnload.

Phantasy Star Online 2 sarà disponibile anche su PC e PS Vita in una versione cross-platform che permetterà il multiplayer da entrambe le piattaforme, escludendo di fatto i giocatori Android e iOS che potranno invece contare su server dedicati e staccati dal resto. Questo a causa dei diversi controlli semplificati per la versione Mobile e le funzioni limitate che saranno imposte ai personaggi perchè si raggiunga una miglior esperienza d'uso su smartphone e tablet.

Oltre 100 mila giocatori si sono prenotati per partecipare attivamente allo sviluppo testando la beta prevista per fine Aprile, intanto è stata stabilita la roadmap che vedrà per prima l'uscita della versione PC attesa in estate, Android sarà la seconda piattaforma su cui sarà reso disponibile e a seguire lo vedremo anche su iOS e PS Vita (2013). Ecco il trailer:

via

Lo smartphone Android dual sim più aggiornato di sempre? Motorola Moto G 2014, compralo al miglior prezzo da Euronics a 199 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
fabrizioo2007

la domanda è:Come è possibile iscriversi alla beta privata?

AndreaBtt

Girerà sul galaxy note?

Giovanni Buzzi

spettacolare

lars_rosenberg

buon segno!

KingArthas

WAH Gioco stupendo! Lo voglio ORA XD

M4rcellO

Prima su android e poi successivamente su ios,miracolo

Galaxy S7 vs HTC 10 vs LG G5 vs Huawei P9: la "sfida" tra top di HDBlog.it

HTC 10: la nostra recensione

Samsung Galaxy S7 vs LG G5: il nostro confronto

Meizu Pro 6: la nostra recensione