Motorola: meno prodotti per il 2012 e una maggiore attenzione alla qualità

12 Gennaio 2012 15


Anche Motorola si unisce al coro di altri importanti produttori che, almeno con dichiarazioni ufficiali, sembrano voler diminuire il numero di prodotti per questo 2012. Motorola, sopratutto in America visto che in Italia nel 2011 le uscite si contano su una mano, ha lanciato moltissimi dispositivi, con tanti operati e con soluzioni spesso molto molto simili. Se pensiamo alla gamma Droid, solo il modello full QWERTY (Milestone in Italia) ha visto la commercializzazione di 3 varianti in poco più di un anno. 

Stesso discorso per la gamma Tablet che nel 2011 vanta tre modelli praticamente identici per caratteristiche tecniche generali. Tanti prodotti che creano confusione e che non vengono proposti in maniera corretta dagli operatori. Per il 2012 dunque meno prodotti, maggiore qualità e una linea chiara e trasparente.

Vedremo se rimarranno solo parole queste o se sarà davvero cosi. Purtroppo Motorola differenzia in maniera netta il mercato Americano da quello Europeo e nel nostro paese i prodotti Motorola sono pochi, sopratutto top gamma, e poco aggiornati rispetto agli stessi modelli oltreoceano. Speriamo che la diminuzione dei modelli possa portare anche aggiornamenti più rapidi nel vecchio continente.

Condividi


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Wildthing

 io invece, anche se sono appassionato di tecnologia, mi sono messo un limite e lo cambio ogni 2 max 3 anni. Cambiarlo ogni 6 mesi o dopo un anno non ha senso secondo me perchè è da spreconi. Cmq sono daccordo, max 5-6 modelli l'anno di smartphone e max 2 tablet l'anno...anche perchè ci mettono da 4 ai 6 mesi per rilasciare un aggiornamento nuovo (una vita visto i tempi in cui viviamo).

Andrea S

Ma non credo proprio, io non è che non copro cellulari, semplicemente li compro ogni 3-4 anni, e quelli vecchi se ancora funzionano (ma è molto difficile purtroppo) li rivendo, in modo che le risorse impiegate per la fabbricazione di quel dispositivo non vengano sprecate.
Noi abbiamo abituato le multinazionali alla logica "usa e getta", creando un esubero di domanda che "costringe" le multinazionali a produrre in cina e ad utilizzare materiali sempre più scadenti ed economici.
Seguendo questa mentalità, oggi le cose non vengono più progettate per durare, dal momento che è difficile che una persona si tenga uno smartphone per 10 anni. Sinceramente mi scoccia un po' spendere 600€ per un telefono che potrebbe abbandonarmi dopo 2 anni e mezzo (fuori garanzia quindi), e nessun prodotto "di tendenza" garantisce la durata perché semplicemente al pubblico non interessa!
Pertanto ritengo lodevole la scelta di Motorola. Per lo meno la ritengo una forma di rispetto per quella parte di consumatori come me che è interessata più alla qualità intrinseca del prodotto che a quanti core ha il processore del telefono o se ha l'app che parla...

Giuseppe Chiaromonte

E intanto continuo a chiedermi se il Razr MAXX arriverà o meno in europa... Nicolò, ne sai qualcosa?

Markk Niesel

sarebbe anche ora ma al ces 2012 hanno presentato una valanga di roba... xD

Niccolò Tacconi

qualcuno che finalmente comincia a capire!!!
speriamo solo che tra i "pochi" devices che lanceranno, ci siano differenti soluzioni e non smartphones praticamente identici con poche variazioni!
dai motorola!!con google ed intel e questa politica, probabilmente risalirai ai piani alti!

maualt

Beh, ma non dobbiamo neanche buttare soldi a caso riempendo le tasche delle multinazionali che poi se ne fregano del cliente, una su tutte Lg ;)

maualt

Meno terminali = aggiornamenti più veloci.
Ci voleva tanto a capire che con duecento terminali in commercio non siano in grado di tenerli aggiornati e a dargli la dovuta assistenza.

Luca Milazzo

questa politica stile apple dovrebbe pero portare a coccolare maggiormente il cliente che esce un sacco di soldi,quindi far arrivare gli update,ed anche in maniera veloce,una buona assistenza ecc..
non che compri un cell da 600 euro e poi ti abbandonano

N#O#R#U#L#E#S

con tutto il rispetto ma se tutti facessimo come te ,senza un circolo di denaro, il mondo (e non solo tecnologico) saebbe finito da un pezzo ihihi...

N#O#R#U#L#E#S

io direi invece maggiore e migliore supporto anke alla clientela europea sopratutto per quanto riguarda gli updates............

Guest

ormai basta non farsi fregare più da certi brand...conoscere prima dell acquisto se il device ha il bootloader sbloccato e via con le Rom!

dert

veramente peccato.. tanti terminali che non hanno avuto aggiornamenti adeguati e quindi lasciati andare.
Politica commerciale orrendissima in passato che a quanto pare sembra migliorare solo con l'ultimo Motorola Razr!!

bxc123

 monaaaa

Andrea S

Dovrebbero fare tutti così, ma mi rendo conto che abbattere il consumismo è una utopia nella nostra cultura occidentale...felice di essere una delle poche pecore nere che cambiano il telefono solo quando si rompe :)

Davide

Sempre motorola, l'unica casa produttrice in grado di sfornare ancora Telefoni per quanto riguarda ricezione e modulo radio con la T maiuscola.

Nexus 6: unboxing, prime impressioni e confronti di HDblog.it

Samsung Galaxy Note Edge: la Recensione di HDblog.it

Android One: la Recensione di HDblog.it | Karbonn Sparkle V

YotaPhone 2: la Recensione di HDblog.it